Scontri tra persone e polizia insoddisfatti delle rigide misure di isolamento a Shanghai. Come possono le immagini di frustrazione sfuggire alla censura?

La metropoli cinese di Shanghai è diventata negli ultimi giorni un simbolo di disperazione. Più di 25 milioni di persone sono in isolamento a causa dell’ondata di inquinamento da Omigron. La città è entrata nella sua terza settimana di grave isolamento e sono scoppiati video scontri tra polizia e persone scontente.

Fornisce una politica imposta dalle autorità per separare le famiglie in caso di infezione. Inoltre, alcuni Le autorità di Shanghai hanno costretto le persone a fuggire dalle loro case dopo che le autorità hanno deciso di trasformare alcune aree residenziali in centri isolati.

Con oltre 20.000 nuovi casi al giorno, le autorità stanno lottando per trovare spazio sufficiente. Nelle ultime settimane la città ha trasformato sale espositive e scuole in centri isolati e allestito ospedali temporanei. BBC.

Le persone vengono sfrattate dalle loro case affinché gli appartamenti in cui vivono possano essere convertiti in centri isolati.

In un quartiere a est della città, la polizia ha costretto le persone a lasciare i loro appartamenti in affitto, vestiti da capo a piedi con abiti di sicurezza e trasformati in centri di isolamento temporaneo. Le immagini virali di rabbia e frustrazione a Shanghai possono influenzarti emotivamente:

Il corrispondente della BBC a Shanghai riporta che quando si arriva in un Paese in cui si potrebbe essere arrestati per litigare, il gesto di confronto con la polizia è ancora più audace. C’è stata anche una protesta organizzata in un quartiere, ma alla fine le piazze hanno costretto la gente a lasciare le strade.

Sebbene questi incidenti siano probabilmente isolati, indicano rabbia e frustrazione crescenti mentre il grave isolamento continua.

READ  Il blocco è stato esteso a tempo indeterminato a Shanghai. C'è un nuovo numero record di casi di COVID in Cina

Milioni di cinesi muoiono di fame a Shanghai

Milioni di persone stanno semplicemente morendo di fame perché non possono lasciare le loro case. Pochi giorni fa, è diventato virale un altro video che mostrava diversi abitanti del posto che rapinavano un supermercato nel centro finanziario cinese.

Le persone devono ordinare cibo e acqua e aspettare che il governo gliela fornisca. Molti di questi elementi sono esauriti. L’isolamento prolungato ha aumentato i servizi di consegna, bloccato i siti web dei negozi di alimentari e interrotto la distribuzione di beni governativi.

La distribuzione del cibo è diventata un problema importante nell’isolata Shanghai nella terza settimana Foto: Profimedia Images

Molti si sono rivolti ai social media per lamentarsi delle restrizioni e della carenza di cibo.

La censura sui social media non può più essere affrontata

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Di solito, video come questo non avrebbero potuto attraversare il “grande firewall”, ma la censura in Cina non è riuscita a far fronte al gran numero di post. Molti video sono inseriti in gruppi di chat privati ​​e sono difficili da segnalare agli auditor.

Alcuni registri mostrano persone anziane che non hanno da mangiare per tre giorni, mentre altri mostrano condizioni pericolose in cui le persone isolate devono sedersi, a volte posizionate direttamente su assi di legno anziché letti. Altri video mostrano persone che combattono per cose o chiedono attivamente droghe.

Rischio di interruzione delle catene di approvvigionamento globali

D’altra parte, nonostante l’alto numero di contagi, non sono molti i casi gravi nella capitale finanziaria cinese e, in queste circostanze, c’è chi si chiede se sia davvero necessario un isolamento così grave.

READ  Chi è stato l'unico corrispondente estero ad accompagnare le truppe russe nella guerra in Ucraina?

A differenza della maggior parte dei paesi al mondo che stanno cercando di convivere con il virus, la Cina è uno degli ultimi stati a puntare a sradicare quella che è nota come la politica “Zero Govt”.

Sulla scia di questa ondata senza precedenti del governo in Cina, ha portato all’isolamento di intere città, inclusa la città di Shanghai, avvertono gli analisti.Le catene di approvvigionamento globali potrebbero essere nuovamente interessateIlTuttavia, i problemi potrebbero essere anche maggiori rispetto agli anni precedenti di epidemie.

leggi di più: Il professore rumeno Mariusz Paulo, condannato a 8 anni di carcere in Cina, è stato rilasciato ma è stato trattenuto a Shanghai a causa di un’epidemia.

Autore: Luana Pavaluca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.