Punti Warriors-Celtics, da asporto: Stephen Curry e Golden State tornano a pareggio con la vittoria in Gara 2

Quello che i Golden State Warriors hanno fatto contro i Boston Celtics nella seconda partita delle finali NBA domenica sera è stata la definizione di “risposta”. Dopo aver perso la prima partita della serie davanti ai propri fan a causa di una scarsa prestazione nel quarto quarto, i Warriors erano ben consapevoli di dover recuperare rapidamente, ed è esattamente quello che hanno fatto.

La partita è stata molto serrata durante i primi 24 minuti, ma nel terzo quarto i Warriors hanno calciato un po’ e hanno avuto una grave rottura. Golden State ha battuto Boston 35-14 in quel quarto e non hanno mai guardato indietro. Sono andati sulla costa per una vittoria per 107-88, legando la serie a un pareggio per 1-1 nel processo.

Stephen Curry ha aperto la strada al Golden State con 29 punti, sei rimbalzi e quattro assist, mentre Jordan Paul ha aggiunto 17 punti dalla panchina. Come squadra, i Warriors hanno forzato 18 turni a Boston e hanno segnato 33 punti da quelle palle perse. Questo è stato un fattore importante nel risultato.

Jason Tatum ha accelerato i Celtics con 28 punti e sei rimbalzi, ma la sua produzione non è stata sufficiente poiché solo altri due giocatori dei Celtics hanno segnato in doppia cifra. Ora, la serie si sta spostando a Boston per le partite 3 e 4. Ecco i momenti salienti della partita 2.

Regressione dell’amante crudele

Quando Boston ha tirato 21 su 45 da dietro l’arco in Gara 1, Draymond Green è rimasto meno colpito. “Hanno raggiunto 21 3, Marcus Smart, Al Horford e Derek White combinati per 15”, Green Egli ha detto. “Questi ragazzi sono bravi a sparare, ma si sono uniti per… 15 contro 23 di questi ragazzi? Eh. Staremmo bene.”

Viene fuori che aveva ragione. Green ha trascorso buona parte della gara 1 trattenendo Horford per concentrarsi sull’assistenza alla difesa, ma in gara 2 ha dato un nuovo tono al primo possesso. Green ha giocato a Horford così duramente che ha costretto la palla a saltare.

READ  Odell Beckham Jr. si allontana per un infortunio al ginocchio, torna a bordo campo per vedere i Los Angeles Rams vincere il Super Bowl LVI

Boston ha comunque fatto un ottimo inizio a 10 su 19 da dietro l’arco, ma ha concluso 3 su 14 nel secondo tempo. Horford e Smart si sono uniti per segnare 44 punti nella prima partita. Hanno segnato solo quattro punti nella seconda partita. Infatti, anche pensando alle perdite di tempo, Jason Tatum e Jaylene Brown riescono comunque a totalizzare più della metà dei punti di Boston (45 su 88). I giocatori che hanno sparato a Boston nella vittoria in Gara 1 si sono raffreddati in Gara 2.

Ci sarà una via di mezzo qui. Boston è meglio di 3 su 14 e peggio di 10 su 19 perché ogni squadra nella storia della NBA cade da qualche parte tra questi due estremi. Ma a parte White e talvolta Grant Williams, i Warriors erano molto più aggressivi all’inseguimento dei tiratori di Boston. In questo senso, il conteggio di tre punti di Boston difficilmente racconta la storia qui. È un dato di fatto che i Warriors hanno catturato i Celtics con 12 tentativi in ​​meno (45 contro 33) nella seconda partita. Di conseguenza, non sono riusciti a raggiungere i 90 punti.

Stiamo iniziando a scoprire chi sono veramente queste squadre

I tornei tendono a diventare sempre più piccoli con l’avanzare della serie di qualificazioni e stasera è stato un ottimo esempio del perché. I Celtics vorrebbero poter giocare con quattro grandi. Robert Williams III ha un ruolo doloroso e Al Horford ha appena compiuto 36 anni. Tutto ciò che Danielle Theiss può fornire sarebbe molto apprezzato. I Celtics hanno segnato 12 punti nei sette minuti ufficiali giocati in questa partita. Il momento in cui ha deciso di provare a giocare una partita di copertura contro Stephen Curry, doveva essere il momento in cui Ime Udoka ha deciso di eliminarlo per il resto della serie.

Le scoperte di Steve Kerr gli furono imposte. Andre Iguodala è stato squalificato prima della seconda partita a causa di un’infezione al ginocchio. Questo gli ha permesso di concedere a Gary Payton II, che era il DNP-CD in Game 1, 25 minuti estremamente utili. Non a caso, i Celtics hanno fatto 18 turni in Gara 2, cinque volte di più rispetto a Gara 1. Statisticamente, questo era uno sviluppo abbastanza prevedibile. I Warriors hanno generato 3,3 palle perse in più ogni 100 possedimenti durante i minuti di stagione regolare di Payton rispetto a quando hanno giocato senza di lui. Per coincidenza, questo è il margine esatto tra le vittorie e le sconfitte di Boston in una partita di playoff. I Warriors hanno segnato 33 trasformazioni in Gara 2, un aumento di 18 punti rispetto ai Celtics. Hanno vinto la partita di 19 punti.

READ  Colin Morikawa è salito in cima alla classifica degli US Open con un punteggio di 4-under 66; Ha pareggiato con Joel Dahmin dopo due round

Il problema con i lunghi minuti di Payton è che Boston ha scarso interesse a pattugliare l’oceano. Payton compensa questo in altri modi. È un grande demolitore e atleta nucleare, ma Golden State ha ancora bisogno di iniettare la spaziatura in altri modi, soprattutto visti i limiti di Green come tiratore, quindi prova Nemanja Bjelica, le cui debolezze difensive sembrano essere molto esagerate. Ha resistito contro Luka Doncic lo scorso round e ha fatto bene contro Boston nella seconda partita.

Dal momento che tende ad andare in finale, dopo due partite l’una contro l’altra, Warriors e Celtics ora sembrano avere una buona idea di quali giocatori possono sopravvivere nella serie e quali no. Boston sembra essere atterrato all’ottavo posto: Tatum, Brown, Smart, Horford, White, Pritchard e due Williams. Golden State ha otto progetti propri: Carrie, Greene, Payton, Klay Thompson, Andrew Wiggins, Kevin Looney, Otto Porter Jr. e Jordan Paul. Bjelica ha presentato un caso convincente per lo slot numero 9 stasera. I precedenti di Iguodala potrebbero dargli il vantaggio. Ma sembra che i giorni di punizione di Thess da parte del Golden State siano finiti. Andando avanti, probabilmente vedremo solo i migliori giocatori offerti da queste squadre.

Il dottor Jekyll e il signor Thompson

Klay Thompson ha tirato 4 su 19 dal campo in Gara 2. Questa è una notte difficile ma non insolitamente brutta. Thompson ha segnato meno del 40 percento dal campo in 15 delle 32 partite della stagione regolare. Getta una puzza o due in ogni serie in questa post-stagione, e anche quando le linee di base per l’intero gioco sembrano decenti, avrà spesso bisogno di salvare un primo tempo miserabile con un secondo tempo migliore.

READ  Mike Trout lascia il gioco dopo essere caduto in campo

Questo non significa che Thompson sia una specie di disastro ferroviario. Le altitudini erano più alte che mai. La sua esplosione di 32 punti per eliminare i Mavericks è stata un classico Clay. Ha ancora una media di circa 20 punti a partita nella post-stagione. Ma i Warriors hanno un disperato bisogno di un secondo marcatore coerente. Jordan Bull deve ancora arrivare così lontano e ha lottato nella prima partita. Andrew Wiggins ha avuto un inizio lento per le finali. Al momento, Curry sta generando quasi tutto su Attack for the Golden State. Thompson non è esattamente un gestore di palla ad alto utilizzo, ma l’attacco è molto più fluido quando i Warriors possono almeno contare su di lui per fare tiri aperti e generare alcune delle sue sbirciate all’interno dell’arco.

Non è stato in grado di resistere alla difesa stellare di Boston nelle finali e finora in questa serie ha sparato solo con il 30,3 percento dal campo. I Warriors potrebbero essersi difesi abbastanza bene da respingere Boston stasera, ma non vinceranno altre tre partite con un tiro di Thompson del genere. Le loro speranze per il campionato dipendono dal fatto che la versione migliore di lui appaia più spesso della peggiore, ma da una notte all’altra i Warriors non sembrano sapere quale versione otterranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.