Ultime notizie di guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

a lui attribuito…John McDougall/AFP – Getty Images

Volodymyr Zelensky, il presidente dell’Ucraina, ha espulso il suo ambasciatore in Germania, una settimana dopo che il diplomatico ha rilasciato un’intervista in cui ha difeso l’eredità di un leader nazionalista della seconda guerra mondiale che ha collaborato con i nazisti.

Andrei Melnik, ambasciatore dell’Ucraina a Berlino dal 2014, è stato uno dei volti più noti della questione ucraina in Germania e non ha mai evitato di criticare aspramente quella che molti vedevano come la lenta risposta della Germania all’invasione russa e spesso faceva arrabbiare il popolo ucraino. L’élite politica del paese.

Ma in un’intervista con Jung & Nai, trasmessa su YouTube il 29 giugno, Melnyk ha difeso la memoria di Stepan Bandera, il leader dell’organizzazione di estrema destra dei nazionalisti ucraini durante la seconda guerra mondiale. Il gruppo nazionalista, che sposò l’ideologia fascista, cooperò con le forze tedesche quando occuparono l’Ucraina e aiutò alcune di quelle forze nell’omicidio di massa di polacchi ed ebrei.

Il signor Bandera non è stato direttamente coinvolto nelle uccisioni, perché è stato catturato in Ucraina nel 1941 e posto in una “detenzione onorevole” dai nazisti in un campo di concentramento fuori Berlino per aver tentato di stabilire un’Ucraina indipendente. Assassinato da spie sovietiche a Monaco nel 1959, il signor Bandera è ancora rispettato da parte del popolo ucraino per la sua guida della causa nazionale, in particolare in Occidente, dove si trovano le statue del signor Bandera e le strade a lui intitolate.

READ  Il premier israeliano incontra Putin per discutere dell'Ucraina

Ma in Germania, che si vanta del suo impegno nel riconoscere i crimini nazisti e commemorare le vittime dell’Olocausto, mettere in discussione questo capitolo della storia è una linea rossa.

Il signor Melnyk ha sollevato le sopracciglia già in Germania diversi anni fa quando ha visitato la tomba del signor Bandera a Monaco. Quando si è confrontato con il signor Melnyk in un’intervista il 29 giugno sulla storia del ruolo dell’OUN nei massacri e le opinioni antisemite del signor Bandera, ha detto che non c’erano prove per le accuse, che sono indiscutibili nel mondo accademico.

“Questa è la narrativa che i russi stanno spingendo fino ad oggi, e che ha supporto anche in Germania, Polonia e Israele”, ha detto.

Le osservazioni del signor Melnik hanno provocato la condanna da parte di funzionari tedeschi, nonché dall’ambasciata israeliana in Germania. Anche due ministri in Polonia, uno dei più forti sostenitori dell’Ucraina dall’invasione russa, hanno denunciato le osservazioni. Ciò ha spinto Kiev a prendere le distanze da Melnik, dicendo che le sue opinioni non rappresentano la posizione dell’Ucraina.

Il signor Melnyk parla correntemente il tedesco ed era noto in Germania per il suo sostegno entusiasta nel fornire più armi all’Ucraina per difendersi dall’invasione russa. Non ha evitato critiche colorite, come definire il cancelliere Olaf Schultz un “maledizione del fegato” per aver posticipato la sua visita a Kiev in primavera. L’espressione tedesca, tradotta vagamente come primadonna, fece arrabbiare gran parte dell’establishment politico tedesco. Ma gli è valso sostenitori affamati in Germania tra quelli frustrati dal sostegno lento del loro paese.

Nonostante le frequenti controversie sollevate dai commenti di Melnik, è stato visto come un vantaggio per attirare l’attenzione sull’Ucraina in un paese in cui le tendenze pacifiste all’interno dell’establishment politico hanno portato alla riluttanza a fornire armi.

READ  Zelensky afferma che 2 funzionari della sicurezza ucraini sono stati espulsi perché traditori

Il Sig. Zelensky ha annunciato il licenziamento del Sig. Melnik insieme agli ambasciatori di India, Repubblica Ceca, Norvegia e Ungheria. Più tardi, Zelensky descrisse il cambiamento come una rotazione che faceva parte della normale pratica diplomatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.