Primi attacchi aerei sulla Russia dopo la seconda guerra mondiale: elicotteri ucraini bombardano il serbatoio del carburante di Belgorod

Le forze armate ucraine hanno confermato che due elicotteri militari di Kiev hanno bombardato un deposito di carburante nella regione russa di Belgorod. È stato il primo attacco aereo nella storia del territorio della Federazione Russa e il bombardamento dell’area controllata da Mosca (ex Unione Sovietica) dopo la seconda guerra mondiale.

L’esercito ucraino ha pubblicato un video su Twitter durante gli attacchi aerei.

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

La città di Belgorod nella Federazione Russa si trova a 30 km dal confine con l’Ucraina. Stamattina è scoppiato un incendio improvviso in un deposito petrolifero della città. Il governatore russo della regione ha detto in occasione che due elicotteri ucraini stavano volando a bassa quota e sono stati bombardati da serbatoi di carburante.

“A seguito di un attacco aereo di due elicotteri ucraini, è scoppiato un incendio nel deposito di carburante, che è volato a bassa quota ed è entrato in territorio russo”, ha affermato il governatore russo Vycheslav Kladkov a Belgorod. Il Moscow Times ha citato.

Sui social media sono state pubblicate anche le immagini di elicotteri che volano a bassa quota e delle attrezzature utilizzate nell’attacco ai magazzini di Belgorod.

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Altre immagini pubblicate su Twitter, presumibilmente scattate vicino a Belgorod, mostrano i resti di missili reattivi di calibro 80 mm, un tipo di munizione usata dagli elicotteri d’attacco ucraini.

READ  La Turchia dice che alcuni paesi dovrebbero rimanere in contatto con Mosca: "Se tutti bruciano i legami con la Russia, chi altro parlerà con loro?"

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Secondo il Washington PostLe ultime bombe a cadere al confine dell’ex Unione Sovietica durante la guerra di Corea risalgono al 1950, in un incidente causato da un incidente e da un errore di direzione degli americani.

Autore: Mihnia Lazar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.