Nuove sfide in Transnistria. Esplosioni su due antenne radiotelevisive

Il cosiddetto ministero dell’Interno nella regione separatista della Transnistria ha annunciato martedì mattina che sono state registrate due esplosioni nella città di Mayak nell’area di Gregoriopol. Annuncia il rilascio di Deschide.md Da Chisinau. Il servizio di intelligence e sicurezza della Repubblica di Moldova ha risposto rapidamente e lo ha affermato La Transnistria controlla la situazione nella regione.

Aggiornamento 11:55 Il cosiddetto Consiglio di sicurezza della Transnistria ha affermato che il livello di rischio è critico. “Si è deciso di introdurre un livello rosso di minaccia terroristica nel Paese. Sono stati registrati tre attacchi terroristici al giorno: l’edificio del ministero della Difesa di Stato delle PMR è danneggiato (Dinester Repubblica Moldova) Dal comune di Traspol, l’unità militare nei pressi del villaggio di Bargani e le torri della stazione radiotelevisiva nei pressi del villaggio di Mayak”, secondo un rapporto del Consiglio di sicurezza della Transnistria.

Aggiornamento 11:50 Le agenzie di stampa statali della Federazione Russa hanno riferito che il capo dell’autoproclamata Repubblica della Transnistria ha convocato un Consiglio di sicurezza in relazione ad attacchi terroristici alle infrastrutture dello stato.

Aggiornamento 11:19 Dopo gli eventi della repubblica separatista, il Presidente della Repubblica di Moldova Mia Sandu ha convocato il Consiglio di massima sicurezza del Paese alle 13.00.


Messaggio iniziale

Secondo funzionari non autorizzati sulla riva sinistra del Dnestr, ci sono state due esplosioni nella città di Maiak nel distretto di Gregoriopol nella regione della Transnistria: la prima alle 06:40 e la seconda alle 07:05. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i vigili del fuoco della Transnistria.

READ  FT: America o Europa in Europa multimp - mulimită lui Putin - International

I combattenti di Gregoriopol hanno circondato l’area della stazione radiofonica e televisiva Mayak e gli ingegneri hanno iniziato a esplorare l’area. Publika.md scrive.

“Secondo i dati disponibili alle 9:00, due grandi antenne non funzionavano. Entrambe trasmettono stazioni radio nella Federazione Russa”, si legge in una dichiarazione del ministero dell’Interno separatista transnistriano, che afferma che non sono state segnalate vittime.

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Alle 9:20, la stazione televisiva Tiraspol TSV ha rilasciato il filmato di un dilettante colpito a morte a Gregory. In lontananza è visibile una nuvola di fumo. Il giornalista cita.

Le tue impostazioni sui cookie non consentono la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Puoi aggiornare le impostazioni del modulo cookie direttamente dal tuo browser o Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Il centro “Maiak” è stato costruito alla fine degli anni ’60. L’antenna è in grado di trasmettere onde su una distanza di circa 100 metri e su distanze molto lunghe. Ruota sul suo asse.

L’attentatore ha colpito poco dopo mezzogiorno davanti a una manifestazione di lunedì, rimuovendo centinaia di manifestanti su camion.

Funzionari del ministero degli interni della regione separatista hanno affermato che una granata a propulsione a razzo non identificata è stata scagliata contro l’edificio. Le immagini di tali esplosivi lanciati a terra sono state distribuite sui canali dei telegrammi.

Esplosioni in un edificio noto come Ministero della Difesa della Transnistria a Transpo. Per strada si trova un’anti-arma per carri armati usata e abbandonata. Foto: Twitter / Liveuap

Il governo della Repubblica di Moldova ha dichiarato lunedì sera che il motivo dell’attacco con granate all’edificio, noto come Ministero della Difesa della Transnistria, era “legato alla creazione di scuse per la situazione della sicurezza”.

READ  Come è sfuggito all'impunità il milionario che ha guidato a 417 km / h sull'autostrada tedesca

Servizio di intelligence e sicurezza della Repubblica di Moldova Enfatizza il silenzio Lo dichiara La Transnistria controlla la situazione nella regione

Il Servizio di intelligence e sicurezza (SIS) ha annunciato che sta monitorando la situazione nella regione, in reazione alla situazione della sicurezza nella regione della Transnistria. Allo stesso tempo, l’azienda ha intensificato i suoi sforzi per “raccogliere informazioni sulla prevenzione di attività che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza della Repubblica di Moldova”.

“Il SIS monitora e informa gli utenti delle informazioni in tempo reale, comprese le opzioni politiche relative a circostanze in continua evoluzione. Le lezioni presentate ai decisori dovrebbero generare informazioni classificate in base alle posizioni ufficiali che dovrebbero essere create e, se necessario, informare il pubblico in generale, “, ha affermato il Sis in una nota. Preso da TV8.md..

In questo contesto, esortiamo la comunità a mantenere la calma e ad astenersi dal distribuire informazioni non veritiere, in particolare incitamento all’odio e informazioni che inducono alla guerra.

“Data la complessità della situazione, ci affidiamo al pensiero responsabile e critico dei cittadini della Repubblica di Moldova. A questo proposito, la comunicazione sarà effettuata in modo centralizzato dalle autorità pubbliche della Repubblica di Moldova”, il dichiarazione ha detto.

La Transnistria, che confina con l’Ucraina, ha dichiarato la sua indipendenza dalla Repubblica di Moldova dopo una breve guerra seguita alla caduta dell’Unione Sovietica nel 1992. La regione separatista ha una propria valuta e proprie forze di sicurezza.

Tuttavia, la regione, con una popolazione di circa 500.000 abitanti, è fortemente dipendente dalla Russia, che fornisce gas gratis e ha 1.500 soldati di stanza lì.

READ  Domande per CTP, Cîśu: chi ha pagato e quanto è costato visitare gli Stati Uniti? In che modo 100 milioni di vaccini giustificano quanti di noi siamo?

La Transnistria non è riconosciuta come Paese indipendente dalla comunità internazionale, compresa Mosca, che la considera un ponte non lontano dal confine dell’UE.

Autore: Marco Padeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.