Xi chiede più leggi tecniche e punta a una maggiore regolamentazione in futuro

La Grande Sala del Popolo è visibile dopo la riunione di chiusura della quarta sessione del 13° Congresso Nazionale del Popolo l’11 marzo 2021 a Pechino, in Cina.

VCG | Gruppo ottico cinese | Getty Images

Pechino – Presidente cinese Xi Jinping Ha chiesto ai massimi leader di accelerare il lavoro su nuove leggi per il settore tecnologico durante un discorso all’inizio di dicembre, secondo la rivista bimestrale del Partito Comunista Cinese pubblicata mercoledì.

È un segno che i regolamenti non stanno ancora scomparendo, anche se la lettera copre pochi nuovi territori Gli economisti prevedono che il peggio della campagna di Pechino sia passato.

Xi ha affermato, secondo la traduzione del testo cinese della CNBC, che la Cina dovrebbe “accelerare il ritmo della legislazione nei settori dell’economia digitale, della finanza su Internet, dell’intelligenza artificiale, dei big data, del cloud computing, ecc.”

Ha anche chiesto più leggi per garantire la sicurezza nazionale e ha sollecitato un maggiore uso della legge nelle “lotte internazionali” – comprese Di fronte a sanzioni estere.

Ma la maggior parte del discorso di Xi, pronunciato il 6 dicembre al Politburo centrale cinese dei massimi leader, si è concentrato su ampi punti teorici come non seguire ciecamente i regimi occidentali.

Penso che l’uso della regolamentazione come strumento per plasmare l’economia e la società che la Cina vuole sia tutt’altro che finito.

Bikini opaco

Direttore di China Economic Enterprise Network

L’anno scorso, una serie di nuove regole volte ad affrontare le presunte pratiche monopolistiche da parte di società tecnologiche, la sicurezza dei dati e altre questioni hanno scioccato gli investitori globali. I regolamenti affrontano i problemi cronicima la sorpresa ha interrotto l’attività e ha provocato licenziamenti di massa.

READ  I migliori "Rivendica le tue armi"

“Ci aspettiamo che ci saranno continui sviluppi nelle normative, soprattutto in termini di tecnologia”, ha affermato Mate Peking, direttore cinese di The Economist Corporate Network. Ha notato che Pechino ha emesso piani per costruire a “Lo stato del diritto socialista cinese” entro il 2035.

“Penso che l’uso della regolamentazione come strumento per plasmare l’economia e la società che la Cina vuole sia tutt’altro che finito”, ha detto Pechino.

Ha notato che in Occidente la legge tende a concentrarsi sul rapporto tra gli individui e lo stato, mentre in Cina l’attenzione si è concentrata sul diritto commerciale, sui rapporti tra il settore privato e lo stato.

Una panoramica di ciò che è stato fatto

Il discorso di Xi – pronunciato più di due mesi fa ma reso pubblico questa settimana – è solo una delle tante dichiarazioni ufficiali rilasciate al pubblico in un Paese in cui le informazioni sono strettamente controllate.

Leggendo tra le righe di un simile commento ufficiale, gli economisti la scorsa settimana lo hanno concluso La peggiore repressione normativa della Cina è finita Dove Pechino punta maggiormente sulla crescita. Ma hanno detto che questo non significava invertire o porre fine alle nuove regole.

“Xi si sta concentrando molto sull’uso della legge”, ha affermato Chen Long, partner della società di consulenza Plenum con sede a Pechino. “Il governo cinese usa molti regolamenti per governare. 10 anni fa era sua l’idea di voler trasformare molti regolamenti in leggi, quindi hai una base legale per queste politiche”.

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

Chen si aspetta meno sorprese nella regolamentazione tecnologica quest’anno rispetto allo scorso anno.

Ma ha sottolineato l’importanza di non leggere troppo il discorso di Xi. “Questo discorso non è una novità”, ha detto, “ma è un riassunto di ciò che hanno fatto”.

Anche per quanto riguarda l’uso della legge da parte della Cina per contrastare le sanzioni estere, Pechino lo ha fatto Tale legislazione è stata approvata a giugno. Se il governo cinese ritiene che individui o entità siano coinvolti nell’intraprendere azioni discriminatorie nei confronti di cittadini o entità cinesi, la legge consente a Pechino di congelare i beni o rifiutare l’ingresso, tra le altre misure.

“La Cina vuole usare la legge per proteggere i suoi interessi in relazione ad altri paesi, inclusa l’aggiunta di autorità nazionali e avere voce in capitolo nel plasmare le regole del diritto internazionale per servire al meglio i suoi interessi – qualcosa che non credo sia insolito per qualsiasi paese fare”, ha affermato Jeremy Dome, primo membro del Paul Tsai China Center presso la Yale University School of Law.

La regolamentazione tecnologica ha implicazioni globali

Nel frattempo, sul fronte politico, le autorità cinesi hanno intensificato i loro sforzi per sradicare la povertà e far crescere la classe media, allontanandosi dal dare priorità alla crescita economica a tutti i costi.

Gran parte del cambiamento è avvenuto dopo che il Partito Comunista Cinese al potere ha celebrato il suo centenario il 1° luglio. Il prossimo autunno, il partito dovrebbe concedere a Xi un terzo mandato senza precedenti come presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.