Pete Carell, allenatore di basket di Princeton, muore a 92 anni

Pete Carell, che ha allenato basket a Princeton per 29 anni e ha spaventato i suoi avversari più famosi con i suoi studiosi più piccoli e spesso non qualificati che giocano a un gioco da manuale, è morto lunedì. Aveva 92 anni.

La sua famiglia ha annunciato la sua morte nella situazione attuale Inserito sul sito web dei Princeton Tigers. Non ha menzionato il luogo della sua morte, né ha menzionato la causa della morte.

In qualità di capo allenatore maschile dal 1967 al 1996, Carell ha insegnato basket a un uomo premuroso a Princeton. Come membro della Ivy League, l’Università di Princeton non poteva offrire borse di studio per l’atletica e le sue richieste accademiche erano elevate, ma le squadre di Carril, che erano sempre state in inferiorità numerica e superate, hanno comunque vinto il doppio di quanto hanno perso.

Il suo record di Princeton era di 514-261, con 13 titoli Ivy, 11 presenze al campionato IAAF, due campionati nazionali a invito (la sua squadra vinse nel 1975) e una sola stagione perdente. Quattordici delle squadre di Princeton guidavano la nazione in difesa. Nel 1997 è stato eletto membro di Pallacanestro Hall of Fame a Springfield, Massachusetts.

Ha sottolineato che c’era un’offesa intenzionale fuori palla che aveva i giocatori che passavano la palla e impostavano gli schermi fino a quando il tiratore non si apre o qualcuno tira a canestro in un gioco brevettato del portellone. I punteggi erano bassi e, non importa quanto fossero preparati gli avversari, erano frustrati e spesso perdevano l’equilibrio.

“Interpretare Princeton è come andare dal dentista”, ha detto l’allenatore della Carolina del Nord Jim Valvano. che morì nel 1993 a 47 anni. “Sai che in futuro può farti stare meglio, ma mentre sta succedendo può essere molto doloroso.”

READ  Notizie 49ers: un GM pensa che i 49ers vogliano 2 del primo round di Deebo Samuel

Lo scrittore sportivo del New York Times Bill Pennington ha scritto: “Il tifoso di basket più intelligente può ammirare e capire a prima vista la squadra di Pete Carril. La squadra di Pete Carril può stupire i canestri più devoti. Il basket non era un talento, ma una squadra. Potrebbe non esserlo come dovrebbe essere.” Che tutti lo suonavano, ma era il modo in cui tutti lo suonavano”.

All’annuale torneo NCAA, le squadre di Carell potrebbero perdere contro le potenze nazionali, ma non prima di essersi innervosite e minacciare di interruzione. Solo al primo turno, Princeton ha perso contro Georgetown per 50-49 nel 1989, Arkansas per 68-64 nel 1990 e Villanova per 50-48 nel 1991.

La vittoria finale di Karel per il college Arrivò il 14 marzo 1996, a Indianapolis, nel primo round del campionato NCAA contro l’Università della CaliforniaEroe difensore. Il 13esimo seme di Princeton ha segnato, staccato di 7 punti a sei minuti dalla fine, cosa succede dopo? – Portellone con 3,9 secondi rimasti e vinto. il giorno successivo, Il quotidiano Princetonianoil giornale studentesco, ha pubblicato questo titolo a pagina 1:

Davide 43, Golia 41.

Carell ha detto di non avere illusioni: “Se giocassimo all’UCLA 100 volte, vincerebbero 99 volte”. (I Tigers hanno continuato la loro sconfitta, 63-41, al secondo turno contro lo Stato del Mississippi.)

Dall’altra parte del campus di Princeton, era una figura rispettabile con una voce roca in una giacca convertibile e pantaloni color cachi (o, se vestito in modo formale, una cravatta). Un collega una volta lo ha descritto come “un lillipuziano riccio che sembrerebbe fuori posto con un abito Armani come sembrerebbe con un abito di Vera Wang”. Durante le partite, era famoso per il suo stile di allenamento commovente.

READ  Udonis Haslem ha abbattuto Draymond Green, dicendo di aver "infranto il codice" con la scelta dei Celtics

Ogni anno, nella sua prima sessione di allenamento, Carell ha pronunciato lo stesso discorso davanti ai suoi giocatori.

“So del tuo carico accademico”, ha detto. “So quanto sia difficile rinunciare a giocare qui, ma facciamo una cosa. Nel mio libro, non c’è niente come un giocatore della Ivy League. Quando esci da quello spogliatoio e superi quella linea bianca, tu sei un giocatore di basket, punto”.

Ma ha anche detto ai suoi giocatori:

“Princeton è un posto speciale con alcuni professori eccezionali. È qualcosa di speciale che qualcuno dovrebbe studiare. Ma tu non sei speciale solo perché sei andato qui.”

Pedro Jose (in seguito noto come Peter Joseph) Carel è nato il 10 luglio 1930 a Bethlehem, in Pennsylvania, da suo padre, un immigrato spagnolo, che ha lavorato per 40 anni nelle Bethlehem Steel Kilns e non ha mai perso un giorno di lavoro, ha detto suo figlio.

Al liceo di Betlemme, Pete era un giocatore di basket di tutti gli stati, e a Lafayette, dove ha giocato Butch Van Breda KolfeOgni piccolo americano lo era. Poi, per 12 anni, ha allenato basket al liceo in Pennsylvania mentre conseguiva il suo master in educazione alla Lehigh University nel 1959.

Nella stagione 1966-67, Lehigh ha allenato un record di 11-12. Successivamente, Van Breda Kolff, che aveva allenato Princeton, partì per allenare i Los Angeles Lakers della National Basketball Association. Princeton considerava Bobby Knight e Larry Brown come successori. Invece, ha preso Karel.

Ha lasciato gli studi universitari dopo la stagione 1995-96.

“Ho schivato i proiettili per 30 anni”, ha detto Carrell. “Trovo di non vedere molto. Pensavo che i ragazzi pensassero che il mio allenamento valesse cinque punti a partita per loro. Forse lo era, ma mi sentivo come se non si sentissero così ora. Penso di ‘ Sto facendo meno differenza.”

READ  Joan Howard schiaffeggia il suo allenatore avversario dopo la partita del Michigan Wisconsin

L’anno successivo, è diventato assistente allenatore per i Sacramento Kings nella NBA sotto l’allenatore Rick AdelmanPassa la maggior parte del suo tempo a distruggere i nastri di gioco. Rimase con la squadra per la maggior parte del decennio successivo, ritirandosi nel 2006, ma tre anni dopo, all’età di 78 anni, tornò ai Kings come consigliere.

“Essere un assistente non mi disturba affatto”, ha detto. “I dolori allo stomaco e il mal di testa che provi quando vedi cose che sono fatte male o quando perdi, o tutti quei problemi che hai come allenatore, ne ho abbastanza”.

Ha scritto con Dan White “A Smart Take from the Strong: Pete Carell’s Basketball Philosophy” (1997). I suoi metodi di addestramento erano persino un argomento carta accademica Scritto da Francis Petty, professore di marketing alla Fordham University, What Executives Can Learn da Pete Carell.

Nessuna informazione è stata immediatamente disponibile sui sopravvissuti.

Ma sarà ricordato, anche se nessuna delle sue squadre ha ricevuto gli onori finali. L’ho anche ignorato.

“Vincere un campionato nazionale non è qualcosa che vedrai a Princeton”, ha detto nei suoi ultimi anni lì. “Ho ceduto anni fa. Che cosa significa comunque? Quando morirò, forse due uomini cammineranno davanti alla mia tomba e uno dirà all’altro: ‘Povero. Non ha vinto un campionato nazionale. E non sentirò una parola di quello che dicono”.

Frank Letsky, scrittore sportivo di lunga data per The Times, Morto nel 2018. William MacDonald ha contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.