USMNT si qualifica per la Coppa del Mondo: non sottovalutare la tua sconfitta in Costa Rica, il futuro è luminoso per il football americano

Il 1 luglio 2014 è stata l’ultima volta che qualcuno ha visto la squadra nazionale di calcio maschile degli Stati Uniti alla Coppa del Mondo FIFA. È stata una sconfitta per 2-1 contro il Belgio ai supplementari agli ottavi, lo sai. Quasi otto anni dopo, Chris Wondolowski sbaglia e quei 14 contrasti di Tim Howard sono ancora freschi. Quella sconfitta è ancora dolorosa. Ora il palcoscenico più grande di tutti gli sport includerà ancora una volta il rosso, il bianco e il blu, e con esso arriveranno le più alte aspettative che questa squadra abbia mai visto.

Mercoledì sera a San Jose, in Costa Rica, questo giovane USMNT ha prenotato il suo biglietto per il Qatar, anche se è venuto dopo i poveri 2-0 sconfitta Dove la squadra era incoerente e soffriva della forza fisica dell’avversario. Era più resistente agli agenti atmosferici che elettrico e avrebbe sollevato domande ridicole a causa del cattivo gusto lasciato in bocca a giocatori e tifosi, ma ricordiamoci: i bambini commettono errori. Le squadre giovani, a volte, semplicemente non si esibiscono, soprattutto in trasferta. Potrebbero non aver seguito le istruzioni alla T, a volte avanzavano lentamente, ma all’inizio ci sono stati alcuni momenti incoraggianti. Come sempre, la strada in CONCACAF è diversa da qualsiasi altra cosa in questo sport.

Il momento delle qualifiche è arrivato dopo una sessione di qualifiche in fuga per gli Stati Uniti, dove la profondità è stata pesantemente testata dal programma influenzato dal COVID che era ancora più affollato di quanto non fosse stato, un percorso che il manager Greg Berhalter ha gestito bene. Dal mandare a casa Weston McKennie in anticipo con problemi fuori campo al tentativo di capire come affrontare tutti gli infortuni, era tutt’altro che perfetto. Ma, al contrario, ha dimostrato che l’USMNT, in gran parte, è tornato.

READ  LeBron James segna 50 punti e guida i Los Angeles Lakers alla vittoria dei Wizards in una "performance epica"

In 14 partite, solo due giocatori, Anthony Robinson e Tyler Adams, hanno giocato più di 1.000 minuti. Solo altri due, il difensore centrale Miles Robinson e Walker Zimmerman, hanno giocato più di 800. Quindi portare a termine questo lavoro è stato un vero lavoro di squadra, ha richiesto la mentalità del prossimo uomo e un gruppo di giocatori impegnati ad andare avanti e catturare il momento,

“E’ stato sicuramente un ottovolante”, ha detto Christian Pulisic a CBS Sports dopo la partita. “Non è mai facile scendere e giocare in questi paesi CONCACAF. Lo sappiamo. Abbiamo lottato per la maggior parte, e alla fine siamo tra i primi tre e andremo alla Coppa del Mondo. Dovremmo essere orgogliosi”.

Attraverso alti e bassi, attraverso buoni e cattivi risultati, questa squadra ha trovato ancora una volta un punto d’appoggio sotto Berhalter e ha realizzato ciò che si era prefissata di fare. La vera qualificazione nel 2022 è una continuazione del 2021, che è stato davvero il momento in cui questa generazione di giocatori è entrata nel proprio mondo. Quell’estate vinsero non solo la Nations League ma anche la Gold Cup. Ora il 2022 è la loro occasione per mostrare al mondo che anche i ragazzi americani possono giocare. Se lo sono meritato, con 14 estenuanti partite e 1.260 minuti in cui la qualificazione non era garantita, quando il gioco non era sempre bello, ma dove c’era il cuore e la determinazione che ispiravano i fan che erano offesi da ciò che avevano visto non molto tempo fa.

Non lasciarti ingannare da questa partita: questa squadra è stata più buona che cattiva ed è stata molto migliore di quella che abbiamo visto durante il torneo del 2018. L’USMNT non ha mai avuto così tanto talento, non ha mai avuto una squadra di questo giovane che indossava questi colori e approfittava di ciò che facevano. Hanno vinto metà delle loro partite, hanno subito solo 10 gol in 14 partite e hanno segnato una media di 1,7 punti a partita dopo aver guadagnato solo 1,2 nel torneo del 2018. Forse la cosa più importante, questa è stata la squadra USMNT più giovane nella storia dei playoff: 23 anni, 302 una media giorno, e hanno fatto ciò che l’ultima sessione della squadra non è riuscita.

READ  Karl-Anthony Towns of Minnesota Timberwolves recupera in gara 4 vittoria sui Memphis Grizzlies

La base di fan è stata segnata da quello che è successo nel 2017. In questa notte, la guarigione inizia con un futuro che non potrebbe essere più luminoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.