Volvo utilizzerà l’Unreal Engine di Epic per creare una grafica “realistica” nelle sue auto elettriche

Volvo sarà l’ultima casa automobilistica a sfruttare l’abilità grafica dell’Unreal Engine di Epic Games. La casa automobilistica svedese ha dichiarato che collaborerà fortnite Innovativo per portare la “realtà visiva” alla prossima generazione di veicoli elettrici.

Il fulcro della partnership Volvo/Epic sarà l’interfaccia uomo-macchina (HMI), che, nel contesto della proprietà del veicolo, è un altro modo per descrivere il modo in cui i proprietari di auto interagiscono con il software del proprio veicolo. Volvo afferma che Epic aiuterà a costruire una piattaforma su cui gli ingegneri dell’industria automobilistica possono progettare software che migliora l’HMI mantenendo allo stesso tempo i livelli di sicurezza su cui Volvo ha scommesso così tanto della sua reputazione.

ha affermato Thomas Stovicek, Head of User Experience di Volvo Cars. “Quindi si tratta davvero di creare la prossima generazione di HMI per i nostri clienti”.

Foto: Volvo

Stovicek ha affermato che la sicurezza sarà un aspetto chiave della nuova partnership. Nel corso degli anni, l’azienda ha costruito la sua reputazione su design sicuri ed esotici e l’annuncio di oggi mira a sottolinearlo. Idealmente, Volvo vorrebbe utilizzare un Unreal Engine per presentare ai conducenti ciò che i sensori esterni dell’auto, come la telecamera, il radar e presto il lidar, vedono fuori dall’auto senza essere “opprimente”, ha detto, aggiungendo: “Può essere difficile” da affrontare. “

Stovicek ha affermato che altre informazioni, come la navigazione e la durata della batteria, nonché la visualizzazione di tali informazioni, come luci, colori e grafica in movimento, saranno migliorate grazie alla collaborazione con Epic Gamers.

Unreal Engine è lo strumento principale di Epic per la creazione di grafica 3D fotorealistica, introdotto per la prima volta nel 1998 da una prospettiva in prima persona. Non reale. Da allora, è stato utilizzato in una varietà di giochi e ha visto la sua adozione da parte di altri settori, in particolare l’industria cinematografica e televisiva.

L’industria automobilistica è un obiettivo particolarmente interessante per Epic Games, soprattutto perché le auto sono più facili da renderizzare nella vita reale rispetto agli esseri umani. (Il che la dice lunga anche sulla popolarità e la prevalenza dei giochi di corse.) Di recente, Epic ha affermato che lavorerà con GMC per fornire HMI per Pick-up Hummer EV 2022.

Foto: Volvo

Ma Epic è diventato sempre più interessato all’industria automobilistica. La logica è semplice: le auto moderne sono progettate principalmente con software e trasportano dozzine di computer incorporati che si basano su touch screen e interfacce digitali per alimentare i loro centri di infotainment. E Unreal Engine è un’ottima piattaforma per la creazione di software, quindi perché non mettere quel software nelle macchine?

“È diventato molto interessante con il nuovo hardware in arrivo nelle auto, pensare all’auto come a una piattaforma aggiuntiva su cui dobbiamo imparare”, ha affermato Heiko Wenczel, capo dell’Epic Games Lab di Detroit, “che si tratti di una prospettiva HMI, da un punto di interazione, dalle capacità del gioco, che può effettivamente portare alle esperienze utente all’interno del veicolo.

Né Volvo né Epic diranno quali veicoli saranno i primi a presentare il software offerto dall’Unreal Engine o che tipo di programma i clienti dovrebbero aspettarsi per vedere queste funzionalità implementate nella più ampia flotta di Volvo.

Volvo ha dichiarato che prevede di vendere 600.000 veicoli elettrici entro la metà del decennio e di costruire un impianto di produzione di batterie in Europa entro il 2026. La società ha affermato che sta lavorando con il partner svedese Northvolt su una nuova generazione di batterie a maggiore densità di energia progettate per essere integrate come elemento strutturale del veicolo. Le nuove batterie, in scadenza dopo il 2025, consentiranno una distanza di guida più lunga tra le cariche – fino a 625 miglia (1.066 chilometri) – e tempi di ricarica molto più rapidi.

Volvo porta anche Sviluppo software a casa Come mezzo per accelerare l’implementazione di nuovi aggiornamenti nella flotta aziendale o per correggere errori nel sistema. Il nuovo sistema operativo, che si chiamerà VolvoCars.OS, alimenterà la prossima generazione di veicoli elettrici dell’azienda e consentirà la guida senza supervisione sulle autostrade.

Foto: Volvo

Il nuovo sistema operativo fungerà da “tutto in uno” per tutte le piattaforme in esecuzione all’interno del veicolo, inclusi Android Automotive OS, Blackberry’s QNX, Linux e AUTOSAR. La società ha affermato che la sua nuova architettura sarà caratterizzata da un computer core a due sistemi su un chip fornito da Nvidia. Inizialmente, uno si concentrerà sulle funzioni di guida di base e l’altro su caratteristiche semi-autonome e funzioni più avanzate. In futuro, Volvo spera di combinare i due computer in un unico sistema per un’elaborazione più efficiente.

In definitiva, Volvo vuole aiutare Epic Games ad aggiornare le sue auto di prossima generazione, riconoscendo anche che l’eccesso di funzionalità è un vero problema. Ovviamente saranno inclusi rendering più chiari, colori più ricchi e nuove animazioni 3D. Ma tutto ciò che distrae l’autista non farà parte del pacchetto.

“Non c’è niente sul tavolo per noi”, ha detto Stovicek. “Ma ovviamente, ciò che è importante per noi è consegnare al momento giusto, assicurandoci di avere un’esperienza di guida sicura e che non stiamo distraendo il guidatore nel modo sbagliato”.

READ  Google Pixel Watch perde di nuovo e sembra familiare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.