Udonis Haslem ha abbattuto Draymond Green, dicendo di aver “infranto il codice” con la scelta dei Celtics

Se i Warriors e i Miami Heat finiranno per incontrarsi nelle imminenti finali NBA, ci saranno sicuramente alcune storie piccanti che entreranno nella serie.

Una potenziale resa dei conti ha avuto un vantaggio venerdì sera quando l’attaccante veterano degli Heat Grazie Udonis Haslam Draymond Green per ispirazione Miami vince 111-103 contro i Boston Celtics in gara 6 delle finali della Eastern Conference al TD Garden.

La vittoria ha mantenuto viva la stagione degli Heat e ha costretto il vincitore a vincere tutto in Gara 7 all’FTX Arena di Miami domenica sera.

Ma dopo la partita, Haslem non ha finito con Green.

“Draymond ha infranto il codice”, ha detto Haslam di Chris P. Hines di Yahoo Sports dopo la partita. “Non dovresti dire una cosa del genere. È irrispettoso. Lui sa meglio di così.”

Green è andato allo spettacolo post-partita “Inside the NBA” di TNT dopo la vittoria in Gara 5 dei Warriors sui Dallas Mavericks giovedì sera e Shaquille O’Neal gli ha fatto pressioni su una squadra della Eastern Conference che pensava l’avrebbe fatto. Raggiungi le finali NBA.

“Se mi chiedi chi voglio interpretare, ti dirò chi penso che suoneremo”, ha detto Green. “Suoneremo a Boston. Questo è quello che giocheremo”.

Haslem ha continuato ad andare avanti su Green.

“Ha permesso al collega di Shaq di fare pressioni su di lui perché dicesse che non aveva niente da dire”, ha detto Haslem a Haynes. “Non ho dormito molto dopo che me l’ha detto. È stata un po’ una corsa.”

Questa non è la prima volta che un “codebreaker” è arrivato con questo Warriors post-stagione. Durante il turno di playoff del secondo turno contro l’allenatore dei Memphis Grizzlies Steve Kerr ha usato quelle parole Quando si parla del crudele fallo di Dillon Brooks su Gary Payton II. L’esterno dei Warriors ha riportato una frattura al gomito sinistro, mentre è stata valutata la colpa della guardia dei Grizzlies, che è stato espulso da Gara 2 della serie e sospeso in Gara 3.

READ  Jeff Gladney, Arizona Cardinals, è morto all'età di 25 anni
Imparentato: L’avvertimento di Steve a Dubs, l’NBA era un preludio al ritorno delle finali

Sulla soglia delle finali NBA, è apparsa ancora una volta la frase “code-breaking”.

Se i Celtics riusciranno a vincere Gara 7 a Miami domenica, tutto ciò verrà gettato sotto il tappeto e forse riformulato la prossima stagione.

Ma se gli Heat vincono in casa per giocare una finale nella NBA con i Green Warriors, quella percepita mancanza di potenza potrebbe alimentare Miami per tutta la serie.

Scarica e segui Dubs Talk Podcast

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.