Questa volta, lo Starliner di Boeing può finalmente brillare?

Ingrandisci / Boeing afferma che la sua navicella spaziale Starliner è pronta a decollare verso la rampa di lancio in Florida.

Boeing

Boeing e NASA affermano che la navicella Starliner è pronta per un volo senza equipaggio e una seconda missione di prova senza equipaggio per la navicella è ora prevista per il 19 maggio.

Sono passati nove mesi da quando un’ispezione pre-volo standard del veicolo spaziale, poi seduto su un razzo sulla rampa di lancio in Florida, ha scoperto che 13 delle 24 valvole ossidanti all’interno del sistema di propulsione Starliner erano bloccate. La scoperta è avvenuta a poche ore dal decollo.

Da allora, ingegneri e tecnici di Boeing e NASA hanno lavorato per capire perché le valvole si sono fermate completamente e per risolvere il problema. Hanno scoperto che l’ossidante di tetrossido di diazoto caricato sul veicolo spaziale 46 giorni prima del lancio si combinava con l’umidità circostante per formare acido nitrico, che ha avviato il processo di corrosione all’interno dell’alloggiamento in alluminio della valvola.

Martedì, durante una teleconferenza con i giornalisti, i funzionari della Boeing e della NASA hanno discusso le misure adottate per mitigare il problema dell’imminente volo di prova di Starliner. Le valvole sono sempre le stesse nell’auto, ma i tecnici hanno chiuso i percorsi attraverso i quali l’umidità può entrare nel sistema di propulsione, ha affermato Michael Parker, vicepresidente e vicedirettore generale di Boeing Space and Launch. Inoltre, estraggono l’umidità dalle valvole usando azoto e caricano il propellente sullo Starliner all’avvicinarsi del lancio.

Con queste attenuazioni in atto, lo Starliner sarà presto accatastato sopra un razzo Atlas V costruito dalla United Launch Alliance. Lo Starliner doveva essere lanciato mercoledì presso il complesso di lancio Atlas V in Florida, ma ha detto Boeing L’operazione è stata interrotta a causa di una perdita idraulica nel veicolo di trasmissione della United Launch Alliance.

READ  La NASA si prepara a lanciare la missione Artemis 1 la prossima settimana

Quindi questo è in linea con gli sforzi di Boeing per mettere in servizio lo Starliner. L’azienda ha lavorato al veicolo almeno dal 2010, quando si chiamava Crew Space Transportation-100, o CST-100. Lo Starliner ha effettuato il suo primo volo nel dicembre 2019, ma sono sorti problemi pochi minuti dopo il decollo, quando la navicella ha rilevato il “tempo di missione” sbagliato dal veicolo di lancio Atlas V. Ha anche avuto difficoltà a comunicare con le stazioni di terra. I controllori di volo della NASA e della Boeing sono stati in grado di ripristinare le comunicazioni con lo Starliner e aiutarlo a raggiungere l’orbita. Tuttavia, a causa del carburante speso durante queste attività, Starliner non è stato in grado di completare il suo obiettivo principale, dimostrando un attracco sicuro con la Stazione Spaziale Internazionale.

Ci sono stati problemi anche durante il volo di ritorno sulla Terra. Un altro bug del software, scoperto e corretto poche ore prima che l’auto tornasse sulla Terra attraverso l’atmosfera, avrebbe causato il fuoco sbagliato dei propulsori contro il modulo di servizio Starliner. L’auto stava per perdersi una seconda volta.

Questi problemi hanno portato la NASA ad annunciare che il primo volo di prova dello Starliner è “Chiamata ravvicinata ad alta definizione“E l’inizio di un’indagine lunga anni e un’analisi approfondita dei problemi del programma Starliner. Boeing ha accettato di pagare un secondo volo di prova al costo di $ 410 milioni e alla fine ha preparato la missione Orbital Flight Test-2, che arrivato sulla piattaforma nell’estate del 2021. Dopo di che, l’auto è stata colpita da un problema alla valvola Sticker, e finalmente, dopotutto, l’azienda ha riportato la sua Starliner sul podio, pronta per un nuovo lancio.

READ  La strana luna di Saturno, il Titano, assomiglia alla Terra e gli scienziati potrebbero finalmente sapere perché

La NASA, ovviamente, ha attualmente la navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX per trasportare i suoi astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. Il Crew Dragon ha svolto cinque missioni in gran parte con equipaggio dalla metà del 2020, ma con le tensioni elevate tra Stati Uniti e Russia, la NASA vorrebbe che avesse la possibilità di spostare un secondo equipaggio per raggiungere la stazione.

Ciò significa che c’è un grande interesse alla NASA per il secondo test Starliner. Il successo in questo volo di prova porterà probabilmente la Boeing a portare l’equipaggio alla stazione spaziale per la prima volta già nel 2023.

“Questo è un passo davvero importante nel nostro obiettivo in corso di avere capacità di trasporto americane verso la Stazione Spaziale Internazionale”, ha affermato Cathy Luders della NASA, capo delle operazioni di volo spaziale umano. “Forti servizi di equipaggio sono davvero importanti per il nostro continuo impegno nella ricerca, nella scienza e nello sviluppo tecnologico che svolgiamo sulla Stazione Spaziale Internazionale ed è fondamentale per noi raggiungere i nostri obiettivi di esplorazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.