Soldati russi volano attraverso veicoli blindati attraverso la Foresta Rossa a Chernobyl e sollevano una nuvola di polvere radioattiva – personale

Funzionari locali affermano che le truppe russe che hanno occupato il sito del disastro nucleare di Chernobyl hanno sollevato nuvole di polvere radioattiva e guidato veicoli blindati senza apparecchiature di protezione dalle radiazioni attraverso un’area altamente tossica conosciuta come la “Foresta Rossa”.

Allarme radiazioni nella Foresta Rossa vicino a ChernobylFoto: Il tempo dei sogni

Entrambe le fonti hanno affermato che i soldati del convoglio non hanno utilizzato alcuna attrezzatura anti-radiazioni. Un secondo dipendente di Chernobyl ha affermato che si è trattato di un gesto di “suicidio” da parte dei soldati perché la polvere radioattiva che inalano si diffonde attraverso i loro corpi.

L’analista nucleare ucraino ha dichiarato il 25 febbraio che i livelli di radiazioni a Chernobyl sono aumentati a causa dell’atterraggio di veicoli militari pesanti. Ma finora nessuno è stato in grado di inviare la soluzione perfetta, il che non è strano.

Due lavoratori ucraini che hanno parlato con Reuters erano in servizio quando i carri armati russi sono entrati a Chernobyl e hanno preso il controllo della centrale nucleare il 24 febbraio. Il personale era ancora responsabile dello stoccaggio sicuro del combustibile nucleare esaurito e del monitoraggio dei detriti di cemento. Il reattore nucleare esploso nel 1986.

I due hanno detto di aver visto carri armati russi e altri veicoli blindati passare attraverso la Foresta Rossa, l’area più inquinata intorno a Chernobyl, 100 km a nord di Kiev.

Ha detto che i soldati che hanno parlato con uno dei lavoratori mentre lavoravano nello stabilimento non avevano sentito parlare dell’esplosione.

Il ministero della Difesa russo non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

READ  Il momento in cui una dolina in una piscina ingoia un uomo durante un video party

Dopo la cattura dell’impianto, l’esercito russo ha affermato che le radiazioni rientravano nei limiti normali e che le loro azioni hanno impedito la potenziale “sfida nucleare” dei nazionalisti ucraini. La Russia ha precedentemente affermato che sta mettendo in pericolo i reattori nucleari all’interno dell’Ucraina.

Foresta rossa, area riservata ai lavoratori degli impianti

L’area boschiva ora conosciuta come la Foresta Rossa prende il nome dalle decine di migliaia di chilometri quadrati di pini che hanno assorbito le radiazioni di uno dei peggiori disastri nucleari del mondo e sono diventati rossi.

Una vasta area intorno a Chernobyl è off-limits per coloro che non ci lavorano o hanno permessi speciali, ma la Foresta Rossa è considerata così inquinata che nemmeno i lavoratori delle centrali nucleari possono andarci.

Valerie Zeta, direttrice generale dell’impianto di Chernobyl, ha detto di non essere presente in quel momento e di non aver visto il convoglio russo entrare nella Foresta Rossa, ma i testimoni hanno detto che i veicoli militari russi stavano girando in giro per la Russia. E potrebbe essere passato attraverso la Foresta Rossa.

“Nessuno sta andando lì… per l’amor di Dio. Nessuno è lì”, ha detto Zeta a Reuters.

Ha detto che il personale dell’impianto aveva detto alle forze russe di diffidare delle radiazioni, ma non sapeva se stessero prestando attenzione alle informazioni.

Indica che i livelli dei sensori di radiazione sono elevati mentre il convoglio attraversa la foresta rossa

Entrambi i membri del personale hanno detto che un convoglio militare russo era passato nell’area. Uno di loro ha detto di aver usato una strada abbandonata.

“Un grande veicolo dell’esercito è andato su una strada dietro la nostra sezione e questa strada attraversa la foresta rossa”, ha detto una fonte.

READ  Freya, un famoso tricheco in Norvegia, è stata soppressa dopo che le persone si sono rifiutate di starle lontano.

“Il convoglio ha raccolto una grande quantità di polvere. Diversi sensori di radiazione hanno indicato che i livelli sono stati superati”, ha detto la fonte.

Dopo l’arrivo delle truppe russe, due operai hanno lavorato lì per quasi un mese fino a quando non sono stati autorizzati a tornare a casa la scorsa settimana, quando i comandanti russi hanno permesso loro di inviare sostituti ad alcuni membri del personale.

Reuters non ha potuto verificare le informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.