Truss nominato primo ministro britannico, Johnson si è dimesso

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Truss nominato primo ministro scozzese
  • Il primo ministro uscente Johnson si dimette da regina
  • Il nuovo PM ha difficoltà a usare la carta

LONDRA (Reuters) – Liz Truss è entrata in carica martedì come primo ministro britannico, affrontando una delle sfide più difficili per un nuovo leader nella storia del dopoguerra, guidata dall’aumento delle bollette energetiche, dall’incombente recessione e dal conflitto industriale.

Truss, il quarto primo ministro conservatore in sei anni, è volato nella casa scozzese della famiglia reale per chiedere alla regina Elisabetta di formare un governo. Sostituisce Boris Johnson, costretto a dimettersi dopo tre turbolenti anni al potere.

“La signora Truss ha accettato l’offerta di Sua Maestà e le ha baciato le mani per la sua nomina a Primo Ministro e Primo Lord del Tesoro”, ha detto Buckingham Palace.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’ex segretario di Stato 47enne parlerà più tardi nel Paese da Downing Street prima della nomina del suo gabinetto. Johnson ha esortato il paese e il suo partito in guerra a unirsi dietro il nuovo leader.

Truss eredita un’economia in crisi, con inflazione a due cifre e costi energetici in aumento, e la Banca d’Inghilterra ha avvertito di una recessione prolungata entro la fine di quest’anno. Già, i lavoratori stanno scioperando in tutta l’economia.

Il suo piano per rilanciare la crescita attraverso tagli fiscali con il potenziale per fornire circa 100 miliardi di sterline (116 miliardi di dollari) di energia ha acceso i mercati finanziari, spingendo gli investitori a scaricare la sterlina e i titoli di stato nelle ultime settimane.

READ  Un letale complesso temporalesco interrompe l'elettricità a quasi un milione di persone in Canada

Sta anche entrando nell’ultima crisi per colpire la Gran Bretagna con una mano politica più debole di molti dei suoi predecessori.

Dopo aver ricoperto una posizione nel Gabinetto degli alti ministri per otto anni, ha sconfitto la sua rivale Rishi Sunak in un voto dei membri del Partito conservatore con un margine più ristretto del previsto e più parlamentari del partito inizialmente hanno sostenuto la sua rivale.

Johnson, che ha cercato di aggrapparsi al potere a luglio nonostante i ministri si fossero dimessi in massa per una serie di scandali, martedì ha detto a giornalisti e politici riuniti a Downing Street che il paese deve unirsi.

Nel suo discorso d’addio, ha detto: “Queste sono le persone”. “Quello che sto dicendo ai colleghi conservatori è che è ora che la politica finisca, ragazzi. È tempo che tutti noi sosteniamo Liz Truss, la sua squadra e il suo programma”.

Dopo aver parlato alla famosa Porta Nera, lasciò Londra per recarsi nel nord-est della Scozia e rassegnare le sue dimissioni alla regina di 96 anni prima che Truss lo seguisse al castello di Balmoral. Leggi di più

Johnson ha usato il suo discorso di partenza per vantarsi dei suoi successi, incluso un programma di vaccinazione precoce durante il COVID-19 e il suo forte sostegno all’Ucraina nella sua lotta contro la Russia.

READ  Il voto di sfiducia di Boris Johnson: aggiornamenti in tempo reale

Ha anche elencato la “Brexit” come uno dei suoi principali successi, anche se i sondaggi ora mostrano che la maggioranza delle persone pensa che lasciare l’UE sia stato un errore.

Di crisi in crisi

La Gran Bretagna, sotto il governo conservatore dal 2010, è passata da una crisi all’altra negli ultimi anni, e ora c’è la prospettiva di un’emergenza energetica prolungata che potrebbe drenare i risparmi delle famiglie e minacciare il futuro delle imprese ancora gravate dai prestiti dell’era COVID.

Le bollette energetiche delle famiglie aumenteranno dell’80% a ottobre, ma una fonte che conosce la situazione ha detto a Reuters che Truss potrebbe bloccare le bollette in uno schema che potrebbe costare circa 100 miliardi di sterline (115,33 miliardi di dollari), aggirando il piano festivo Covid-19. .

Non è chiaro come la Gran Bretagna pagherà per i sussidi, ma è probabile che aumenterà l’indebitamento del governo.

L’entità del pacchetto, così come il fatto che la crisi energetica potrebbe durare per alcuni anni, ha spaventato gli investitori.

La sterlina è andata peggio contro il dollaro statunitense rispetto alla maggior parte delle altre principali valute di recente.

Solo nel mese di agosto, la sterlina è scesa del 4% rispetto al dollaro ed è stato il mese peggiore per i titoli di Stato britannici a 20 anni dal 1978 circa, secondo Refinitiv e Bank of England.

Le finanze pubbliche britanniche sono ancora colpite dall’enorme spesa pubblica del governo per il virus Corona. Il debito pubblico come quota della produzione economica non è lontano dal 100%, rispetto a circa l’80% prima della pandemia.

(dollaro = 0,8671 sterline)

READ  Il Dipartimento di Giustizia pubblica una nota dietro la decisione di Barr di non citare in giudizio Trump per ostruzione alla giustizia

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scritto da Kate Holton; Rapporti aggiuntivi di Michael Holden, Alistair Smoot, Andy Bruce, Paul Sandel e Movija M; Montaggio di Angus McSwan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.