Uovo preistorico controverso identificato come l’ultima “anatra della morte del diavolo”

È stato scoperto l’unico guscio d’uovo di Genyornis quasi completamente intatto. È stato localizzato da N. Spooner e raccolto da Gifford H. Miller, South Australia. La presenza di quattro fori sull’uovo indica che era preceduto da un ampio follicolo. Credito: Gifford H. Miller

I ricercatori identificano gli uccelli antichi dietro le uova preistoriche giganti

Il dibattito scientifico durato anni si è risolto in Australia su quale animale sia la vera madre del gigantesco uovo primordiale. In un recente studio, scienziati di Università di Copenaghen Le loro controparti globali hanno mostrato che le uova potrebbero essere solo le ultime di una rara serie di megafauna conosciute come le “anatre demoniache della morte”.

Considera di vivere accanto a un uccello di 200 kg, lungo 2 m e con un becco enorme. Questa era la situazione delle prime persone a stabilirsi in Australia circa 65.000 anni fa.

Juniores newtonianigli ultimi membri delle “anatre sataniche”, coesistevano lì con i nostri antenati come specie dell’ormai estinta famiglia di uccelli simili a anatre.

Genyornis Illustra

Illustrazione di Genyornis Newtoni cacciato da una lucertola gigante in Australia circa 50.000 anni fa. Credito: Illustrazione fornita dall’artista Peter Trossler.

Secondo un recente studio condotto da esperti dell’Università di Copenaghen e da un team internazionale di colleghi, l’uccello incapace di volare depone uova delle dimensioni di un melone, presumibilmente per la gioia degli antichi umani che probabilmente le raccoglievano e le consumavano come fonte primaria di proteine. La ricerca è stata appena pubblicata sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Da quando gli esperti hanno scoperto per la prima volta i pezzi di guscio d’uovo di 50.000 anni fa 40 anni fa, le enormi uova sono state oggetto di dibattito. Fino a poco tempo non si sapeva se le uova appartenessero davvero alla famiglia delle “anatre del diavolo”, note anche come dromornitidi.

Dal 1981, l’identità dell’uccello che depone le uova è stata fonte di controversia per gli scienziati di tutto il mondo. Mentre alcuni hanno suggerito Juniores newtonianiAltri credono che i missili da Progora Bird, un membro estinto del gruppo delle specie dei megapodi. Progora Erano “uccelli simili a galline” che pesavano solo da cinque a sette chilogrammi e avevano piedi enormi.

I gusci d’uovo sono troppo piccoli, secondo i sostenitori Progora Un uccello, per un uccello delle dimensioni di Juniores newtoniani per metterli.

“Tuttavia, la nostra analisi delle sequenze proteiche delle uova mostra chiaramente che il guscio d’uovo non può provenire da megacode e Progora Lo spiega Josephine Stiller, assistente professore presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Copenaghen e uno dei ricercatori dietro il nuovo studio.

“Potrebbero essere solo Genyornis. In quanto tali, abbiamo interrotto una lunga e accesa discussione sull’origine di questi ovociti”, aggiunge il coautore e professore dell’Università di Copenaghen Matthew Collins, la cui area di ricerca è la genetica evolutiva.

Uovo di Emu e Genyornis Newtoni

A destra c’è un uovo di emù ea sinistra c’è l’uovo, che i ricercatori ritengono abbia avuto origine dal demone Duck of Doom, Juniores newtoniani. L’ultimo uovo pesa circa 1,5 chilogrammi, che è più di 20 volte il peso di un uovo di gallina medio. Credito: Trevor degno

Selezionare l’analisi delle proteine ​​e il database del gene genitore

Nelle dune di sabbia di Wallaroo e Woodpoint, nell’Australia meridionale, gli scienziati hanno esaminato le proteine ​​dei gusci d’uovo.

Le proteine ​​sono state frantumate in piccoli pezzi mediante sbiancamento prima che i ricercatori assemblassero i pezzi nella sequenza corretta e usassero l’intelligenza artificiale per studiarne la struttura. Le sequenze proteiche hanno fornito loro una serie di “codici” genetici che potevano confrontare con i geni di oltre 350 specie di uccelli attualmente esistenti.

Genyornis femore newtoniano

femore da Juniores newtoniani (Sinistra) E alla tua destra c’è un osso sfenoide un po’ più piccolo di una cupola. Credito: Trevor degno

“Abbiamo utilizzato i nostri dati dal progetto B10K, che attualmente contiene i genomi di tutti i principali lignaggi di uccelli, per ricostruire il gruppo di uccelli a cui probabilmente apparteneva l’uccello estinto. È diventato evidente che le uova non sono state deposte da un megacodice e quindi non appartengono ProgoraJosephine Stiller spiega.

Pertanto, i ricercatori hanno risolto il mistero dell’origine delle antiche uova australiane e ci hanno fornito nuove conoscenze sull’evoluzione.

“Siamo lieti di aver condotto uno studio multidisciplinare in cui abbiamo utilizzato l’analisi della sequenza proteica per fare luce sull’evoluzione degli animali”, conclude Matthew Collins.

Le uova venivano consumate dai primi esseri umani in Australia

Precedenti ricerche sui frammenti d’uovo suggeriscono che i gusci fossero cotti e poi gettati in bracieri. La carbonizzazione sulla superficie del guscio d’uovo ne è una conferma, dimostrando che i primi australiani divorarono le uova circa 65.000 anni fa.

Frammenti di guscio d'uovo di Genyornis

Frammenti di guscio d’uovo da un antico nido nell’Australia meridionale. La massa di guscio d’uovo raccolta all’interno di un metro quadrato equivale a circa 12 uova intere. Credito: Gifford H. Miller

Forse i primi australiani hanno raccolto le uova dai nidi, cosa che l’ipotesi sostiene, potrebbe aver portato all’estinzione dei Jenornis 47.000 anni fa.

Per ulteriori informazioni su questa ricerca, vedere Il primo popolo australiano a mangiare uova giganti di enormi uccelli incapaci di volare.

Riferimento: “Ancient Proteins Solve the Genyornis Eggshell Identity Debate” di Beatrice Demarche, Josephine Stiller, Alicia Greeley, Megan McKee, Yuan Ding, Tom Gilbert, Julia Clarke, Lucas J. Maggie, Joji Zhang, Michael Pons, Matthew James Collins e Gifford Miller, 24 maggio 2022, disponibile qui. Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.
DOI: 10.1073/pnas.2109326119

READ  Vola il tuo nome gratuitamente intorno alla luna nella missione Artemis I della NASA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.