Un’onda anomala di 58 piedi da record è stata rilevata al largo dell’isola di Vancouver

Visualizzazione della simulazione dell'onda anomala, che mostra la galleggiabilità del sensore durante il rilevamento del rigonfiamento transitorio.

Visualizzazione della simulazione dell’onda anomala, che mostra la galleggiabilità del sensore durante il rilevamento del rigonfiamento transitorio.
foto: Laboratori Marini

Muro alto 58 piedi delle acque che emergono al largo dell’isola di Vancouver nel 2020 sono tra le più grandi onde anomale mai registrate e lo sono È il più grande in termini di rapporto con le onde circostanti, secondo gli scienziati.

nuovo Ricerca In Scientific Reports descrive l’onda gigante, apparsa al largo della costa di Ucluelet, British Columbia, il 17 novembre 2020. L’onda anomala ha raggiunto i 58 piedi (17,6 metri) – un’altezza pari a quattro –sarò ombrato.

Johannes Gimrich, primo autore dello studio e fisico ricercatore presso l’Università di Victoria, ha detto in affermazione. Ha aggiunto Che “la probabilità che un tale evento si verifichi una volta ogni 1300 anni”.

la dimensione di questo L’onda è francamente terrificante e un’ulteriore prova che all’improvviso L’emergere di torri d’acqua è più di semplici racconti di marinai. Le onde anomale sono simili alle onde regolari, tranne per il fatto che sono più del doppio dell’altezza delle onde circostanti. Nonostante nomi come “onde strane” e “onde assassine”, questi rigonfiamenti sono un normale fenomeno oceanico, sebbene esistano. Il motivo non è ancora ben compreso. È stato probabilmente creato da una varietà di fattori, come la velocità del vento, la direzione del vento, la profondità dell’acqua e le caratteristiche che hanno a che fare con il fondo del mare. Le onde anomale non devono essere confuse con gli tsunami, che tendono a causare enormi spostamenti d’acqua a causa di Terremoti, frane o eruzioni vulcaniche.

“Sono state osservate direttamente solo alcune onde anomale nei paesi d’alto mare, ma possono rappresentare un rischio per le operazioni marittime, le strutture terrestri e marittime e i bagnanti”, hanno scritto gli scienziati nel loro studio. Indubbiamente, la natura imprevedibile e la forza di queste onde montuose le rendono particolarmente pericolose.

La prima ondata sinistra è stata rilevata al largo delle coste della Norvegia il giorno di Capodanno del 1995 ed è stata soprannominata “Drobner. È alto 84 piedi (25,6 metri).Il che lo rende più lungo di un’onda occulta. Ciò che rende l’Ucluelet da record è che era tre volte più alto delle onde circostanti, mentre il Draupner era alto poco più del doppio di quello che era. Gli scienziati hanno registrato una minore dispersione di altre onde anomale, tra cuiAndrea(2007) E “Kellar(2015), ma è probabile che questo tipo di onda plus size appaia più spesso di quanto pensiamo, semplicemente non lo sappiamo.

L’onda mostruosa è stata rilevata da una boa lunga tre piedi che galleggiava a 148 piedi (45 m) sopra il fondo dell’Oceano Pacifico. Vittoria Sistemi di dati di laboratorio marino mettilo Costscott Una boa sensore – attualmente una delle 26 boe posizionate strategicamente lungo le coste e gli oceani del Nord America – si trova presso l’Amphitrite Bank a circa 7 km al largo dell’isola di Vancouver.

“L’imprevedibilità delle onde anomale e l’assoluta forza di questi ‘muri d’acqua’ possono renderli incredibilmente pericolosi per le operazioni navali e per il pubblico”, ha affermato il CEO di Marine Labs Scott Petty nella dichiarazione. “La prevedibilità delle onde anomale rimane una questione aperta, ma i nostri dati aiutano a capire meglio quando, dove e come si formano le onde anomale e i rischi che comportano”.

Marine Labs prevede di aumentare la sua flotta a 70 boe entro la fine del 2022, il che migliorerà significativamente le sue capacità di sorveglianza. E grazie a Dio per quello. TC’è ancora molto da imparare su questi giganteschi e pericolosi rigonfiamenti.

Di più: Il massiccio tsunami di un asteroide che uccide dinosauri ha scolpito “Megaripples” sul fondo dell’oceano.

READ  I documenti rivelano le lotte interne della NASA per la ridenominazione del telescopio Webb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.