Un vero colpo per Putin: circa 15.000 soldati russi uccisi in Ucraina (servizi segreti britannici e statunitensi)

Circa 15.000 soldati russi sono morti in Ucraina dall’inizio della guerra, stimano le agenzie di intelligence statunitensi e britanniche, riferisce AFP citando Agerpres.

Soldati russi in un’auto blindata in UcrainaFoto: Twitter

Richard Moore, capo del Foreign Intelligence Service (MI6) britannico, ha dichiarato giovedì che il bilancio delle vittime russe di 15.000 è stato “probabilmente una stima prudente” e un “vero colpo” per il presidente russo Vladimir Putin. Ucraina senza perdite così gravi.

“È lo stesso numero degli ultimi dieci anni in Afghanistan negli anni ’80”, ha aggiunto all’Aspen Conservation Forum nelle Montagne Rocciose.

“Non stiamo parlando di giovani della classe media di San Pietroburgo o di Mosca”, ha elogiato. “Questi sono ragazzi poveri della Russia rurale, provengono da città della classe operaia in Siberia, sono per lo più minoranze etniche. Sono la sua carne da cannone”, ha detto.

All’inizio della giornata, il direttore della CIA ha fatto una valutazione simile. Bill Burns ha detto che le perdite russe sono state “circa 15.000 morti e tre volte più feriti”. “Si tratta di perdite significative. Anche gli ucraini hanno subito perdite, forse minori, ma significative”, ha affermato il capo dell’agenzia di intelligence statunitense.

READ  Chi sta sussurrando all'orecchio di Vladimir Putin? Tre "apostoli" che potrebbero influenzare la sua decisione di invadere l'Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.