“Non voglio spaventare nessuno, ma è vero”.

Siamo di fronte a una nuova ondata CovidÈ una malattia che può lasciare segni indesiderati nel cervello, ma ci sono scappatoie che possono almeno separarci da questo stress, afferma il professor Vlad Ciuria.

“Ci sono tre risposte. Prima mi risponderò: dobbiamo resistere a questo. Dobbiamo. Michelangelo ha detto che se Dio ci ha creati, non ci lascerà.

Professore Dott. Vlad Syuria: “Segui i consigli dei medici, non dei politici”

In secondo luogo, per mantenerci in salute, dovremmo seguire i consigli degli esperti, non dei politici.

‹‹‹ Guarda la galleria fotografica

Terzo, noi, popolo d’Israele, abbiamo uomini saggi vicino a noi. Vengono attaccati e hanno altri problemi. E devono cavarsela da soli. Quello che facciamo per copiare, penso che non siano stupidi (…).

Quindi, quello che fanno, come si difendono, come vincono, lo danno per scontato, perché hanno più esperienza e medici migliori e informazioni migliori, le informazioni li raggiungono più velocemente di noi”, ha suggerito il famoso neurologo Vlad Ciurea nello show . Luogo d’incontroDall’antenna 3.

La raccomandazione del medico arriva dopo che ha affermato di aver visto effetti inaspettati del virus SARS-CoV-2 sul cervello nelle persone negli ultimi due anni.

“Grandi risultati e molti, molti altri. Nevrosi, mani tremanti, problemi permanenti di gusto e olfatto, problemi di vista, problemi di equilibrio, depressione permanente, attacchi di panico, insonnia agitata, se te lo dico ti spaventerà.

Quali sono gli effetti del COVID sul cervello?

Ci sono persone che si svegliano di notte e pensano… Non voglio spaventare nessuno. Allo stesso modo, coloro che inizialmente erano all’inizio di una grave malattia di Parkinson, ad esempio, quando è arrivata l’onda, li hanno colpiti duramente e la malattia è iniziata”, ha richiamato l’attenzione sul Prof. Univ. Dr. Vlad Syuria.

READ  Il presidente del Parlamento europeo David Sosoli è morto in un ospedale in Italia

Alla domanda se è stato in grado di farsi un’opinione su questo virus e perché colpisce così tanti organi, l’esperto dice che l’idea non è sua, ma la sostiene.

“Non è una mia idea, appartiene all’accademico Victor Voygu, il capo del dipartimento di medicina dell’accademia, che ha scritto un articolo. Ha riunito diversi medici e abbiamo scritto ogni parte.

Ha detto che è una malattia dell’epitelio, tutti gli epiteli sono colpiti: e vascolare, cerebrale, stomaco e polmone, c’è una malattia. La lotta è diversa: è meglio prevenire che mantenerla”, ha concluso il famoso neurochirurgo Vlad Syuria.

Una bevanda che stanca si consuma con discrezione, è a disposizione di tutti, soprattutto d’estate, bisogna fare attenzione a non superare una certa quantità.

Il vino rosso, perché se consumato occasionalmente e in piccole quantità, può aiutare ad alleviare la fatica, afferma il professor Vlad Ciuria.

“Il vino rosso fa bene quando sei veramente stanco. Puoi berne un bicchiere alcol Il rosso è quando sei stanco e ti sentirai stanco immediatamente.

Altrimenti, bevi alcolici o abete con moderazione, per la digestione e il piacere, non bere fino all’ebbrezza”, ha raccomandato il professore universitario. Il neurochirurgo Vlad Ciurea all’evento Luogo d’incontroDall’antenna 3.

Questo cervello “ingioiellato”, come lo chiama il famoso professor Vlad Ciurea, ha bisogno di cibo buono e di qualità per funzionare in modo ottimale.

Ci sono cinque cibi o tipi di cibo che ci aiutano a continuare il cervelloFunziona bene, dice un famoso neurochirurgo.

Quindi il cervello ha bisogno di grassi buoni, proteine ​​di qualità, ma anche di una certa spezia come l’aglio che usiamo spesso in cucina, il più delle volte, senza sapere che mette in azione il “gioiello”.

READ  CTP: Sig. Ho chinato la testa quando ho visto quello che stava dicendo Zavrov, ma la risposta del Primo Ministro israeliano è stata molto deludente.

Cioccolato, caffè o tè verde fanno bene al cervello, afferma il professor Dr. Vlad Syuria, ma è necessario prestare attenzione all’assortimento scelto.

In altre parole, sebbene le cellule nervose accettino volentieri i dolci, non tutto il cioccolato fa bene al cervello.

Il famoso neurochirurgo Vlad Ciurea spiega che il miglior cioccolato per il cervello è amaro, naturale e contiene poco zucchero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.