Un embargo petrolifero russo in Europa potrebbe significare un nuovo ordine energetico mondiale

HOUSTON – Il divieto dell’Unione Europea sulla maggior parte delle importazioni di petrolio russe potrebbe innescare un nuovo shock nell’economia globale, portando a una riorganizzazione del commercio energetico globale che rende la Russia economicamente più debole, dà potere negoziale a Cina e India e arricchisce produttori come l’Arabia Saudita.

L’Europa, gli Stati Uniti e gran parte del resto del mondo potrebbero soffrire perché i prezzi del petrolio, in aumento da mesi, potrebbero aumentare ulteriormente man mano che l’Europa acquista energia da fornitori lontani. Le aziende europee dovranno setacciare il mondo alla ricerca di tipi di petrolio che le raffinerie possono elaborare con la stessa facilità del petrolio russo. Potrebbero esserci carenze intermittenti di alcuni combustibili come il diesel, che è fondamentale per i camion e le attrezzature agricole.

In effetti, l’Europa scambia una risorsa petrolifera imprevedibile – la Russia – con due esportatori instabili in Medio Oriente.

La caccia dell’Europa a nuove forniture di petrolio – e la ricerca della Russia di trovare nuovi acquirenti per il suo petrolio – non lasceranno intatta nessuna parte del mondo, hanno affermato gli esperti di energia. Ma capire l’impatto su ogni paese o azienda è difficile perché i leader, i dirigenti dell’energia e i commercianti risponderanno in modi diversi.

La Cina e l’India possono essere protette da alcuni degli oneri dell’aumento dei prezzi del petrolio perché la Russia offre loro uno sconto sul petrolio. Negli ultimi due mesi, la Russia è diventata il secondo fornitore di petrolio dell’India, superando altri grandi produttori come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. L’India ha molte grandi raffinerie che possono realizzare enormi profitti raffinando il petrolio russo in diesel e altri combustibili molto richiesti in tutto il mondo.

In definitiva, i leader occidentali mirano a indebolire la capacità del presidente Vladimir Putin di devastare l’Ucraina e altrove privandolo di miliardi di dollari in vendite di energia. Sperano che le loro mosse costringeranno i produttori di petrolio russi a chiudere i pozzi perché il paese non ha molti posti dove immagazzinare petrolio mentre si allinea con nuovi acquirenti. Ma questo sforzo è rischioso e potrebbe fallire. Se i prezzi del petrolio aumenteranno in modo significativo, le entrate petrolifere totali della Russia potrebbero non diminuire di molto.

Altri produttori di petrolio come l’Arabia Saudita e le compagnie petrolifere occidentali come ExxonMobil, BP, Shell e Chevron andranno bene solo perché i prezzi del petrolio sono più alti. Il rovescio della medaglia è che i consumatori e le aziende globali dovranno pagare di più per ogni gallone di carburante e merci spedite in camion e treni.

“È un grosso problema storico”, ha affermato Robert McNally, consigliere per l’energia del presidente George W. Bush. “Questo rimodellerà non solo le relazioni commerciali, ma anche le relazioni politiche e geopolitiche”.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina

I funzionari dell’Unione Europea non hanno ancora rivelato ogni dettaglio dei loro sforzi per mettere a tacere le esportazioni petrolifere russe, ma hanno affermato che le politiche sarebbero state messe in atto per un periodo di mesi. Questo ha lo scopo di dare agli europei il tempo di prepararsi, ma darà anche alla Russia e ai suoi partner il tempo di escogitare soluzioni alternative. È difficile sapere chi si adatterà meglio alla nuova realtà.

Funzionari europei hanno affermato finora che l’unione vieterà le importazioni di petrolio greggio e combustibili raffinati come il diesel da parte delle petroliere russe, che rappresentano i due terzi degli acquisti del continente dalla Russia. Il divieto sarà attuato in fasi nell’arco di sei mesi per il greggio e otto mesi per il diesel e altri combustibili raffinati.

Inoltre, Germania e Polonia si sono impegnate a interrompere l’importazione di petrolio dalla Russia attraverso l’oleodotto, il che significa che gli europei potrebbero ridurre le importazioni russe di 3,3 milioni di barili al giorno entro la fine dell’anno.

Il sindacato ha affermato che le società europee non sarebbero più autorizzate a mettere al sicuro le petroliere che trasportano petrolio russo da nessuna parte. Anche questo divieto sarà attuato gradualmente nell’arco di diversi mesi. Con molti dei più grandi assicuratori del mondo con sede in Europa, la mossa potrebbe aumentare significativamente il costo del trasporto energetico russo, sebbene gli assicuratori in Cina, India e Russia stessi possano ora svolgere parte di questo lavoro.

Prima dell’invasione dell’Ucraina, quasi la metà delle esportazioni di petrolio della Russia andava verso l’Europa, rappresentando $ 10 miliardi di transazioni al mese. Le vendite di petrolio russo ai membri dell’Unione Europea sono leggermente diminuite negli ultimi mesi e le vendite agli Stati Uniti e alla Gran Bretagna sono state cancellate.

Alcuni analisti energetici hanno affermato che il nuovo sforzo europeo potrebbe aiutare a disaccoppiare l’Europa dall’energia russa e ridurre l’influenza politica di Putin sui paesi occidentali.

“Ci sono molte ramificazioni geopolitiche”, ha affermato Megan L. O’Sullivan, direttrice dell’Energy Geopolitics Project presso la Kennedy School di Harvard. “L’embargo attirerà gli Stati Uniti più a fondo nell’economia energetica globale e rafforzerà i legami energetici tra Russia e Cina”.

Un’altra speranza dei leader occidentali è che le loro mosse riducano la posizione della Russia nell’industria energetica globale. L’idea è che, nonostante i suoi sforzi per trovare nuovi acquirenti in Cina, India e altrove, la Russia esporterà complessivamente meno petrolio. Di conseguenza, i produttori russi dovranno chiudere i pozzi, che non potranno riavviare facilmente a causa delle difficoltà di esplorazione e produzione petrolifera negli inospitali giacimenti artici.

Tuttavia, la nuova politica europea era il prodotto di compromessi tra paesi che avrebbero potuto facilmente sostituire l’energia russa e paesi, come l’Ungheria, che non potevano rompere facilmente la loro dipendenza da Mosca o non erano disposti a farlo. Ecco perché 800.000 barili al giorno di petrolio russo che vanno in Europa attraverso l’oleodotto sono stati per il momento esclusi dall’embargo.

READ  Spiegazione: cosa devi sapere sul percorso della Finlandia e della Svezia verso l'adesione alla NATO

Gli europei hanno anche deciso di limitare gradualmente l’assicurazione delle spedizioni petrolifere russe a causa dell’importanza del settore marittimo in Grecia e Cipro.

Alcuni esperti di energia hanno avvertito che tali concessioni potrebbero minare l’efficacia del nuovo sforzo europeo.

“Perché aspettare sei mesi?” ha chiesto David Goldwyn, un alto funzionario dell’energia nel Dipartimento di Stato dell’amministrazione Obama. “Con le sanzioni ora in vigore, tutto ciò che accadrà è vedere più greggio russo e più prodotti che fluiscono verso altre destinazioni”, ha detto. Ma ha aggiunto: “È un primo passo necessario”.

READ  Gli Stati Uniti hanno proposto alla Turchia di trasferire un sistema missilistico di fabbricazione russa in Ucraina

Nonostante l’embargo petrolifero, l’Europa rimarrà probabilmente dipendente dal gas naturale russo per qualche tempo, forse anni. Ciò potrebbe preservare parte dell’influenza di Putin, soprattutto se la domanda di gas aumenta durante il freddo inverno. I leader europei hanno meno alternative al gas russo perché gli altri principali fornitori mondiali di questo carburante – Stati Uniti, Australia e Qatar – non possono espandere rapidamente le esportazioni in modo significativo.

La Russia ha anche altre carte da giocare, che potrebbero minare l’efficacia del divieto europeo.

La Cina è un mercato in crescita per la Russia. Principalmente legata agli oleodotti che si stanno avvicinando alla capacità, negli ultimi mesi la Cina ha aumentato le sue spedizioni di petroliere russe.

L’Arabia Saudita e l’Iran potrebbero perdere quelle maggiori vendite russe alla Cina, e i venditori in Medio Oriente sono stati costretti ad abbassare i prezzi per competere con il greggio russo fortemente scontato.

Il dottor O’Sullivan ha affermato che le relazioni tra Russia, Arabia Saudita e altri membri dell’alleanza OPEC+ potrebbero diventare più complesse “poiché Mosca e Riyadh competono per costruire e mantenere quote di mercato in Cina”.

Nonostante i rapporti commerciali energetici tesi, i principali produttori di petrolio come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno generalmente beneficiato della guerra in Europa. Molte aziende europee sono ora desiderose di acquistare più petrolio dal Medio Oriente. I ricavi delle esportazioni petrolifere saudite sono in aumento e potrebbero stabilire un record quest’anno, secondo le pubblicazioni Middle East Petroleum and Economics, che tracciano il settore, spingendo il surplus commerciale del regno a oltre $ 250 miliardi.

L’India è un altro beneficiario perché ha grandi raffinerie in grado di trasformare il greggio russo e trasformarlo in diesel, e parte di esso potrebbe finire in Europa anche se le materie prime provengono dalla Russia.

“L’India è diventata di fatto il centro di raffinazione dell’Europa”, hanno affermato gli analisti di RBC Capital Markets in un recente rapporto.

Ma l’acquisto di diesel dall’India aumenterà i costi in Europa perché è più costoso spedire carburante dall’India che convogliarlo dalle raffinerie russe. “La conseguenza non intenzionale è che l’Europa sta effettivamente importando inflazione per i suoi cittadini”, hanno affermato gli analisti di RBC.

L’India riceve circa 600.000 barili al giorno dalla Russia, rispetto ai 90.000 barili al giorno dell’anno scorso, quando la Russia era un fornitore relativamente piccolo. Attualmente è il secondo fornitore dell’India dopo l’Iraq.

Ma l’India potrebbe avere difficoltà a continuare ad acquistare dalla Russia se le restrizioni dell’UE sulle società europee che garantiscono le spedizioni petrolifere russe aumentano troppo i costi.

“L’India è la vincitrice, purché non subiscano sanzioni secondarie”, ha affermato Helima Croft, responsabile della strategia delle materie prime di RBC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.