Questi video di una sonda spaziale che vola attraverso il sole sono davvero fuori dal mondo

Un veicolo spaziale in orbita attorno al Sole ha fatto il suo primo avvicinamento ravvicinato e ha catturato l’incontro in grande dettaglio.

Il Solar Orbiter dell’Agenzia spaziale europea (ESA) è entrato nell’incontro ravvicinato, noto come perielio, il 26 marzo, arrivando a circa 48 milioni di chilometri (30 milioni di miglia) di distanza, all’interno dell’orbita. Mercurio.

In questa vicinanza, le temperature hanno raggiunto circa 500 ° C (930 ° F). In futuro, il perielio dovrebbe avvicinarsi e diventare più caldo.

Mentre ruotava intorno alla sua orbita, il veicolo spaziale ha visto il sole come non l’avevamo mai visto prima, inclusa una caratteristica affascinante e misteriosa chiamata “riccio” e viste dettagliate dei poli solari solitamente nascosti.

Queste nuove osservazioni, effettuate con i dieci strumenti scientifici del Solar Orbiter che lavorano insieme per la prima volta, dovrebbero fornire una grande quantità di dati per estrarre il comportamento del Sole, inclusi i campi magnetici terrestri e il tempo a volte caotico che esplode nello spazio interplanetario.

Abbiamo già visto una straordinaria immagine ad alta risoluzione del veicolo spaziale mentre si avvicina. L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha ora rilasciato un video dell’incontro, al fine di vedere una sonda solare della nostra splendida stella.

Il Solar Orbiter è destinato a fare un’enorme differenza nella scienza dell’energia solare, non ultimo perché può mostrarci parti del sole che normalmente non vedremmo. Ad esempio, a causa del punto di vantaggio della Terra in orbita attorno all’equatore del Sole, è molto difficile studiarne i poli; Solo i veicoli spaziali in orbita attorno e sotto il sole possono vedere queste aree.

Si ritiene che le regioni polari siano regioni molto importanti per i campi magnetici solari che svolgono un ruolo importante nell’attività solare. Tuttavia, poiché i poli sono difficili da vedere, non sappiamo cosa succede ai campi magnetici lì. Con la sua suite di strumenti, il Solar Orbiter offre una visione senza precedenti di queste regioni misteriose.

READ  Nuove straordinarie immagini mostrano giganteschi "segni di artigli" su Marte

La sua vista del polo sud solare il 30 marzo ha rivelato una regione in ebollizione con linee di campo magnetico contorte che si proiettano lontano dal sole.

Il “riccio” solare è un altro fascino. Catturato anche il 30 marzo, i fisici solari devono ancora scoprire cos’è esattamente e come si è formato. Consiste in un’area relativamente piccola larga circa 25.000 km, che è stata fotografata con radiazioni ultraviolette estreme per rilevare l’attività al suo interno.

E qual è l’attività: picchi caldi e meno caldi di gas solare sporgono in tutte le direzioni nella corona solare, o atmosfera, come la testa del letto solare.

“Le immagini sono davvero incredibili” L’eliofisico David Bergmans dice: Osservatorio Reale del Belgio.

“Anche se il Solar Obiter smetterà di acquisire dati domani, sarò impegnato per anni a cercare di capire tutte queste cose”.

L’obiettivo principale del Solar Orbiter è aiutare gli scienziati a comprendere l’influenza del Sole sull’intera eliosfera, o il campo di influenza solare definito dal vento solare, i cui limiti si trovano al di fuori dell’orbita di Plutone. Il vento solare soffia particelle e campi magnetici nello spazio interplanetario, intrecciando pianeti con influenze tangibili.

Più la sonda solare è vicina al sole, meglio può campionare come soffia il vento solare. Avvicinandosi al perielio, il 21 marzo, ha rilevato un flusso di particelle energetiche e, anche da tale distanza, la scoperta è stata rivelatrice. Le particelle più energetiche sono arrivate per prime, seguite dalle particelle meno energetiche. Ciò indica che le particelle non sono state prodotte vicino al sito del Solar Orbiter, ma piuttosto vicino alla superficie del Sole.

READ  Australia: gli scienziati hanno affermato che un tipo di coccodrillo appena scoperto ha mangiato un piccolo dinosauro nel suo ultimo pasto

Altri strumenti hanno catturato eventi solari che potrebbero aver prodotto le particelle, accelerandole nello spazio, inclusi brillamenti solari ed espulsioni di massa coronale, non diversamente dal CME osservato dal veicolo spaziale il 10 marzo, mostrato di seguito.

Il sole è attualmente completamente attivo, il che significa che il veicolo spaziale trasporterà a casa carichi assoluti di dati preziosi sull’attività solare. Ha almeno 14 punti perielio aggiuntivi previsti prima del 2030, quando scenderà in picchiata a quasi 40 milioni di chilometri dal sole, utilizzando Venere flyby per aumentare la sua velocità mentre gira.

Questo primo perielio, ricco di nuovi dati e osservazioni, è un allettante assaggio della futura fortuna solare.

“Siamo molto soddisfatti della qualità dei dati del primo perielio”, L’eliofisico Daniel Mueller dice:Scienziato del progetto di veicoli solari dell’ESA.

“È quasi difficile credere che questo sia solo l’inizio della missione. Saremo già molto impegnati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.