Uno scalatore monta la bandiera ucraina sul monte Putin in Kirghizistan. La polizia indaga sui “rifiuti”

La polizia del Kirghizistan afferma che stanno indagando sull’alzabandiera di una bandiera ucraina sulla cima di una montagna chiamata “Putin” in onore del dittatore russo. Giovedì, un alpinista ha pubblicato un video su Twitter che mostrava una bandiera ucraina che sventolava vicino a un cartello che indicava “Putin’s Peak” a un’altitudine di 4.446 metri.

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

“I servi lo hanno portato e bloccato qui. Non sappiamo chi siano”, ha aggiunto lo scalatore, un’emoticon che suggerisce una presa in giro.

L’AFP ha citato Agerpres dicendo che il Kirghizistan, un paese povero e montuoso dell’Asia centrale, era un fedele alleato della Russia. La polizia della capitale, Bishkek, ha annunciato giovedì di aver sentito che Putin si stava recando in vetta martedì sera, secondo due alpinisti.

“Durante l’interrogatorio come testimoni, hanno spiegato di essere saliti al piano di sopra e di aver trovato la bandiera e l’hanno filmato al telefono”, ha detto un portavoce della polizia, aggiungendo che gli autori potrebbero essere multati per “sporcizia”.

Lo scalatore, che ha postato il video, giovedì ha scritto su Twitter di aver saputo dalla polizia insieme al compagno di trekking che era stato convocato venerdì e che i preposti alla rimozione della bandiera si erano contattati e chiesto indicazioni. .

Il leader precedentemente senza nome è stato ribattezzato “Putin” in memoria del dittatore del Cremlino nel 2011, in un momento in cui le relazioni del Kirghizistan con la Russia si stavano rafforzando, a seguito di una rivoluzione nel Paese dell’Asia centrale un anno prima.

READ  Joe Biden ha annunciato misure globali per frenare l'aumento dei prezzi del carburante

La cima di 5.169 metri è stata nominata nove anni fa in memoria di Boris Eltsin, il primo presidente della Russia.

Entrambe le montagne fanno parte della catena Tian-Shan. Entrambe le vette sono precedute dai 7.134 metri di Lenin, che confina con il Tagikistan, rendendolo uno dei più alti della regione.

Autore: Adrian Dumitru

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.