Perché la Russia ha perso così tanti generali nel conflitto ucraino – il capo della US Defense Intelligence Agency

Il generale ha detto martedì che l’Ucraina ha ucciso “otto e dieci” generali russi durante il conflitto in corso in Ucraina.Tenente Scott Perry, capo del Servizio di intelligence della difesa degli Stati Uniti, ha detto alla CNN davanti al Comitato per i servizi armati del Senato degli Stati Uniti.

Scott FerrierFoto: Saul Loeb / AFP / Immagini Profimedia

I funzionari statunitensi stanno monitorando da vicino il bilancio delle vittime dei generali militari russi: un numero insolitamente alto per un esercito moderno, più del numero di generali statunitensi persi nei 20 anni di conflitto in Afghanistan.

Perché la Russia ha perso così tanti comandanti

Alcuni funzionari statunitensi affermano che parte di questa strana immagine è il supporto dell’intelligence statunitense, mentre altri credono che i generali russi siano costretti ad agire più profondamente del solito nella zona di conflitto per motivare le loro truppe.

Arkansas GOP Sen. Alla domanda di Tom Cotton se la Russia stesse perdendo troppi generali, il tenente generale Scott Ferrier ha detto di sì perché dovevano andare così lontano nella zona di conflitto “per garantire che i loro ordini fossero eseguiti”.

In generale, Ferrier ha affermato che l’Ucraina sta inviando truppe motivate dal conflitto, anche se il suo esercito è molto più piccolo dell’esercito russo.

Perrier ha anche affermato che gli ucraini sanno come difendere il loro paese. “Non so se i soldati russi nei remoti distretti militari russi lo capiscano davvero”.

In precedenza, ha detto l’ex comandante in capo della NATO in Europa, il generale della riserva James Stavridis. “Incompetenza sorprendente” L’esercito russo in Ucraina ha portato alla perdita di generali e altri alti ufficiali in un modo senza precedenti nella storia moderna.

READ  80 km di camion al confine tra Polonia e Bielorussia. I conducenti hanno cercato di lasciare l'UE a mezzanotte

“Nella storia moderna, non c’è stata una situazione paragonabile per quanto riguarda la morte dei comandanti. Ho visto da parte russa, in due mesi, almeno una dozzina di generali russi uccisi”, ha detto Stavridis in un’intervista alla stazione radio americana WABC 770 AM di domenica.

In confronto, Stavridis ha citato i recenti conflitti legati agli Stati Uniti, affermando che “nessun comandante è stato perso in guerra” nelle guerre statunitensi in Afghanistan e in Iraq.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.