Ripartizione della classifica del British Open 2022: Cameron Smith vola mentre Rory McIlroy rimane caldo nel secondo round

Venerdì il secondo round del 150° Open Championship è stato caratterizzato da un po’ di tutto. Ho iniziato con i fan Sottoponi Tiger Woods alle mode più calde Poiché la corsa dei 15 vincitori principali a St Andrews potrebbe essersi conclusa con i tagli di questa settimana. Mentre percorreva il 18° fairway con una standing ovation, le lacrime sono salite agli occhi di Woods mentre ricordava i suoi successi consecutivi nel golf in casa e le leggende pre-partita di aver detto un altrettanto caloroso addio dai residenti di St. Andrews.

I fan si sono rialzati ore dopo, anche se per un motivo diverso, quando Cameron Smith ha firmato 8-under 64 per stabilire il record colpendo 36 buche per un Open Championship sul vecchio campo. Seduto a 13 anni sotto il campionato, l’australiano dai capelli lunghi sembrava avere il controllo completo del suo gioco mentre ha contrapposto 12 uccelli e un’aquila contro un solo fantasma durante i suoi primi due round.

Poi c’è Rory McIlroy, che mentre è ancora alla ricerca del suo primo major dal 2014, si è posizionato in una posizione eccezionalmente forte in questo Open Championship. McIlroy ha giocato in una delle ultime coppie della giornata e ora è seduto a soli tre colpi dietro Smith mentre entra nel Moving Day.

Cinque degli ultimi sei leader a 36 buche all’Open hanno vinto e Smith ha dovuto fare uno sforzo fantastico durante il fine settimana per continuare quella tendenza. Nel frattempo, ciascuno degli altri sette vincitori del St Andrews Open era T4 o migliore dopo due round con 14 degli ultimi 15 seduti a tre colpi dal vantaggio dopo 36 buche.

Questa è la distribuzione del resto della classifica in Unlock 150.

1. Cameron Smith (-13): Come si esegue il backup di un 5 under 67 a St Andrews? Bene, con una carta 8-under-64 il giorno successivo e stabilito il record di 36 buche per un campionato Open su Old Court. Smith è stata incredibile durante i primi due round, e i suoi tocchi su e intorno al green dimostrano che è una seria creatrice di squadra. Per il giocatore che ha causato solo la maggior parte dei danni al suo torneo principale all’Augusta National, Smith ha preso esattamente ciò che ha funzionato al Masters e lo ha fatto all’Open di quest’anno.

READ  Pronostici Masters 2022, scelte, favoriti: uno di questi nove golfisti vincerà l'Augusta National

“Penso di essere sempre stato un buon giocatore in circostanze difficili”, ha detto Smith. “Penso che la maggior parte degli australiani lo sia, per una ragione. Penso che siamo tutti cresciuti come giocatori di golf intelligenti e a volte li abbiamo colpiti dal birillo. E questo ci serve bene, penso, nei grandi tornei e quando le condizioni si fanno difficili. “

2 – Cameron Young (-11): Il primo rookie dell’Open ha iniziato il suo secondo round con un po’ di nervosismo quando ha fatto un bogey alla seconda buca della giornata. Mentre dormiva in testa dopo il lancio di giovedì 8-under 64, Young avrebbe dovuto mostrare un po’ di angoscia. Ha rapidamente risolto ogni tipo di disagio che avrebbe potuto avere e ha continuato ad andare avanti venerdì con un round di 3-under 69. Young è stato in bilico in classifica per la maggior parte del 2022 e una svolta sembrava sempre imminente. Mentre la maggior parte di loro si sarebbe riferita a un normale evento del PGA Tour in questo momento, suonarlo nel PGA Tour probabilmente avrebbe dovuto portare a questo invece.

“Sono secondo, preferirei essere secondo che dieci”, ha detto un giovane demotivato. “Dovrai comunque giocare un buon golf durante il fine settimana. Quindi ovviamente è una buona idea iniziare da lì, almeno”.

T3. Rory McIlroy e Victor Hovland (-10): C’è un po’ di un meme di Spiderman in corso con questi due mentre Hovland mi ricorda un po’ un giovane McIlroy. Giocando liberamente con un ampio sorriso e troppo innocente o ignaro del pericolo dietro ogni angolo, Hovland ha giocato una grande rivalità in campionato per la prima volta nella sua carriera. Tuttavia, per raggiungere il successo, i due dovranno scambiarsi luoghi in cui Hovland può usare più pazienza e disciplina e dare a McIlroy più libertà. Se devono farlo in modo efficace, entrambi i giocatori hanno la potenza di fuoco per prendere il Camerun davanti a loro e dirigersi verso le ultime 18 buche con il comando.

5 – Dustin Johnson (-9): Il due volte vincitore principale è stato coerente con la sua apertura a 36 buche e, di conseguenza, si sta dirigendo verso il fine settimana con la possibilità di strappare il suo terzo titolo principale. Sebbene Johnson non appaia molto in TV in questi giorni, è arrivato all’Open dopo aver terminato 25° con due piazzamenti tra i primi 10 al LIV Golf. Ha fatto molto sul vecchio campo e questa settimana non è diversa. Johnson, detentore delle 18 e 36 buche dell’Open 2015, ha concluso con 75 inning consecutivi e spera in un enorme miglioramento questo fine settimana.

READ  L'allenatore Pete Carroll afferma di non vedere i Seattle Seahawks scambiare in QB prima dell'inizio della stagione 2022

“Adoro davvero il campo da golf”, ha detto Johnson. “Mi piace quando giochi forte e veloce in quel modo. Devi davvero pensare a come girarlo, più o meno ad ogni tiro – dove provi a lanciarlo, dove vuoi che la tua palla si fermi. Ovviamente, a volte è davvero così difficile da fare. Mi sento come se avessi fatto un buon lavoro. Davvero per i primi giorni. Voglio farne di più durante il fine settimana. “

T6. Scotty Scheffler e Terrell Hutton (-8): Proprio come gli US Open, il numero uno del mondo è arrivato a St Andrews volando con una piccola reputazione sotto il radar. Mancando il colpo alla sua partenza finale allo Scottish Open, Schaeffler è tornato alla normalità dopo aver segnato in round consecutivi di 68. Con un ampio margine quando le sue vittorie sono apparse al Phoenix Open e all’Arnold Palmer Invitational nei round del fine settimana.

“Incluso [I’m] Rimani in posizione. “Penso che questa mattina ho fatto un buon lavoro gestendo il mio swing”, ha detto Scheffler. Poi, una volta che ci siamo girati, ho fatto un buon swing su un nove, dopo di che ho colpito la maggior parte dei miei colpi vicino al modo in cui volevo. Sono molto contento di come ho giocato”.

T8. Patrick Cantlay, Adam Scott, Taylor Gotch e Seth Thegala (-7): Il PGA Tour Player of the Year è stato un appuntamento fisso nelle classifiche di questa stagione, ma ancora senza una sola vittoria. Alzando il trofeo insieme a Xander Shaveli nella classica di Zurigo, Cantlay ha anche ottenuto sei posti tra i primi cinque nel 2022, inclusa la scorsa settimana allo Scottish Open. Nonostante la sua tenacia, c’è chi critica Cantlay per non essere stato al passo con il suo livello di talento con la produzione nei tornei principali. Questa settimana vedrà la sua migliore occasione ancora per afferrare uno dei Big Four poiché ha ottenuto un po’ di slancio dopo aver terminato tra i primi 15 agli US Open ed è a portata di mano.

READ  Cosa significa l'impegno di Noah Rogers per la classe occupazionale dell'Ohio del 2023

T12. Matt Fitzpatrick e altri cinque (-6): Il miglior open end del campione degli US Open è un pareggio per 20, ma non lo sapresti in base al suo gioco nel secondo round sull’Old Course. Insieme a Woods in una giornata emozionante al golf, Fitzpatrick ha mantenuto la sua posizione e ha firmato un contratto 6-under-66 per gettarsi nella mischia. Se l’inglese in qualche modo riesce a realizzarlo, si unirà a Bobby Jones, Gene Sarrazin, Ben Hogan, Lee Trevino e Tom Watson Woods come giocatori per completare il doppio degli US Open quello stesso anno.

“Mi sento diverso”, ha detto Fitzpatrick di essere un campione di testa. “Posso competere e posso vincere. È stato sicuramente un aspetto positivo. Non mi trattiene. Non è qualcosa di cui mi innervosisco. Devo mostrarmi un po’ di più. Sì, mi hai solo dato quel qualcosa in più fiducia, immagino”.

T18. Xander Shaveli e altri cinque (-5): L’uomo più caldo del golf è arrivato a St. Andrews dopo aver vinto le sue ultime due partite ed era in buona forma dopo l’apertura con un punteggio di 3 under 69. Sigilla questo torneo. Invece, i suoi tiri facili al livello 4 e 12 di seconda elementare hanno sprecato qualsiasi slancio quando ha terminato il round 2-under-70.

T24. Jordan Spieth, John Ram, Will Zalatores e altri otto (-4): Battere nove colpi su 36 buche potrebbe essere troppo, ma abbiamo visto accadere cose più folli nelle major: basta guardare il campionato PGA. Questi giocatori dovrebbero essere impeccabili e uno come Spieth dovrebbe prendersi a calci considerando il modo in cui ha terminato il suo secondo round. Avendo guadagnato un 5-under dopo essere diventato un 4-under-32, il campione di golf dell’anno 2017 ha avuto una legittima possibilità di trovare un 7-under con brevi sforzi di volo sul 10 e 12. E lasciando che queste possibilità funzionassero, Spieth ha giocato le sue ultime sei buche in 1 On e forse fuori da questo torneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.