Rocket Lab cattura per la prima volta il booster a mezz’aria in elicottero

Rocket Lab ha fatto un grande passo avanti nel rendere l’Electron Orbital Launch Vehicle (ORV) un razzo riutilizzabile. La compagnia ha catturato con successo il primo stadio di Electron nell’atmosfera in elicottero per la prima volta al suo ritorno sulla Terra in seguito. diffusione 34 satelliti sono in orbita. Per assicurarsi che il primo stadio sopravvivesse al rientro nell’atmosfera, Rocket Lab lo ha reindirizzato all’angolazione perfetta che gli avrebbe dato le migliori possibilità di resistere all’immenso calore e pressione. Viene quindi dispiegata una vela rotante per aumentare la resistenza prima che il paracadute principale si apra nella parte finale della sua discesa.

La compagnia ha inviato un elicottero Sikorsky S-92 per incontrarsi con la fase di ritorno a 6.500 piedi in aria, utilizzando un gancio su un cavo per raccogliere la linea di rinforzo del paracadute. Mentre la cattura è stata un successo, il CEO di Rocket Lab Peter Beck Ha detto su Twitter Che i piloti non erano contenti del modo in cui il booster era appeso sotto l’elicottero e hanno scelto di lasciarlo cadere nell’oceano. Alla fine è stato recuperato e caricato su una nave per il trasporto al quartier generale di Rocket Lab per una rivalutazione del viaggio.

Rocket Lab afferma che il test ha fornito al pilota dell’elicottero “caratteristiche di carico utile diverse da quelle precedentemente testate nel test” e fornirà informazioni critiche per i futuri pickup dell’elicottero. L’obiettivo è riuscire ad afferrare il booster in aria e riportarlo direttamente a terra invece di doverlo far cadere in mare, perché l’acqua salata può danneggiare il booster. Se l’azienda dimostrerà con successo di poter riutilizzare i suoi booster in modo simile a quello che può fare SpaceX, potrebbe aumentare la frequenza di lancio e ridurre i costi della piccola missione satellitare.

READ  Collisioni di particelle a livelli di energia record mondiali

Peter Beck, CEO di Rocket Lab, ha dichiarato:

“Rimpatriare un razzo dallo spazio e prenderlo in elicottero è una specie di balletto supersonico. Un numero enorme di fattori deve allinearsi e molti sistemi devono lavorare insieme in modo impeccabile, quindi sono molto orgoglioso degli incredibili sforzi del nostro team di recupero e tutti i nostri ingegneri che lo realizzano. Hanno fatto il lavoro e ha funzionato la prima volta. Da qui valuteremo la fase e determineremo quali modifiche potremmo voler apportare al sistema e alle procedure per il prossimo ritiro dell’elicottero e alla fine volo di ritorno.

La compagnia dovrebbe ripartire a maggio, ma non è chiaro se tenterà di recuperare un altro elicottero.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati con cura dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.