‘Semplificazione burocratica’: la Gran Bretagna sfida l’UE con la nuova legge sull’Irlanda del Nord

  • Il Regno Unito introdurrà la legislazione lunedì
  • La mossa rischia di innescare una guerra commerciale con l’Unione Europea
  • L’UE afferma che un’azione unilaterale violerebbe il diritto internazionale

LONDRA (Reuters) – Lunedì la Gran Bretagna farà piani per abolire alcune regole commerciali post-Brexit per l’Irlanda del Nord, modifiche che infiammano le tensioni con l’Unione Europea, ma il premier Boris le ha descritte come una “semplificazione burocratica”. Johnson.

La Gran Bretagna ha minacciato per mesi di strappare il Protocollo dell’Irlanda del Nord, un accordo per la regione amministrata dalla Gran Bretagna stipulato dal governo di Johnson al fine di garantire l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea e un accordo commerciale più ampio tra Bruxelles e Londra.

Come parte dell’accordo, l’Irlanda del Nord è rimasta effettivamente nel mercato unico dell’UE per le merci per mantenere un confine aperto con l’Irlanda, membro dell’UE, che è stato fondamentale per l’accordo di pace del 1998.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Ma ciò ha richiesto controlli doganali sulle merci che si spostano dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord, che secondo le comunità filo-britanniche nell’Irlanda del Nord stanno minando la loro posizione nel Regno Unito.

Johnson ha voluto minimizzare l’impatto della nuova legislazione, che il suo Segretario di Stato Liz Truss presenterà al Parlamento lunedì. Ha detto che qualsiasi discorso su una guerra commerciale di rappresaglia sarebbe una “reazione grossolanamente eccessiva”.

“È un cambiamento burocratico che deve essere apportato. Francamente, è una serie di aggiustamenti relativamente banali”, ha detto Johnson a LBC Radio.

“Tutto quello che stiamo cercando di fare è una semplificazione burocratica tra Gran Bretagna e Irlanda del Nord”.

READ  Un convoglio di autobus in rotta verso l'assedio di Mariupol, dice l'Ucraina

Truss ha esortato il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic a consentire modifiche al protocollo, ribadendo la posizione di Londra di volere una “soluzione negoziata”. Leggi di più

La legislazione, come la Brexit, ha diviso l’opinione legale e politica in Gran Bretagna, con i fautori di un divorzio nel Regno Unito che affermano che non va abbastanza lontano e i critici affermano che sta minando Londra sfidando un accordo internazionale.

L’Irlanda ha avvertito che il piano sarebbe “estremamente dannoso” e un “punto basso” nell’approccio di Londra alla Brexit. Sefcovic ha affermato che un’azione unilaterale danneggerebbe la fiducia. Leggi di più

tensioni ribollenti

Le tensioni sul protocollo hanno ribollito per mesi tra Londra e Bruxelles, con i ministri britannici che hanno accusato l’Unione Europea di imporre regole che ostacolavano la burocrazia delle merci e minacciavano la stabilità politica nell’Irlanda del Nord.

I critici del piano di Londra, compresi i rappresentanti delle industrie lattiero-casearie, manifatturiere e logistiche della provincia, affermano che le sue azioni unilaterali danneggeranno gli affari.

Bruxelles ritiene che qualsiasi cambiamento unilaterale violerebbe il diritto internazionale e potrebbe rispondere con azioni legali e tariffe – un rischio in un momento in cui l’inflazione britannica dovrebbe raggiungere il 10% e l’economia si sta contraendo. Leggi di più

Dovrebbe proporre un “canale verde” per trasportare merci dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord, rottamare le regole che impediscono alla provincia di beneficiare degli aiuti fiscali e porre fine al ruolo della Corte di giustizia europea come unico arbitro.

Il piano sarà una prova dell’autorità di Johnson dopo che quattro legislatori su 10 si sono opposti a lui in un voto di fiducia la scorsa settimana.

READ  Blocco di Shanghai: i residenti chiedono il rilascio, alcuni lo ottengono

È probabile che desta preoccupazione anche a Washington. La presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha affermato che non ci sarebbe alcun accordo commerciale tra gli Stati Uniti e la Gran Bretagna se Londra avesse annullato il protocollo.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Paul Sandell, Andrew McCaskill e Kylie McClellan. Montaggio di Louise Heavens, Mark Potter e Ed Osmond

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.