Questa influencer ha lasciato il suo lavoro da Big Four per creare contenuti a tempo pieno

  • Tanvi Shah ha aumentato i suoi follower su Instagram da 5.000 a oltre 38.000 in circa tre anni.
  • La 26enne ha deciso di lasciare il suo lavoro alla Big Four dopo aver realizzato che poteva guadagnare altrettanto.
  • Shah ha affermato che il mondo aziendale ha influenzato la sua salute mentale e la sua soddisfazione sul lavoro è ora più alta.

Quando Tanvi Shah ha lasciato il suo lavoro in una società di contabilità presso i Big Four, sapeva che stava correndo un enorme rischio di rinunciare al suo stipendio mensile per diventare un’influencer a tempo pieno.

“È stato terrificante e sono ancora molto spaventata”, ha detto a Insider. All’inizio i suoi genitori non capivano il potenziale dei social media. “È stato un enorme sollievo per loro sapere che ho un istituto in cui tornare e lo scenario peggiore è che posso trovare un altro lavoro”.

Shah ha detto che quando ha iniziato a postare regolarmente sui social media, non lo considerava la sua principale fonte di reddito.

Poi, quando è iniziata la pandemia, ho iniziato a dedicare più tempo alla creazione di video di consigli sulla carriera per piattaforme di social media come Instagram, TikTok e YouTube.

“Ho iniziato a investire più tempo per aumentare la qualità di foto e video e, nel frattempo, ho lavorato con molte aziende”, ha affermato.

“Il mio seguito è cresciuto rapidamente quando parlavo di cose di cui di solito non si parla, come la salute mentale quando lavoravo per l’azienda e provenendo dall’Asia meridionale”.

I contenuti di Shah hanno trovato un pubblico e nel giro di un anno ha pensato a come monetizzare i suoi follower.

READ  Investitori di criptovalute indiani in modalità panico mentre Bitcoin Exchange disattiva i depositi

Prima che Shah iniziasse a creare contenuti di qualità, aveva 5.000 follower su Instagram, poi raddoppiati a 10.000 all’inizio della pandemia. Ora ha più di 38.000 follower su Instagram e circa 70.000 su TikTok.

L’influencer dei social media afferma che i suoi guadagni per post dipendono da quanto lavoro ottiene al mese o dal marchio con cui lavora.

“L’obiettivo era quello di abbinare il mio stipendio di £ 3.000 ($ 3.600) al mese. Le spese postali partono da £ 200 ($ 242) ma a volte un grande marchio sceglie un pacchetto di contenuti, come una bobina di Instagram e un video di TikTok. L’affare più grande era 1.500 £ 1.819 per un marchio che desiderava tre contenuti.

Tanvi Shah indossa gioielli tradizionali dell'Asia meridionale

Tanvi Shah condivide spesso il suo trucco e guarda i suoi account sui social media.

Tanvi Shah


Ha iniziato a creare contenuti sui social media come attività secondaria per Shah, ma nel giro di un anno si sono presentate grandi opportunità, dai lavori di modella ai programmi radiofonici. L’influencer nata a Londra ha scoperto che stava lottando per gestire il suo tempo come creatrice di contenuti insieme al suo lavoro in azienda.

“Mi stavo alzando alle 6 del mattino per montare i video e mi sono reso conto che non c’era molta soddisfazione lavorativa in azienda e la mia passione si è rivolta ai social media, quindi ho dovuto pensare alla decisione”, ha detto Shah.

“Se non avessi provato a farlo a tempo pieno, non lo avrei mai fatto. Volevo concedermi del tempo libero, quindi ho deciso di lasciare il mio quattro grandi lavori”.

Shah ha detto che prima di rinunciare al suo lavoro in azienda, gestire un trambusto secondario era come vivere una doppia vita. Si è resa conto che i precedenti manager stavano guardando i suoi post, il che la rendeva diffidente. “Mi sentivo come se Hannah Montana tornasse a casa dal lavoro e facesse qualcosa di completamente opposto ma così sfaccettato”.

Nel mondo finanziario c’era un chiaro percorso di carriera e una tempistica per l’avanzamento di Shah. Tuttavia, sentiva che avrebbe influito sulla sua salute mentale.

“Quando lavoro per me stessa come creatrice, posso gestire la mia salute mentale ponendo dei limiti”, ha detto. “Se decido per una settimana che non posso lavorare non perderò la tasca a causa dei guadagni del mese scorso”.

Avere un background in contabilità e consulenza, oltre a sapere come gestire i suoi soldi, ha aiutato Shah quando è diventata un’autonoma.

“Quello che le persone non vedono è tutto il lavoro che si svolge dietro le quinte”, ha detto. “Mi sento molto per l’autogestione e ho almeno cinque diverse app e strumenti per la pianificazione e l’organizzazione”, ha detto.

“Aiuta a conoscere le regole fiscali e contabili di base e un modo per tenere traccia di profitti, perdite e spese. Sono una ragazza finanziaria ed esperta, quindi è stato naturale guardare quanti profitti stavo realizzando”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.