Uno studio ha rivelato che una diminuzione dell’inquinamento atmosferico ha portato ad un aumento del riscaldamento globale

Il grande paradosso: la riduzione dell’inquinamento atmosferico ha aumentato il riscaldamento globale perché l’aria pulita non contiene particelle di aerosol che riflettono la luce solare e raffreddano la Terra.

  • Gli attuali tassi di inquinamento sono inferiori del 30% rispetto al 2000
  • Tuttavia, ciò ha portato ad un aumento del riscaldamento globale delle emissioni di carbonio
  • Gli scienziati hanno scoperto che c’è meno foschia nell’atmosfera per bloccare la radiazione solare
  • Suggeriscono di utilizzare l’ingegneria solare per rilasciare particelle di aerosol nell’atmosfera nel tentativo di combattere il cambiamento climatico

Gli scienziati hanno scoperto un grande paradosso in natura: l’aria pulita favorisce il riscaldamento globale, mentre l’inquinamento mantiene fresco il nostro pianeta.

Un team di ricercatori internazionali ha stabilito che gli attuali tassi di inquinamento sono inferiori del 30% rispetto a quelli del 2000, ma il riscaldamento globale dovuto alle emissioni di anidride carbonica è aumentato fino al 50%.

Le particelle di inquinamento, come solfati o nitrati, sono note per le loro proprietà riflettenti e di solito si trovano nei gas di scarico.

Il team, in una mossa disperata, propone di ricorrere nuovamente agli aerosol, ma per farlo utilizza un tipo controverso di geoingegneria.

Questo metodo, chiamato ingegneria solare, comporta il rilascio di particelle di solfato nella stratosfera che a sua volta farà apparire foschia riflettente in tutto il mondo, Science.org rapporti.

Lo studio, condotto dall’Università di Lipsia, fornisce buone notizie per la salute umana – queste particelle sono collegate a milioni di morti ogni anno – ma è desolante per ciò che il futuro riserva all’umanità.

READ  La navicella spaziale della NASA scopre crateri sulla luna che si aggirano sempre intorno a una temperatura confortevole

Scorri verso il basso per il video

Mentre l’inquinamento è diminuito del 20% dal 2000, il riscaldamento risultante dalle emissioni di carbonio è aumentato

Il team ha scoperto che le temperature oceaniche sono aumentate dal 2000, il che, secondo loro, è dovuto al fatto che il mondo ha adottato politiche che riducono l’uso di aerosol.

Johannes Coas, scienziato del clima presso l’Università di Lipsia e autore principale dello studio, ha detto a Science.org che lo studio è stato condotto utilizzando strumenti sulle lune Terra e Aqua della NASA, che raccolgono entrambi dati sull’atmosfera terrestre.

Questi dispositivi raccolgono anche informazioni sulle radiazioni dentro e fuori la Terra, consentendo allo studio di comprendere l’aumento del calore infrarosso intrappolato dai gas serra.

Un altro strumento sui satelliti ha mostrato una diminuzione della luce riflessa dalla Terra.

Gli scienziati hanno utilizzato i satelliti Terra e Aqua della NASA (nella foto) per studiare l'atmosfera e hanno scoperto che c'è meno foschia perché l'aria è più pulita.  Meno nebbia significa che entrano più radiazioni

Gli scienziati hanno utilizzato i satelliti Terra e Aqua della NASA (nella foto) per studiare l’atmosfera e hanno scoperto che c’è meno foschia perché l’aria è più pulita. Meno nebbia significa che entrano più radiazioni

Venkachalam Ramaswamy, direttore del National Oceanic and Atmospheric Administration Laboratory of Geophysical Fluid Dynamics, ha detto a Science.org che può esserci solo una spiegazione per questo: aria più pulita. Laboratorio Dinamico. “È molto difficile trovare ragioni alternative per questo”, ha detto.

Tutti questi dati hanno permesso al team di analizzare la nebbia nell’atmosfera, portandoli a identificare la nebbia sopra il Nord America, l’Europa e l’Asia orientale che è stata in gran parte rimossa dal 2000 al 2019.

I risultati hanno acceso l’idea di restituire particelle di inquinamento nell’atmosfera, che a sua volta rifletterebbe la radiazione solare nello spazio e alla fine limiterebbe o invertirebbe il cambiamento climatico causato dall’uomo.

Questo metodo è stato proposto dall’esperimento di turbolenza controllata nella stratosfera, finanziato dal fondatore di Microsoft Bill Gates.

Questo test iniziale da 3 milioni di dollari utilizzerà un pallone scientifico ad alta quota per sollevare circa quattro libbre di polvere di carbonato di calcio – le dimensioni di un sacchetto minuto – nell’atmosfera a 12 miglia sopra il deserto del New Mexico.

Questo seminerebbe un’area a forma di tubo lunga mezzo miglio e con un diametro di 100 iarde.

Nelle prossime 24 ore, la mongolfiera sarà guidata di nuovo dalle eliche attraverso questa nuvola artificiale, poiché i sensori di bordo monitoreranno le capacità della polvere di riflettere il sole e i suoi effetti sulla sottile aria circostante.

Tuttavia, SCoPEx è in attesa, nel timore che possa innescare una catastrofica reazione a catena, scatenando il caos climatico sotto forma di gravi siccità e uragani e uccidendo milioni di persone in tutto il mondo.

Annunci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.