Si è fatta strada nella storia della TV su “Seinfeld”: NPR

Estelle Harris, che si è fatta strada nella storia della televisione come madre dell’irascibile George Costanza in “Seinfeld” e doppiando la signora Potato Head nella serie “Toy Story”, è morta. Aveva 93 anni.

Katie Wayne / AFP


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Katie Wayne / AFP


Estelle Harris, che si è fatta strada nella storia della televisione come madre dell’irascibile George Costanza in “Seinfeld” e doppiando la signora Potato Head nella serie “Toy Story”, è morta. Aveva 93 anni.

Katie Wayne / AFP

Estelle Harris, che ha fatto la storia della televisione come la madre di George Costanza in “Seinfeld” e ha fornito la voce della signora Potato Head nel franchise di Toy Story, è morta all’età di 93 anni.

Suo figlio ha confermato la sua morte in una dichiarazione alla National Public Radio domenica.

“La sua gentilezza, affetto, sensibilità, senso dell’umorismo, simpatia e amore erano impareggiabili e mancherà profondamente a tutti coloro che la conoscevano”, ha detto Glenn Harris nella dichiarazione.

L’attrice è morta per cause naturali a Palm Desert, in California, secondo la dichiarazione.

Harris ha trascorso decenni sul palco e sullo schermo prima di fare la sua apparizione in “Seinfeld” nei panni di Estelle Costanza, in collaborazione con Jerry Stiller Ha rappresentato i genitori di George Costanza in “A Show About Nothing”.

“È la mamma che tutti amano, anche se ha dolore al collo”, ha detto Harris alla Pittsburgh Post Gazette nel 1998.

Dopo la fine di “Seinfeld”, ha continuato a doppiare la signora Potato Head nel franchise di Toy Story e ha interpretato il personaggio di Muriel nella sitcom di Disney Channel “The Suite Life of Zack & Cody”.

READ  Sharon Osbourne parla di un "terribile" lifting

Harris è nata a Manhattan da genitori ebrei immigrati ed è cresciuta in Pennsylvania, dove la sua famiglia gestiva un negozio di caramelle e bibite, secondo il suo agente.

Lascia tre figli, tre nipoti e un nipote.

Il materiale dell’Associated Press è incluso in questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.