Un razzo Falcon 9 decolla dalla Florida per un’altra missione Starlink: Spaceflight Now

Copertura in diretta del conto alla rovescia e del lancio del razzo SpaceX Falcon 9 dal Launch Complex 39A al Kennedy Space Center della NASA in Florida. La missione Starlink 4-25 lancerà il prossimo lotto di SpaceX di 53 satelliti Starlink su larga scala. Seguici Twitter.

SFN in diretta

SpaceX ha inviato in orbita un altro lotto di 53 satelliti Internet Starlink domenica a bordo di un razzo Falcon 9, la 33a missione dell’anno della compagnia e il sesto lancio a luglio. Il decollo ha avuto luogo dalla piattaforma 39A del Kennedy Space Center della NASA in Florida alle 9:38 EDT (1338 GMT).

Il booster Falcon 9 è atterrato su una nave drone SpaceX parcheggiata nell’Oceano Atlantico a nord-est di Cape Canaveral.

Il razzo si è diretto a nord-est del Kennedy Space Center, con l’obiettivo di fornire stazioni di trasmissione a banda larga imballate in un’orbita compresa tra 144 miglia e 210 miglia (232 x 338 chilometri). 53 satelliti piatti sono stati schierati dallo stadio superiore del Falcon 9 circa 15 minuti dopo il decollo.

Con la missione di domenica, denominata Starlink 4-25, SpaceX ha lanciato 2.957 satelliti Internet Starlink, inclusi prototipi e unità di prova che non sono più in servizio. Il lancio di domenica è stata la 53a missione di SpaceX dedicata principalmente a spostare in orbita i satelliti Internet di Starlink.

Di stanza all’interno di una sala di tiro del Kennedy Launch Control Center, il team di lancio di SpaceX ha iniziato a caricare propulsori a cherosene condensato ultra-freddo e ossigeno liquido nel Falcon 9 da 229 piedi (70 m) nel T-minus di 35 minuti.

READ  Un fossile svela i segreti di uno dei rettili più misteriosi della natura

Anche l’elio del compressore è stato versato nel razzo nell’ultima mezz’ora del conto alla rovescia. Negli ultimi sette minuti prima del decollo, i motori principali del Falcon 9 Merlin sono stati adattati termicamente per volare con una procedura nota come “chilldown”. Anche i sistemi di guida e sicurezza sul campo del Falcon 9 sono configurati per il lancio.

Dopo il decollo, il razzo Falcon 9 ha controllato i suoi 1,7 milioni di libbre di spinta – prodotta da nove motori Merlin – per la guida nell’Atlantico nord-orientale.

Il missile ha superato la velocità del suono in circa un minuto, quindi ha spento i suoi nove motori principali due minuti e mezzo dopo il decollo. Lo stadio boost è stato attivato dallo stadio superiore del Falcon 9, quindi ha sparato impulsi da propulsori di controllo del gas freddo e alette della griglia in titanio estese per aiutare a riportare il veicolo nell’atmosfera.

Due ustioni pelviche hanno rallentato il missile mentre è atterrato a bordo del drone “A Shortfall of Gravitas” a circa 400 miglia (650 chilometri) dopo circa otto minuti e mezzo di decollo.

Credito: volo spaziale ora

Il razzo booster della missione Starlink 4-25, noto come B1062, è stato lanciato nel suo ottavo volo nello spazio. Ha debuttato con il lancio del satellite di navigazione GPS militare statunitense nel novembre 2020 e ha lanciato tutte le missioni con equipaggio Inspiration4 e Axiom-1 nel settembre 2021 e nell’aprile di quest’anno.

Di recente, il razzo booster ha volato l’8 giugno con il satellite per comunicazioni geostazionarie egiziano Nilesat 301.

L’atterraggio del primo stadio della missione di domenica è avvenuto pochi istanti dopo che il motore del secondo stadio del Falcon 9 non è riuscito a portare in orbita i satelliti Starlink. La 53a navicella spaziale, costruita da SpaceX a Redmond, Washington, si è separata dal razzo Falcon 9 a T+ più 15 minuti e 24 secondi.

READ  Il telescopio spaziale Hubble della NASA cattura un triangolo spaziale in formazione stellare

Le barre di sostegno sono state lanciate dal carico utile Starlink, consentendo ai satelliti piatti di volare liberamente dallo stadio superiore del Falcon 9 in orbita. Il veicolo spaziale 53 ruoterà e alimenterà gli array solari attraverso fasi di attivazione automatizzata, quindi utilizzerà motori a ioni alimentati al krypton per manovrare nella loro orbita operativa.

Il computer di guida del Falcon 9 mira a schierare i satelliti in un’orbita ellittica con un’inclinazione orbitale di 53,2 gradi rispetto all’equatore. I satelliti utilizzeranno la spinta a bordo per fare il resto del lavoro per raggiungere un’orbita circolare a 335 miglia (540 chilometri) sopra la Terra.

I satelliti Starlink voleranno in uno dei cinque “gusci” orbitali in diverse direzioni dell’Internet globale per SpaceX. Dopo aver raggiunto la loro orbita operativa, i satelliti entreranno in servizio commerciale e inizieranno a trasmettere segnali a banda larga ai consumatori, che possono acquistare il servizio Starlink e connettersi alla rete attraverso una stazione di terra fornita da SpaceX.

Inclusa la missione Starlink 4-25 di domenica, SpaceX ha lanciato sei razzi Falcon 9 in soli 17 giorni questo mese, schierando 251 satelliti Internet Starlink su cinque voli e inviando anche una capsula cargo Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale.

Razzo: Falco 9 (B1062.8)

Carico utile: 53 satelliti Starlink (Starlink 4-25)

sito di lancio: LC-39A, Kennedy Space Center, Florida

Data pranzo: 24 luglio 2022

ora di pranzo: 9:38:20 EST (1338:20 GMT)

previsioni del tempo: 80% di possibilità di tempo accettabile; basso rischio di venti di quota superiore; Ridotto rischio di condizioni sfavorevoli a una migliore guarigione

Recupero dal rinforzo: Nave drone denominata “A Shortfall of Gravitas” a est di Charleston, nella Carolina del Sud

READ  La rianalisi del fossile ha scoperto che proveniva dal ramo più antico dei vertebrati

LANCIO AZIMUT: il Nordest

orbita bersaglio: 144 miglia per 210 miglia (232 chilometri per 338 chilometri), 53,2 gradi miglia

Cronologia di lancio:

  • T+00:00: decollo
  • T+01: 12: pressione massima dell’aria (Max-Q)
  • T+02:27: Prima fase di spegnimento del motore principale (MECO)
  • T+02:30: Separazione del palco
  • T+02:37: Accensione del motore nella seconda fase
  • T+02:42: Sbarazzati della calma
  • T+06:48: accensione del primo stadio in entrata (tre motori)
  • T+07:08: taglio combustione ingresso primo stadio
  • T+08:25: Accensione bruciatore 1° stadio (monomotore)
  • T+08:43: Spegnimento motore secondo stadio (SECO 1)
  • T+08:46: Atterraggio primo stadio
  • T+15:24: Disconnessione satellitare Starlink

Statistiche sul lavoro:

  • Il 167° varo del Falcon 9 dal 2010
  • Il 175° lancio della famiglia Falcon dal 2006
  • L’ottavo lancio del Falcon 9 Booster B1062
  • Falcon 9 #144 lanciato dalla costa spaziale della Florida
  • SpaceX52 lanciato dalla piattaforma 39A
  • 146° rilascio assoluto dalla tavola 39A
  • Volo 109 del booster Falcon 9 riutilizzato
  • Il lancio del 53° Falcon 9 dedicato con i satelliti Starlink
  • Il 33° lancio di Falcon 9 nel 2022
  • Lancio di SpaceX33 nel 2022
  • Il 32° tentativo di lancio orbitale da Cape Canaveral nel 2022

Invia un’e-mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Incorpora il tweet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.