Robot, marines e l’ultima battaglia con la burocrazia

Keller, che si è ritirato nel 2019, dice che se qualcuno dovrebbe prendersi la colpa per non aver acquistato obiettivi prima e in quantità maggiori, quello è lui. Ma riconosce anche che ci sono altre forze in gioco. “Se assumi un appaltatore per fornire un servizio e obiettivi, ed è probabile che le persone che lavorano alla base siano le nostre persone di base, potrebbero perdere il lavoro”, afferma. “Il cambiamento è sempre doloroso. Anche se c’è un’enorme quantità di supporto per lei. “

Un ostacolo ai robot, comune alle nuove tecnologie, è la spaccatura all’interno della burocrazia del Pentagono tra civili e soldati.

Molti degli esperti di fanteria attivi e stagionati che hanno parlato con POLITICO si riferiscono erroneamente a responsabili di programma civili che, pur non essendo essi stessi veterani di combattimento, scrivono i documenti dei requisiti che compongono i programmi di iscrizione. Mentre gli ufficiali militari trascorreranno due o tre anni in un luogo e poi si trasferiranno, questi dipendenti civili rimarranno in un luogo. D’altra parte, ciò significa che i civili possono fornire utili conoscenze istituzionali e stabilità. Ma significa anche che possono contrastare i tentativi di aggiustare lo status quo semplicemente aspettando che i leader militari se ne vadano.

In definitiva, i percorsi verso il fallimento nell’acquisizione militare superano di gran lunga i percorsi verso il successo.

John Cochran, un colonnello dell’esercito in pensione che ha servito come direttore ad interim della Close Combat Task Force per la maggior parte del 2020, ha un nome dimenticato che segue la dimostrazione di successo della nuova tecnologia militare: “Terra di Mezzo”. Il percorso per uscire dalla Terra di Mezzo, dice, richiede una richiesta operativa da parte delle forze di terra, “il massimo interesse strategico” da parte di almeno un leader influente, tempismo adeguato e una buona dose di pura fortuna.

READ  Le forze russe combattono per assediare gli ucraini a est

“È così che vedi ciò che mi piace chiamare acquisizioni e trasferimenti operativi”, dice. “È l’idea che tu porti via lo spazio decisionale dal centro del processo burocratico”.

Finora, il Congresso ha perso la pazienza. I legislatori di entrambe le parti avevano sentito parlare della necessità di bersagli robotici e stavano facendo pressioni sui militari affinché agissero. Poi le Commissioni per i servizi armati della Camera e del Senato hanno incluso la lingua nelle finanze pubbliche Legge sull’autorizzazione della difesa nazionale del 2022 Richiede aggiornamenti dall’esercito e dal corpo dei marine sugli sforzi per procurarsi bersagli mobili.

“Molte volte, con questo genere di cose, hai davvero bisogno di eroi all’interno della burocrazia per farlo accadere”, dice un aiutante di un senatore repubblicano nel Comitato per i servizi armati. “Nel nostro ruolo di supervisione al Congresso, possiamo fare pressioni e sollecitare il dipartimento a fare le cose”. Ha aiutato a ottenere risultati.

I Marines ora hanno un enorme slancio nel portare i robot in ogni parte della forza. Quest’anno il Marine Corps Training and Education Command noleggia 13 rimorchi, il suo più grande investimento fino ad oggi, con l’intenzione di portarne dozzine di altri nei prossimi due anni. Sta iniziando a distruggere alcune delle sue vecchie gamme a favore di campi a infrastruttura zero, dove i bersagli possono manovrare liberamente. Alford, il generale responsabile del Marine Corps Training Command, è un artigliere di lunga data che ha definito i bersagli “il miglior strumento di addestramento che abbia mai visto, senza interferenze operative”. Il personale della maratona afferma di aspettarsi che gli obiettivi diventino un programma standard prima della fine dell’anno.

READ  Gli Stati Uniti impongono sanzioni a una società che costruisce il gasdotto Nord Stream 2 in Russia

Tuttavia, altri ostacoli incombono ancora per un uso più ampio nell’esercito: i rami del servizio, con culture, sistemi e priorità diversi, spesso non sono sulla stessa pagina. Quindi, mentre il Corpo dei Marines si prepara a espandere il suo uso della robotica, l’esercito è ancora impegnato nel processo di acquisizione.

Il servizio ha incaricato Pratt & Miller di costruire quella che un civile dell’esercito ha descritto in un messaggio di posta elettronica interno del 2021 come “la propria versione di un obiettivo della maratona”. La nota, da una catena di posta elettronica che in seguito includeva una maratona, è stata fornita a Politico da una fonte aziendale. L’obiettivo dell’esercito non sarà autonomo, a causa delle preoccupazioni di sicurezza e controllo dell’esercito, ma sarà compatibile con il futuro sistema di obiettivi integrati dell’esercito, o FASIT, una struttura di rete per strumenti di addestramento incorporati nelle gamme fisse esistenti. Il primo di questi obiettivi dovrebbe essere inviato nel 2024, secondo Pratt & Miller; Ora ci sono alcune prime versioni a Fort Benning, in Georgia, sede del Centro di eccellenza per le manovre dell’esercito, dove i soldati stanno ora lavorando alla risoluzione dei bug.

E gli insetti abbondano, dice il sergente. Prima classe Christopher Rance, coaching coach di Benning. È stato riscontrato che i robot dell’esercito sono lenti a rispondere agli attacchi e spesso si bloccano a causa della manutenzione, causando una crescente frustrazione.

READ  I centristi del presidente Macron mantengono la maggioranza: attese | Notizie sulle elezioni

“Abbiamo un obiettivo robotico già disponibile là fuori ed è pronto per la pubblicità”, afferma Rance. E abbiamo visto i Marines e le nostre controparti australiane andare in quella direzione. E non capisco nemmeno perché l’esercito non sia saltato su quella nave».

In risposta a molteplici domande e richieste di interviste, l’esercito ha fornito una breve dichiarazione scritta di Doug Bush, assistente segretario dell’esercito per le acquisizioni, la logistica e la tecnologia.

Bush ha scritto: “Dobbiamo migliorare le comunicazioni tra l’esercito e la base industriale riguardo a ciò di cui l’esercito ha bisogno prima che le aziende creino la capacità di presumere che ‘l’esercito non sa che ne ha bisogno’, ‘portare i soldati alle decisioni aziendali’, in anticipo operazioni per assicurarsi che la tecnologia soddisfi le loro esigenze.

Il disegno di legge sulla difesa dello scorso anno includeva un appello ai militari per riferire su come sarebbero stati in grado di identificare obiettivi mobili automatizzati entro l’anno fiscale 2023 ed esprimere il proprio sostegno alla “rapida adozione” di una capacità commerciale standard. Alla fine di aprile, questa relazione non era stata ancora presentata.

“Uno dei nostri maggiori sforzi, in termini di supervisione, è cercare di identificare le aree di ridondanza tra i servizi e quindi cercare di capire come migliorarle, o aiutare i servizi a evitarle”, afferma un collaboratore della Commissione per i servizi armati della Camera, che è sconcertato dall’approccio dell’esercito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.