Putin pensa che l’Occidente batterà le palpebre per primo in una guerra di logoramento con la Russia

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Il presidente russo Vladimir Putin sta combattendo una lunga guerra di logoramento contro l’Ucraina e farà tutto ciò che è in suo potere per cercare di utilizzare armi economiche, come il divieto delle esportazioni di grano dell’Ucraina, per ridurre il sostegno occidentale a Kiev, secondo i membri dell’élite economica russa . .

Il Cremlino ha colto i recenti segnali di esitazione di alcuni governi europei come un’indicazione che l’Occidente potrebbe perdere la concentrazione nel cercare di contrastare l’invasione russa dell’Ucraina, soprattutto perché i costi energetici globali aumentano dopo che le sanzioni sono state imposte a Mosca.

Un miliardario russo ben collegato, che ha parlato in condizione di anonimato per paura di rappresaglie, ha detto che Putin “crede che l’Occidente sarà esaurito”. Il miliardario ha detto che Putin all’inizio non si aspettava una risposta forte e unita dell’Occidente, “ma ora sta cercando di rimodellare la situazione credendo di vincere a lungo termine”. I leader occidentali sono inclini ai cicli elettorali e “crede che l’opinione pubblica possa essere ribaltata in un giorno”.

Il divieto alle esportazioni marittime di petrolio russo annunciato questa settimana dall’Unione Europea – acclamato da Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, per aver esercitato la massima “pressione sulla Russia per porre fine alla guerra” – “avrà scarso effetto a breve termine”, ha detto un funzionario.Anche un russo, vicino agli ambienti diplomatici di Mosca, ha parlato in condizione di anonimato per paura di ritorsioni. “L’umore del Cremlino è che non possiamo perdere, non importa il prezzo”.

Notando che la mossa dell’UE ha portato solo a un altro aumento dei prezzi globali dell’energia, il Cremlino afferma che cercherà di deviare le forniture verso altri mercati asiatici, nonostante il divieto imposto dall’Unione europea e dalla Gran Bretagna di garantire le spedizioni russe.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato in un’intervista al Washington Post che i residenti dell’Unione Europea “soffrono l’impatto di queste sanzioni più di noi”. “L’Occidente ha commesso un errore dopo l’altro, portando a più crisi, e dire che è tutto a causa di quello che sta succedendo in Ucraina e quello che sta facendo Putin è sbagliato”.

READ  Lavrov avverte del "reale" pericolo della terza guerra mondiale

Questa posizione indica che il Cremlino crede di poter resistere all’impatto delle sanzioni economiche più dell’Occidente. Sergei Guriev, ex capo economista della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, ha affermato che Putin non ha altra scelta che continuare la guerra nella speranza che il blocco del grano in Ucraina “destabilizzi il Medio Oriente e inneschi un nuovo afflusso di rifugiati”.

La posizione aggressiva del Cremlino sembra riflettere il pensiero di Nikolai Patrushev, il capo della linea dura del Consiglio di sicurezza russo, che ha servito con Putin nel KGB di Leningrado ed è sempre più visto come un ideologo della linea dura che guida la guerra della Russia in Ucraina. È uno dei pochi stretti consiglieri per la sicurezza che gli addetti ai lavori di Mosca ritengono possano raggiungere Putin. In tre interviste ferocemente anti-occidentali con i giornali russi dopo l’invasione, un timido Patrushev dalla propaganda ha dichiarato che l’Europa era sull’orlo di una “profonda crisi economica e politica” in cui l’aumento dell’inflazione e il già calo del tenore di vita avevano messo a dura prova il umore. europei, mentre la nuova crisi dei migranti creerà nuove minacce alla sicurezza.

“Il mondo sta gradualmente cadendo in una crisi alimentare senza precedenti. Sarà chiaro che decine di milioni di persone in Africa o in Medio Oriente sono sull’orlo della fame, a causa dell’Occidente. Per sopravvivere, fuggiranno verso Europa. Non lo sono”, ha detto Patrushev al quotidiano statale Rossiyskaya Gazeta in un’intervista. Sono sicuro che l’Europa sopravviverà alla crisi”.

In un’altra intervista la scorsa settimana al popolare quotidiano Argumenty and Fakty, Patrushev ha affermato che la Russia “non ha fretta di rispettare le scadenze” nella sua campagna militare in Ucraina.

Il miliardario russo ha affermato che l’esercito russo sta facendo progressi incrementali nella regione del Donbass, nell’Ucraina orientale, e invece di cercare una battaglia immediata e decisiva, Putin crede che il tempo sia dalla sua parte. Putin è “un uomo molto paziente. Può aspettare dai sei ai nove mesi”, ha detto il miliardario. “Può controllare la società russa molto più strettamente di quanto l’Occidente possa controllare la propria”.

READ  Shanghai Covid: la città interrompe ogni corsa per i test di massa

Gli economisti e un funzionario russo hanno affermato che settimane di trattative diplomatiche sui termini dell’embargo petrolifero dell’Unione Europea sono state viste dal Cremlino come un segno della vacillante determinazione occidentale. Le telefonate nel fine settimana del presidente francese Emmanuel Macron e del cancelliere tedesco Olaf Scholz a Putin sui modi per revocare il blocco dei porti ucraini rafforzeranno ulteriormente questa visione. “Significa che pensa di avere influenza”, ha detto un ex funzionario del governo degli Stati Uniti, quando i leader occidentali contattano Putin e cercano un accordo.

Il Cremlino ha insistito sul fatto che il blocco delle esportazioni di grano dell’Ucraina fosse dovuto all’estrazione mineraria ucraina nel Mar Nero – cosa che Kiev ha negato – mentre Peskov ha affermato che le sanzioni occidentali impedivano anche le spedizioni di grano.

L’UE accetta di eliminare gradualmente il petrolio russo, ma esclude le spedizioni degli oleodotti

Sergei Aleksachenko, ex vice capo della Banca centrale russa, che ora vive in esilio negli Stati Uniti, ha affermato che le potenziali perdite della Russia dovute all’embargo dell’Unione europea sulle sue esportazioni petrolifere offshore potrebbero essere minime. Ha detto che se la Russia è in grado di spostare l’intero volume navale in India e Cina, le perdite russe a seguito dell’embargo potrebbero raggiungere solo $ 10 miliardi.

Aleksachenko ha detto che i consiglieri economici di Putin “gli parleranno della perdita stimata dall’embargo e riderà piano”. “Non cambia rotta.”

Edward Fishman, professore associato di affari internazionali e pubblici alla Columbia University ed ex funzionario del Dipartimento di Stato americano, ha affermato che il divieto dell’UE dovrebbe essere visto come “solo un primo passo” negli sforzi per tagliare i guadagni in valuta forte del Cremlino.

Diversi alti funzionari occidentali attuali ed ex hanno discusso proposte per gli Stati Uniti e l’Unione Europea per formare un cartello e limitare il prezzo del petrolio russo, forse a $ 30 o $ 40 al barile. Guriev e Fishman hanno affermato che la mossa potrebbe essere più efficace del divieto europeo e aiutare a ridurre i prezzi globali. Secondo la proposta, gli Stati Uniti potrebbero imporre sanzioni secondarie a chiunque acquisti petrolio russo a un prezzo superiore al limite.

READ  Scorcio in Ucraina e Gran Bretagna, Macron propone una nuova entità europea

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha lanciato per la prima volta l’idea di creare un cartello per i consumatori di petrolio in un incontro con il presidente Biden, mentre la Commissione europea sta ora valutando la proposta di Draghi su un possibile tetto ai prezzi del gas.

I russi affrontano la prospettiva di una carenza in stile sovietico con il pungiglione delle sanzioni

Putin ha dichiarato che un “blitzkrieg economico” contro la Russia era fallito e, in superficie, l’economia è stata protetta dallo shock iniziale delle sanzioni occidentali dall’afflusso di quasi 1 miliardo di dollari di entrate al giorno dalle esportazioni di petrolio e gas in Europa prima. L’embargo dell’Unione Europea sul petrolio marittimo. Grazie ai controlli sui capitali e agli ordini che gli esportatori russi vendono metà dei loro guadagni in valuta forte allo stato, il rublo è salito ai massimi prebellici.

Ma il capo della Banca centrale russa, Elvira Nabiullina, ha avvertito che il pieno impatto delle sanzioni occidentali non si fa ancora sentire. Il divieto delle importazioni high-tech sta appena iniziando a emergere, mentre la carenza di alcuni beni sta iniziando a emergere solo ora. L’inflazione è destinata a superare il 20% e la Russia sta affrontando la recessione più profonda degli ultimi 30 anni. Il tentativo di Putin di proteggere la popolazione dall’inflazione, stimata al 18 per cento, ordinando un aumento del 10 per cento delle pensioni e un salario minimo molto più basso.

Con rischi crescenti per tutte le parti, il funzionario russo ha affermato: “Sarà una guerra di logoramento dal punto di vista economico, politico e morale”. “Tutti stanno aspettando l’autunno”, quando l’impatto delle sanzioni sarà più grave, ha affermato.

Finora, con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che ha stimato che Kiev ha bisogno di 7 miliardi di dollari di aiuti al mese solo per far andare avanti il ​​paese, ha detto un ex funzionario del governo degli Stati Uniti, Putin sembra scommettere sul fatto che l’Occidente smetta di battere le palpebre per primo. L’obiettivo di Putin di soggiogare l’Ucraina e infine posizionare la bandiera russa a Kiev rimane invariato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.