Una stella in orbita attorno al buco nero della Via Lattea a 18 milioni di miglia orarie

Una stella scoperta di recente, ora conosciuta come S4716, sta viaggiando a una sorprendente velocità di 5.000 miglia (8.000 km) al secondo attorno al buco nero al centro della nostra galassia, la Via Lattea, Space.com menzionato.

La vasta distesa del nostro universo significa che gli astronomi trovano sempre qualcosa che non hanno mai visto prima. All’inizio di questa settimana, gli astronomi lo hanno individuato Due asteroidi delle dimensioni di un autobus dirigendoci verso la Terra, che passerà un quarto di ciò che ci separa dalla Luna.

A parte gli asteroidi, la nostra galassia è di particolare interesse per gli astronomi che cercano segni di altri pianeti che supportano la vita. Al centro della Via Lattea c’è un buco nero supermassiccio chiamato Sagittarius A* o Sgr A* e S4716 orbita attorno a questo buco nero a un ritmo feroce.

Cosa sappiamo dell’S4716

Dalle osservazioni fatte finora, sappiamo che a 5.000 miglia (8.000 km) al secondo o 18 milioni di miglia (29 milioni di km) all’ora, S4716 è la stella più veloce in orbita attorno a Sgr A*. Completa la sua orbita intorno a 14,6 milioni di km (23,5 milioni di km) di diametro. Buco nero In soli quattro anni.

S4716 fa parte di un denso gruppo di altre stelle in orbita anche attorno a Sgr A* che gli astronomi chiamano gruppo S. Tutte le stelle di questo gruppo si muovono ad alta velocità ma differiscono per massa e luminosità. Un’altra stella in questo gruppo, nota come S2, è più comunemente nota ed è molto più grande di S4716.

Tuttavia, l’orbita di S2 attorno al buco nero dura 16 anni ed è più vicina a 11 miliardi di miglia (18 miliardi di km) da Sgr A*. In confronto, S4716 si trova a circa 9,2 miliardi di miglia (150 milioni di km) vicino al buco nero, circa 100 volte la distanza tra la Terra e il Sole.

READ  La creatività dell'elicottero di Marte che vola sul 22esimo viaggio verso il pianeta rosso

La scoperta di una stella così vicina a un buco nero potrebbe cambiare la nostra comprensione dell’evoluzione della nostra galassia e delle sue stelle in rapido movimento. Michael Zajek, astrofisico della Masaryk University di dichiarazione. “stelle Non può formarsi facilmente vicino a un buco nero. S4716 ha dovuto spostarsi verso l’interno, ad esempio avvicinandosi a stelle e altri oggetti nell’ammasso S, il che ha causato una drastica riduzione della sua orbita”.

Come hanno fatto gli astronomi a scoprire la stella più veloce?

Mentre S2 ci ha aiutato a capire più dettagli su Sgr A*, ha degli svantaggi. “S2 si comporta come una grande persona seduta di fronte a te al cinema – ti blocca la visuale di ciò che è importante. Quindi S2 spesso oscura la visuale al centro della nostra galassia,” Egli ha detto Florian Bisker, astrofisico dell’Università di Colonia, che è stato coinvolto in questa ricerca, ha affermato in una nota.

Bisker e il suo team hanno utilizzato i dati di cinque telescopi, NIR2 e OSIRIS, presso l’Osservatorio Keck alle Hawaii, e i grandissimi telescopi SINFONI, NACO e GRAVITY hanno affinato le loro tecniche analitiche per più di due decenni per confermare il periodo orbitale di S4716. “Era del tutto inaspettato che una stella si trovasse in un’orbita stabile così vicina e veloce così vicina a un buco nero supermassiccio”, ha aggiunto Bisker.

La ricerca è stata pubblicata in Giornale astrofisico.

Riepilogo

Il monitoraggio costante del centro galattico e di Sgr A*, il buco nero supermassiccio centrale, sta producendo risultati sorprendenti e inaspettati. Ciò va di pari passo con lo sviluppo tecnico di telescopi e strumenti terrestri e spaziali, ma anche con lo sviluppo di tecniche di filtraggio delle immagini come l’algoritmo Lucy Richardson. Mentre continuiamo a seguire i membri dell’ammasso S vicino a Sgr A* sul loro percorso previsto attorno al buco nero supermassiccio, presentiamo la scoperta di una nuova sorgente stellare, che chiamiamo S4716. La stella appena scoperta orbita attorno a Sgr A* in circa 4,0 anni e può essere rilevata con NIRC2 (Keck), OSIRIS (Keck), SINFONI (VLT), NACO (VLT) e GRAVITY (VLTI). Con una distanza dal bordo di circa 100 au, S4716 mostra una distanza equivalente verso Sgr A* come S4711. Queste stelle in rapido movimento subiscono un’evoluzione dinamica simile, con S4711 – S4716 che condividono proprietà orbitali simili. Inoltre, collegheremo la recente scoperta di una debole nuova stella chiamata S300 ai dati qui presentati. Inoltre, abbiamo osservato un evento di fusione di stelle con S4716 e un’altra stella S S148 appena identificata nel 2017.

READ  banco! Gli scienziati hanno scoperto un "megamaser" da record a 5 miliardi di anni luce di distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.