Testimoni hanno detto che più di 200 sono stati uccisi in Etiopia in un presunto attacco etnico

Domenica, testimoni oculari in Etiopia hanno affermato che più di 200 etnici Amhara sono stati uccisi in un attacco nella regione dell’Oromia del Paese, incolpando un gruppo ribelle che lo nega.

È uno degli attacchi più mortali nella memoria recente poiché le tensioni etniche persistono nel secondo paese più popoloso dell’Africa.

“Ho contato 230 corpi. Temo che questo sia l’attacco più mortale contro i civili che abbiamo visto nella nostra vita”, ha detto all’Associated Press Abdul Sayed Taher, residente nella contea di Jimbe, dopo essere sopravvissuto per un soffio all’attacco di sabato. “Li seppelliamo in fosse comuni e stiamo ancora raccogliendo i corpi. Ora sono arrivate unità dell’esercito federale, ma temiamo che gli attacchi continueranno se se ne andranno”, ha aggiunto.

Un altro testimone, che ha fornito solo il suo nome, Shambel a causa delle preoccupazioni per la sua incolumità, ha affermato che la comunità Amhara stava ora cercando disperatamente di trasferirsi “prima che si verificasse un altro round di uccisioni di massa”. Ha detto che gli Amhara, che si sono stabiliti nell’area circa 30 anni fa in programmi di reinsediamento, vengono “uccisi come polli”.

I due testimoni hanno incolpato l’OLA per gli attacchi. In una dichiarazione, il governo regionale di Oromia ha accusato lo SLA, affermando che i ribelli hanno attaccato “per non essere stati in grado di resistere alle operazioni lanciate dalle forze di sicurezza (federali)”.

Un portavoce dell’Office of Legal Affairs, Oda Tarabi, ha negato le accuse.

“L’attacco a cui ti riferisci è stato perpetrato dai militari del regime e dalle milizie locali mentre si ritiravano dal loro campo a Jimbe dopo il nostro ultimo attacco”, ha detto in una lettera all’Associated Press. “Sono fuggiti in una zona chiamata Tol, dove hanno attaccato la gente del posto e distrutto le loro proprietà come rappresaglia per il loro presunto sostegno all’OLA. I nostri combattenti non avevano raggiunto quella zona quando si sono verificati gli attacchi”.

READ  Google ha condannato a pagare il politico australiano per i video diffamatori di YouTube

L’Etiopia sta vivendo tensioni etniche diffuse in diverse regioni, principalmente a causa di rimostranze storiche e tensioni politiche. Il popolo Amhara, il secondo gruppo etnico più numeroso tra gli oltre 110 milioni di persone in Etiopia, è stato spesso preso di mira in aree come Oromia.

Domenica la Commissione etiope per i diritti umani nominata dal governo ha invitato il governo federale a trovare una “soluzione duratura” per uccidere i civili e proteggerli da tali attacchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.