Spero ancora di rilasciare Artemis a giugno nonostante due processi chiusi



CNN

La NASA punta ancora a un lancio a giugno dopo che il secondo tentativo del test finale della sua missione Artemis I sulla luna lunedì è stato annullato.

“Non siamo pronti a arrenderci” alla finestra di lancio di giugno, Mike Sarafin, direttore della missione Artemis, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa martedì.

Lunedì, la NASA ha fatto il suo secondo tentativo in quella che ha chiamato una prova, che simula ogni fase di un lancio senza che il razzo emerga effettivamente dalla rampa di lancio. Le prove sono un passaggio fondamentale nella prima fase del programma Artemis della NASA, che dovrebbe riportare gli esseri umani sulla luna e far atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla luna entro il 2025.

Charlie Blackwell Thompson, responsabile del lancio di Artemis per il programma Exploration Ground Systems della NASA, ha affermato che il test è stato interrotto lunedì prima che fosse completato a causa di un problema con un pannello sul lanciatore mobile che controlla la valvola di sfogo dello stadio primario. La valvola allevia la pressione dallo stadio primario del razzo mentre conduce un serbatoio di propellente, secondo la NASA.

Il team ha cercato di risolvere il problema provando le valvole primarie e secondarie, ma non è stato in grado di risolverlo.

Blackwell-Thompson ha detto che a causa dell’ora del giorno, i funzionari hanno deciso di interrompere le operazioni fino a quando la squadra non avrebbe potuto guardare il tabellone.

“Questo è stato un test e lo scopo del test era comprendere appieno i nostri sistemi nella nostra configurazione del giorno del lancio”, ha affermato. “La nostra squadra ha fatto molto”.

Nessuna parola ancora sul prossimo tentativo di prove bagnate Ma Sarafin ha detto di aspettarselo “in poco tempo”.

Inizialmente il test doveva essere completato domenica, ma è stato sospeso prima del caricamento del propellente. Ciò era dovuto a problemi con due eliche utilizzate per pressurizzare il lanciatore mobile: la torretta mobile su cui si sarebbe seduto il razzo prima del decollo.

La pila di razzi Artemis I può essere vista all'alba del 23 marzo al Kennedy Space Center in Florida.

La NASA ha dichiarato lunedì di essere stata in grado di risolvere un malfunzionamento delle eliche, necessarie per comprimere le aree sigillate all’interno di un lanciarazzi e tenere fuori i gas pericolosi.

I risultati dell’allenamento in abiti bagnati determineranno quando Artemis I si imbarcherà in una missione oltre la Luna e ritornerà sulla Terra.

Durante il volo, la navicella spaziale Orion senza equipaggio esploderà sopra un razzo SLS per raggiungere la luna e viaggiare per migliaia di miglia dietro di essa, più lontano di quanto abbia viaggiato qualsiasi veicolo spaziale destinato a trasportare esseri umani. Questa missione dovrebbe durare alcune settimane e terminerà con lo spray Orion nell’Oceano Pacifico.

Artemis I sarà l’ultimo banco di prova di Orion prima che la navicella spaziale porti gli astronauti sulla Luna, 1.000 volte più legata alla Terra rispetto al sito della Stazione Spaziale Internazionale.

Dopo il volo Artemis I senza equipaggio, Artemis II sarà un volo lunare e Artemis III riporterà gli astronauti sulla superficie lunare. Il programma per il lancio delle missioni successive dipende dai risultati della missione Artemis I.

READ  La NASA psicologica ottiene enormi array solari per un viaggio di 1,5 miliardi di miglia verso un asteroide ricco di metalli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.