“No” è l’ultimo film di Jordan Peele al botteghino


New York
Affari CNN

No,” Il terzo film di Jordan Peele, uscito per 44 milioni di dollari questo fine settimana in Nord America, secondo la Universal Pictures.

Il film di fantascienza, con Daniel Kaluuya nei panni di Attaccabrighe, avrebbe dovuto creare un cavallo di Hollywood alle prese con problemi extraterrestri. Circa 50 milioni di dollari questo fine settimanasecondo le aspettative iniziali.

È il terzo film di Peele consecutivo ad aprire al numero uno al botteghino nordamericano e la più grande apertura nazionale per lo schermo originale dal 2019, “Noi”, l’ultimo film di Peele, secondo lo studio.

Nonostante la trama ambigua del film, No è ​​stato uno dei film più attesi dell’anno, quindi la sua apertura è stata un po’ fiacca. Tuttavia, sta ancora andando forte considerando che il film ha un rating R, non è associato a un marchio o a un sequel e ha un budget di produzione di 68 milioni di dollari relativamente modesto.

“No” supera il debutto di Peele “Get Out”, che ha incassato 33 milioni di dollari nel 2017, ma non è stato all’altezza di “Noi” che ha deluso le aspettative precedenti tre anni fa, Apertura per quasi 70 milioni di dollari Più che triplicare il budget di produzione di 20 milioni di dollari in un fine settimana. Entrambi i film alla fine hanno incassato 255 milioni di dollari in tutto il mondo.

Questa non è una grande apertura nel modo in cui “Noi”, ma il film potrebbe avere gambe considerando che ha buone recensioni. Rotten Tomatoes è valutato 83% dalla critica.

READ  Kanye West si è offerta di lasciare il suo lavoro per diventare una stilista Kim Kardashian a tempo pieno

“Quando si tratta di Jordan Peele, non si tratta tanto del weekend di apertura quanto di costruire il passaparola”, ha affermato Paul DeGarabedian, analista dei media senior di Comscore.

(Livello)
, per CNN Affari. “I suoi film sono lì per il lungo raggio.”

Dergarabedian ha anche notato che non c’è davvero concorrenza nelle prossime settimane, il che potrebbe essere una buona notizia per la futura vendita dei biglietti.

Il motivo per cui ‘no’ non fa di più potrebbe essere dovuto a una miriade di ragioni. Tanto per cominciare, i film di Peele sono, sebbene divertenti, affidabili rompicapi. Ciò potrebbe lasciare alcuni spettatori confusi piuttosto che elettrizzati, il che spiega CinemaScore “B” del film.

Inoltre, il marketing su “No” è stato molto vago e questo ha portato più persone a preoccuparsi delle immersioni questo fine settimana. Questo è particolarmente vero nel momento in cui l’inflazione è in aumento e il pubblico è cauto su come spendono i loro soldi.

Nel complesso, l’apertura di “Nope” è stata all’altezza delle aspettative e si sarebbe rivelata un’altra vittoria per Peele e Universal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.