US Open 2022: Rory McIlroy potrebbe intraprendere uno sport, ma vuole quello importante per se stesso

Brooklyn, MA – Rory McIlroy ha combattuto per lo spirito del golf nelle ultime settimane. Giovedì, nel primo round del 122° US Open, tutti hanno menzionato il motivo per cui le sue parole hanno un tale peso.

McIlroy è un hub fenomenale e fermo. Ha assunto il ruolo di principale portavoce del gioco per come potrebbe essere il suo futuro tra 10 o addirittura 50 anni, e così facendo, ha fornito spunti perspicaci, consigli saggi e un percorso da seguire per un gioco il cui equilibrio è stato decimato da il duello del LIV Golf-PGA Tour.

Ci sono anche altri grandi oratori nel gioco, ma non sparano 67 secondi attraverso le prime 18 buche del Country Club.

Il quattro volte vincitore principale sta attraversando una siccità di otto anni quando si tratta di vincere grandi partite, ma McIlroy è entrato nella settimana giocando come ha giocato negli anni. Ha quasi saltato il Masters ad aprile, è avanzato al primo round nel PGA Championship a maggio e ha vinto la scorsa settimana all’RBC Canadian Open – ottenendo più di 20 colpi e battendo Tony Finau e Justin Thomas – forse la sua migliore prestazione di sempre negli Stati Uniti Campionato aperto.

Il suo gioco ora è più stretto della maglia fittizia del collo di Tiger Woods.

Giovedì, McIlroy ha costruito qualcosa di quasi perfetto con par nelle prime sei buche e due passeri nelle ultime tre nelle ultime nove del percorso (ha iniziato al numero 10). Un ridicolo salvataggio parallelo sull’impegnativa buca-due di livello 3, più uno impossibile dal bunker nel breve Par-4 5 ha mantenuto lo slancio in discesa. Quindi Rory ha lanciato un numero 7 e un numero 8 per colpire il suo 4-under prima che un fantasma frustrato alla fine lanciasse il club e alcune parole che la NBC non sarebbe stata in grado di trasmettere anche se lo avesse voluto.

READ  Colin Morikawa è salito in cima alla classifica degli US Open con un punteggio di 4-under 66; Ha pareggiato con Joel Dahmin dopo due round

McIlroy era insolitamente certo per qualcuno che era legato a guidare il club agli US Open. Era sicuramente la persona più arrabbiata a cui ha sparato.

Oltre al campo del club, McIlroy ha scaricato il suo carico in un bunker in quella quinta buca dopo aver tagliato uno dei suoi rifiuti più interessanti in un altro bunker a pochi metri di distanza. Dopo la sua corsa, ha chiamato i giocatori davanti al suo gruppo per essere stato lento e ha spiegato perché era così frustrato.

“Avrai cose agli US Open, che si tratti di bugie o cose del genere, che non avresti davvero affrontato in nessun’altra settimana”, ha detto McIlroy della quinta buca. “È difficile non sentirsi frustrati perché sto camminando lì e dico, ‘Torna al bunker.’ Il materiale grezzo più spesso sulla pista è attorno ai bordi dei bunker.

“Stavo maledicendo all’USGA quando stavo prendendo la palla. È una di quelle cose. Succede qui, non succede davvero da nessun’altra parte. Devi solo accettarlo. Ho dato a Sand alcuni colpi perché ho ha davvero rovinato tutto, quindi non era come se fosse più lavoro per lui [caddie] Harry [Diamond]poi ho resettato e giocato un tiro decente decente, e poi è stato davvero bello dare un pugno a quel pugno.

“Ma sì, questa settimana sperimenterai cose che normalmente non incontreresti in altre settimane dell’anno, e devi solo cercare di accettarlo nel miglior modo possibile”.

Se hai seguito McIlroy per più di tre giorni, è facile dargli il filo del dubbio per questi sfoghi. Sebbene non esente da critiche dovute a progetti di scavo di sabbia e lancio di mazze, è stato anche un piacere vedere qualcuno che a volte sembrava come se stesse camminando nel sonno nei grandi tornei puri e pienamente coinvolti.

READ  Kenley Janssen salva gli Atlanta Braves al loro debutto al Dodger Stadium, ed è stata l'ultima apparizione di Freddy Freeman.

Quando gli viene chiesto se pensa che sia giusto mostrare rabbia competitiva sul campo da golf – per ricordare agli altri quanto significhi il grande business – la sua risposta è solitamente piuttosto interessante.

Disse: “Sì, certo”. “Quasi per ricordare a te stesso a volte quanto sia importante anche per te.”

Tutte le quattro vittorie principali di McIlroy includevano i primi round in cui ha segnato 67 o meno, e in quei quattro – US Open 2011, Campionato PGA 2012, Campionato Open 2014, Campionato PGA 2014 – McIlroy era in testa o era all’interno di uno dei top dopo il primo round. Questa sarà probabilmente una posizione in cui si troverà una volta terminato il round di giovedì.

Sopportare il carico dinamico di un intero sport ha sicuramente eroso le sue emozioni in modi che potrebbe non essere nemmeno in grado di riconoscere in quel momento. Quando i giocatori, i media e persino gli amministratori delegati al più alto livello del gioco chiedono quale pensi sia il modo migliore per andare avanti, le tasse sono enormi.

Tuttavia, dopo il tour, McIlroy ha posticipato il suo ruolo di statista di spicco in una partita di un secolo e mezzo.

Ha detto: “Sono solo io”. “Sto vivendo la mia vita. Faccio ciò che penso sia giusto e cerco di giocare il miglior golf possibile. Non mi è stato chiesto di essere qui. Non stavo cercando di essere in questa posizione. Sono solo me stesso. ”

Il problema di McIlroy è che è forse il più grande pilota nella storia di questo sport e forse un miglior oratore. Il suo gioco dà alle sue parole grinta e la gravità governa il mondo.

READ  Note di Mets: Scherzer, Degrum, Miguel

Quando gli US Open trovano la loro base, sarebbe bello ignorare i discorsi sul clamore e le turbolenze tra le organizzazioni che combattono una guerra ingiusta ma inevitabile. Anche McIlroy, quando gli è stato chiesto se volesse vincere questo campionato come un modo per rafforzare le sue forze per invertire ulteriormente le sorti del suo sport, ha invece acceso le luci dal futuro al passato e ora al presente.

Ha fatto quello che tutti dovremmo fare – almeno per i prossimi tre giorni – ricordando a tutti la dimensione storica del grande torneo in corso che potrebbe presto essere alla sua portata. Major Championship, basato sulle conseguenze non intenzionali dell’alleggerimento della regolare stagione di golf, ora Voglio dire più che mai.

“Non proprio”, ha detto McIlroy quando gli è stato chiesto se il cuore fuori pista dello sport fosse ispirato a fare una dichiarazione al riguardo.

“Sono passati otto anni da quando ho vinto una major e voglio solo rimetterci le mani sopra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.