Sul pianeta Plutone, sorprendentemente vibrante, sono stati identificati imponenti vulcani di ghiaccio

WASHINGTON (Reuters) – Un gruppo di vulcani di ghiaccio a forma di cupola, diversi da qualsiasi altra cosa conosciuta nel nostro sistema solare e forse ancora attivi su Plutone, sono stati identificati utilizzando i dati della sonda spaziale New Horizons della NASA, che dimostrano che questo mondo ghiacciato e distante. È più dinamico di quanto si conoscesse in precedenza.

Gli scienziati hanno affermato martedì che questi vulcani di ghiaccio – che possono essere 10 o più – si trovano ovunque da sei decimi di miglio (1 chilometro) a 4-1/2 miglia (7 chilometri). A differenza dei vulcani terrestri che emettono gas e roccia fusa, i vulcani di ghiaccio di questo pianeta nano emettono grandi quantità di ghiaccio – apparentemente acqua congelata invece di altro materiale congelato – che potrebbe avere la consistenza del dentifricio, hanno detto.

Anche le caratteristiche della cintura di asteroidi del pianeta nano Cerere, le lune di Saturno Encelado e Titano, la luna di Giove Europa e la luna di Nettuno Tritone sono state collegate come vulcani ghiacciati. Questi sono tutti diversi da Plutone, hanno detto i ricercatori, a causa delle diverse condizioni della superficie come la temperatura e la pressione atmosferica, nonché una diversa miscela di materiale ghiacciato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Trovare queste caratteristiche indica che Plutone è geologicamente più attivo, o vivo, di quanto pensassimo in precedenza”, ha detto lo scienziato planetario Kelsi Singer del Southwest Research Institute di Boulder, in Colorado, autore principale dello studio pubblicato sulla rivista. Comunicazioni sulla natura.

“La combinazione di queste caratteristiche geologicamente recenti, che coprono una vasta area e sono probabilmente fatte di ghiaccio d’acqua, è sorprendente perché richiede più calore interno di quanto pensassimo che Plutone avrebbe fatto a questo punto della sua storia”, ha aggiunto Singer.

READ  Guarda oggi SpaceX lanciare 53 nuovi satelliti Starlink

Plutone, più piccolo della luna terrestre e di circa 1.400 miglia (2380 km) di diametro, orbita a circa 3,6 miliardi di miglia (5,8 miliardi di km) dal sole, quasi 40 volte l’orbita terrestre. La sua superficie è caratterizzata da pianure, montagne, crateri e valli.

Immagini e dati analizzati nel nuovo studio, ottenuti da New Horizons nel 2015, convalidano ipotesi precedenti sulle eruzioni vulcaniche su Plutone.

Lo scienziato planetario del Southwest Research Institute Alan Stern, ricercatore principale e coautore dello studio, ha affermato che lo studio non solo ha trovato prove complete sull’uso dei vulcani di ghiaccio, ma ha anche scoperto che è durato a lungo, non un singolo episodio.

“La cosa più sorprendente di Plutone è che è molto complesso, complesso come la Terra o Marte, nonostante le sue piccole dimensioni e la sua grande distanza dal Sole”, ha detto Stern. “Questa è stata una vera sorpresa dalla corsa di New Horizons e la nuova scoperta sui vulcani lo ha riconfermato in modo drammatico”.

I ricercatori hanno analizzato l’area a sud-ovest di Sputnik Planitia, il grande bacino a forma di cuore di Plutone pieno di ghiaccio di azoto. Hanno trovato grandi cupole larghe 18-60 miglia (30-100 km), che a volte si combinavano per formare strutture più complesse.

Un prospetto chiamato Wright Mons, uno dei più alti, potrebbe essersi formato dalla fusione di diverse cupole vulcaniche, ottenendo una forma diversa da qualsiasi vulcano terrestre. Sebbene la sua forma sia diversa, è simile per dimensioni al grande vulcano hawaiano Mauna Loa.

READ  Il primo team privato di astronauti ha accolto la stazione spaziale a bordo di una piattaforma orbitale

Come la Terra e gli altri pianeti del nostro sistema solare, Plutone si è formato circa 4,5 miliardi di anni fa. A causa della mancanza di crateri da impatto che in genere si accumulano nel tempo, i vulcani di ghiaccio sembrano essere relativamente recenti, formatisi negli ultimi centinaia di milioni di anni.

“Questo è molto giovane su una scala temporale geologica. Dal momento che non ci sono praticamente crateri da impatto, è probabile che questi processi continuino anche al giorno d’oggi”, ha detto Singer.

Plutone ha un sacco di geologia attiva, inclusi i ghiacciai di azoto che scorrono e il ciclo in cui l’azoto glaciale evapora durante il giorno e si condensa di nuovo in ghiaccio di notte, un processo che cambia costantemente la superficie del pianeta.

“Plutone è un paese delle meraviglie geologiche”, ha detto Singer. “Molte regioni di Plutone sono molto diverse l’una dall’altra. Se avessi solo alcuni pezzi del puzzle di Plutone, non avresti idea di come fossero le altre regioni.”

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting di Will Dunham; Montaggio di Rosalba O’Brien

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.