Putin ha detto venerdì che il Cremlino sanzionato sta privando la russa Davos della sua élite

  • Forum economico internazionale 15-18 giugno a San Pietroburgo
  • Non ci sono figure occidentali di spicco nella “Davos russa” a causa delle sanzioni
  • Putin pronuncia un grande discorso il 17 giugno, parla con i media – assistente

14 giugno (Reuters) – La Russia ospita da anni leader mondiali e colossi economici al suo forum economico annuale a San Pietroburgo, ma “Russia’s Davos” vedrà poco dall’élite finanziaria globale di quest’anno poiché Mosca è isolata dalle sanzioni per le sue azioni in Ucraina . .

Questa settimana, per sopperire alla mancanza di una presenza chiave occidentale, la Russia punta i riflettori su attori o paesi più piccoli come la Cina – la seconda economia più grande del mondo – che non hanno aderito alle sanzioni.

“Gli investitori stranieri non provengono solo dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea”, ha detto ai giornalisti martedì il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, riferendosi al Medio Oriente e all’Asia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’aiutante del Cremlino Yuri Ushakov è stato citato dall’agenzia di stampa Interfax dicendo che il presidente Vladimir Putin terrà un discorso programmatico venerdì incentrato sulla situazione economica internazionale e sui compiti della Russia nel prossimo futuro.

Ha detto che si sarebbe anche incontrato con i media a margine del forum verso le 20:00 ora di Mosca (1600 GMT) quel giorno.

Il Cremlino ha lanciato il Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF) nel 1997 per attrarre investimenti esteri, discutere di politica economica e proiettare l’immagine che era aperta alle imprese dopo la fine del dominio sovietico.

La Russia paragona da tempo lo SPIEF al World Economic Forum, l’evento annuale del nastro blu per VIP globali che si svolge nella località alpina svizzera di Davos.

READ  L'ambasciatore degli Stati Uniti ha affermato che la NATO approverà il dispiegamento di 4 gruppi di combattimento aggiuntivi in ​​4 paesi

Ora, con i leader occidentali che evitano la Russia, Putin non terrà più i tradizionali incontri con il movimento politico, i rocker e i dignitari degli Stati Uniti e dell’Europa.

Non c’erano nomi di società statunitensi ed europee o dei loro dirigenti nella cronologia pubblicata il 15-18 giugno (SPIEF) – riflettendo i timori di ritorsioni sotto il regime di sanzioni più completo mai imposto a una grande potenza.

Non sono incluse nemmeno le società sopravvissute in Russia nonostante l’esodo degli investitori occidentali.

Ushakov ha affermato che è prevista la partecipazione di delegazioni di alto livello provenienti da oltre 40 paesi, mentre 1.244 società russe e 265 società straniere hanno confermato che saranno presenti.

In un’eccezione all’assenza di dignitari occidentali, giovedì il presidente della Camera di commercio americana in Russia terrà con i suoi omologhi francesi e italiani una sessione intitolata “Investitori occidentali in Russia: la nuova realtà”.

relazioni tossiche

Le relazioni della Russia con l’Occidente sono diventate tossiche da quando ha inviato forze corazzate in Ucraina il 24 febbraio in quella che ha descritto come una “operazione militare speciale” per rimuovere le minacce alla sua sicurezza. L’Ucraina ei suoi sostenitori occidentali descrivono le azioni della Russia come un accaparramento di terre non provocato.

Quindi SPIEF apparirà e si sentirà molto diverso.

Dopo aver salutato una volta – l’allora cancelliera tedesca Angela Merkel, l’ex capo del FMI Christine Lagarde, Lloyd Blankfein di Goldman Sachs, Vikram Pandit di Citi e Rex Tillerson di ExxonMobil – la Russia darà il conto più alto questa settimana ai capi di stato, alleati del Kazakistan e dell’Armenia .

E l’agenzia di stampa RIA ha citato Ushakov dicendo che il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi pronuncerà un discorso all’incontro tramite un collegamento video.

READ  Il presidente ha detto che l'Ucraina vuole la pace ma non cederà il suo territorio alla Russia

Con le società straniere che svalutano miliardi dei loro investimenti russi un tempo promettenti, le società e le banche locali si stanno affrettando a rilevare le attività che si sono lasciate alle spalle. Leggi di più

Andrei Kostin, CEO di VTB Bank, la seconda banca russa, ha dichiarato al quotidiano RBC Business: “Le sanzioni sono a lungo termine. La globalizzazione è finita come prima”.

Nuove opportunità in un nuovo mondo

Negli anni passati, le sessioni SPIEF si concentreranno su argomenti orientati agli investimenti come la privatizzazione da parte di Mosca e le offerte pubbliche iniziali (IPO).

Il titolo ufficiale SPIEF di quest’anno è “Nuove opportunità in un nuovo mondo”. Gli argomenti delle sessioni includono nuove possibilità per la crescita economica russa, il miglioramento del commercio con le cinque potenze BRICS non occidentali e il futuro del settore finanziario sanzionato dalla Russia.

Altra sessione – “Una nuova forma di cooperazione internazionale: come verranno effettuati i pagamenti?” Si occupa dell’espulsione della Russia dal sistema di pagamento globale SWIFT e della sua mossa per aggirare l’embargo chiedendo pagamenti per le esportazioni di gas in rubli. Avrà relatori da Cuba e Venezuela, alleati di Turchia ed Egitto, che hanno anche rinunciato alle sanzioni.

Ci sarà una sessione su “Fake News” – un panel a cui parteciperanno i media statali, l’Ufficio del Procuratore Generale e il Ministero degli Esteri mentre Mosca persegue una guerra mediatica con l’Occidente.

Altri paesi che inviano funzionari per partecipare o parlare lì tramite collegamento video sono Cina, Bielorussia, Repubblica Centrafricana, India, Iran, Nicaragua, Serbia ed Emirati Arabi Uniti.

Alcuni partecipanti hanno chiesto che i nomi dei datori di lavoro non fossero stampati sui loro badge personali, ha riferito RBC, citando la società statale Rosgoncress, che organizza il forum.

READ  La Corea del Nord affronta un'epidemia di malattie infettive nel mezzo della battaglia contro il COVID

“Il denaro ama il silenzio ora più che mai”, ha affermato Denis Denisov, capo della filiale russa della società di consulenza internazionale EM.

(1 dollaro = 57.4500 rubli)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto Reuters) A cura di Mark Heinrich e Grant McCall

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.