Wall Street chiude in ribasso poiché i dati sull’inflazione aumentano le probabilità di un aumento dei tassi della Fed

  • I futures sui fondi federali ora favoriscono un aumento del tasso di 100 punti base a marzo
  • Twitter salta dopo che è stata rivelata la posizione lunga di Hindenburg
  • Delta Air Lines cade dopo la perdita di profitti del secondo trimestre
  • Indici in ribasso: Dow 0,67%, S&P 0,45%, Nasdaq 0,15%

NEW YORK (Reuters) – Mercoledì le borse statunitensi hanno chiuso leggermente in ribasso dopo che gli investitori hanno digerito dati sull’inflazione statunitense più caldi del previsto, suscitando i timori che la Federal Reserve possa aumentare i tassi di interesse chiave di ben 100 punti base entro la fine del mese. .

Mentre tutti e tre i principali indici azionari statunitensi sono rimbalzati dai minimi di inizio giornata, diventando occasionalmente positivi durante la sessione, sono rimasti rossi alla campana di chiusura.

La crescita su base annua dei prezzi al consumo è accelerata al 9,1%, la lettura più calda dal novembre 1981, trainata da un aumento mensile dell’11,2% dei prezzi della benzina. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Eliminando la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, che sono scesi dal periodo di indagine del rapporto, l’IPC core è sceso a un tasso annualizzato del 5,9%.

“Ci si aspetterebbe che il CPI (rapporto) che abbiamo visto fosse un importante evento di eliminazione del rischio, ma il mercato si è semplicemente scrollato di dosso”, ha affermato Ross Mayfield, stratega degli investimenti presso Baird a Louisville, nel Kentucky. “(Gli investitori) si aspettavano già una Fed molto aggressiva e non credo che ciò influisca molto tranne che per l’incertezza e che abbia qualcosa a che fare con i motivi per cui i mercati non vendono oggi”.

READ  Nella battaglia giudiziaria con Twitter, Elon Musk indica il governo indiano

Il rapporto ha sollevato la possibilità che la Federal Reserve aumenti i tassi di interesse anche più dei 75 punti base precedentemente previsti. I trader di futures legati al tasso obiettivo dei fondi federali hanno valutato la possibilità di un ulteriore aumento di 100 punti base al termine della riunione politica alla fine di questo mese. Leggi di più

“Se la Fed guarda oltre la cifra principale, vedrà che i prezzi delle materie prime stanno già iniziando a ritirarsi un po’” dal periodo di indagine sull’IPC, ha affermato Mayfield, aggiungendo che un aumento del tasso di 100 punti base basato sull’IPC di un mese relazione La politica della banca centrale di giugno può essere messa ‘dietro la curva’.

Come si vede nel grafico sottostante, il core CPI sembra confermare che l’inflazione ha continuato a diminuire dal picco di marzo, ma ha ancora molta strada da fare prima di avvicinarsi all’obiettivo di inflazione media annuale del 2% della banca centrale:

La questione se l’inasprimento della politica della Fed possa frenare l’inflazione senza spingere l’economia in recessione sembra trasformarsi in quanto grave sarà la potenziale deflazione.

Media industriale del Dow Jones (.DJI) L’indice è sceso di 208,54 punti, ovvero dello 0,67%, a 30.772,79 Standard & Poor’s 500 (.SPX) Ha perso 17,02 punti, o lo 0,45%, a 3.801,78 punti e l’indice Nasdaq Composite Index (diciannovesimo) È sceso di 17,15 punti, o dello 0,15%, a 11247,58 punti.

Nove degli 11 settori principali dell’S&P 500 sono caduti, con i settori industriali (.SPLRCI) e servizi di comunicazione (.SPLRCL) Vivere il più grande calo percentuale, mentre la discrezione dei consumatori (.SPLRCD) Goditi i maggiori guadagni.

READ  Elon Musk fa un'offerta per acquistare Twitter

La stagione degli utili del secondo trimestre prenderà una svolta completa giovedì, con JPMorgan Chase & Co e Morgan Stanley che dovrebbero riportare i risultati, seguiti da Citigroup e Wells Fargo & Co venerdì.

A partire da venerdì scorso, secondo Refinitiv, gli analisti hanno visto una crescita degli utili aggregati annui di S&P del 5,7% per il periodo aprile-giugno, in calo rispetto alle aspettative del 6,8% all’inizio del trimestre.

Azioni Delta Airlines (DAL.N) È sceso del 4,5% dopo che gli utili del secondo trimestre dell’azienda hanno mancato le aspettative, anche se il CEO Ed Bastian ha affermato che una forte domanda di viaggi si tradurrà in guadagni “significativi” per l’intero anno. Leggi di più

Indice S&P 1500 Airlines più ampio (.SPCOMAIR) È sceso dell’1,7%.

Tesla Inc è avanzata dell’1,7%, mentre i produttori di chip sono avanzati (.sox) guadagnato anche terra.

Twitter Inc (TWTR.N) È balzato del 7,9% dopo che Hindenburg Research ha dichiarato di aver preso una posizione lunga significativa nel titolo della società. Leggi di più

Le emissioni in calo hanno superato le azioni avanzate alla Borsa di New York di 1,37 a 1; Sul Nasdaq, il rapporto è stato di 1,08 a 1 a favore di titoli in calo.

L’S&P 500 ha raggiunto un nuovo massimo di 52 settimane e un nuovo minimo di 41; Il Nasdaq Composite ha registrato 16 nuovi massimi e 231 nuovi minimi.

Il volume sulle borse americane ha raggiunto i 10,66 miliardi di azioni, rispetto a una media di 12,56 miliardi degli ultimi 20 giorni di negoziazione.

Lo riferisce Stephen Kolb. Segnalazione aggiuntiva di Amruta Khandekar a Bengaluru. Montaggio di Richard Chang

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.