Mo Austin, leggendario capo della Warner Bros. Records, è morto a 95 anni – Billboard

Mo AustinIl leggendario CEO che ha guidato la Warner Brothers Records attraverso un arco di successi artistico e commerciale per più di 30 anni, è morto nel sonno il 31 luglio, all’età di 95 anni.

Ostin, che ha firmato e/o lavorato con tali aziende in ContrarreE il Fleetwood MacE il Joni MitchellE il Jimi Hendrix, movimento oculare rapidoE il Randy Newman E molto altro ancora: “Era uno dei più grandi registratori di tutti i tempi e uno dei maggiori architetti della musica moderna”, ha detto. Tom Corsonco-presidente e COO, Warner Records e Aaron By-ShockCo-presidente e CEO di Warner Records, in una dichiarazione congiunta.

La loro dichiarazione continua: “Per Mo, è sempre stato prima di tutto aiutare gli artisti a realizzare la loro visione”. “Una delle figure chiave nell’evoluzione del Warner Music Group, negli anni ’60 Mo usò la Warner/Reprise Records in un’età d’oro dell’arte rivoluzionaria che cambia la cultura. Durante i tre decenni successivi trascorsi presso l’etichetta, rimase un instancabile campione di libertà creativa, sia per il talento che ha coltivato sia per le persone che hanno lavorato per lui Mo ha vissuto una vita straordinaria facendo ciò che ama e gli mancherà molto in tutto il settore che ha contribuito a creare, e dagli innumerevoli artisti e colleghi che ha ispirato a essere il loro meglio. A nome di tutta la Warner, vorremmo ringraziare Mo per tutto ciò che ha fatto e per la sua fiducia ispiratrice nel nostro brillante futuro. Le nostre condoglianze alla sua famiglia in questo momento difficile. “

Austin, inserito nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2003 e un Trustee Award dalla Recording Academy nel 2017, Maurice Mayer Ostrovsky è nato a New York e si è trasferito a Los Angeles, dove ha frequentato la Fairfax High School e la UCLA. Dopo aver iniziato la sua carriera alla Verve Records, Ostin fu reclutato da Frank Sinatra per dirigere la Reprise Records nel 1960. Tre anni dopo, acquistò la Warner Bros. L’etichetta discografica Reprise e Ostin hanno rapidamente catturato lo spirito pop, firmando The Kinks. Quindi porta rapidamente Hendrix, Mitchell e Neil Young all’etichetta.

Austin divenne presidente della Warner Bros. Records nel 1970 e ha presieduto le etichette Warner e Reprise fino al suo ritiro dalla carica di presidente/CEO nel 1994. Con la mentalità di un artista in prima persona, le etichette sono diventate la patria di una straordinaria gamma di artisti durante il periodo successivo al suo incarico, tra cui Van Halen, Bonnie Wright, James Taylor, B-52s, Paul Simon, ZZ Top, George Benson, Don Henley, Tom Petty, Green Day, Van Dyke Parks, Dire Streets, Chaka Khan e, meglio noto, Prince che ha firmato con il Etichetta del 1977.

READ  How The Equalizer è stato scritto da Chris Noth dopo l'uscita dell'attore a dicembre

Sebbene Prince abbia lasciato l’etichetta nel 1996, dopo essere stato accusato di “schiavitù”, per tornare nel 2014, Austin considerava Prince un genio, paragonandolo a Sinatra in un’intervista del 2016 con Billboard dopo la morte di Prince. Ha ricordato la prima volta che ha sentito Prince e come l’atteggiamento della Warner Bros. nei confronti degli artisti – e lo spettacolo di Maher – hanno portato Prince a scegliere il marchio: “Il nostro capo del merchandising [at the time]E il Ross Territt, ha ricevuto una demo dal nostro addetto al merchandising del Minnesota, Owen Hosny – in seguito è diventato il manager di Prince. Siamo rimasti completamente sbalorditi e volevamo ingaggiarlo subito. C’era molta concorrenza perché altre persone sapevano di lui – A&M e Columbia stavano cercando di ingaggiarlo, ed è diventato molto competitivo. Ma A&M voleva pubblicarlo e non ci ha rinunciato, quindi gliel’hanno passato. La Columbia gli ha dato solo un contratto di due LP, quindi abbiamo deciso di dargli un contratto di tre LP perché crediamo in lui così profondamente. E inoltre, poiché apprezziamo gli artisti, firma con noi”.

Molti artisti sono rimasti vicini ad Austin per decenni, anche dopo che ha lasciato la Warner Bros., tra cui peperoncino rosso piccante Flea, che ha elogiato su Instagram: “Mo Ostin era un vero gentiluomo. Era onesto, gentile e amabile. Sono così grato che sia stato una parte importante della mia vita; le sue storie, il suo umorismo, il suo amore per il suo lavoro, è la persona più grande che abbia mai incontrato nel mondo della musica. Mi ha fatto sentire così apprezzato, comprensivo e accogliente, quando ero un bambino confuso con così tanto lavoro da fare.

Sammy Hager di Van Halen ha aggiunto, commentando su Instagram di Flea: “Alcuni dei più grandi artisti di tutti i tempi non hanno mai firmato nient’altro che amore e rispetto per Moe Austin… un ottimo post per Flea”.

Austin dirigeva la Warner Bros. Da un edificio in legno marrone a più piani, chiamato ski lodge, a Burbank. Ne ha fatto un paradiso per la creatività, con artisti che visitavano frequentemente e suonavano nuova musica. “Ricky Lee Jones ha inventato una chitarra e ha suonato circa due canzoni e mezzo, il che è bastato per rendersi conto che erano fantastiche”, Lenny WarronkerWarner Brothers, vicepresidente di A&R, è stato richiamato nel 2019 la pittura Storia orale dell’edificio prima del trasferimento della Warner Bros. al centro di Los Angeles. “Penso che fosse giusto Ted Templeman e me stesso. È stato un gioco da ragazzi. Van Dyke Parks è venuto nel mio ufficio prima della sua prima registrazione, quando stava lavorando con Brian Wilson. Aveva la sua roba, e per me è stato bello, è seduto al pianoforte… anche se probabilmente era nel vecchio edificio. una volta quando Ross Tittleman E ho stabilito il primo record di Ricky Lee Jones [in 1979]Abbiamo avuto un incontro con lei nell’ufficio di Ross, accanto al mio, e ha avuto una nuova idea di arrangiare “Chuck E.’s in Love”, che sostanzialmente era quello di rallentarlo. Gli ha dato un atteggiamento reale”.

READ  Ascolta "Il fulmine I, II"

dopo, dopo Jack HolzmannElektra Records divenne una filiale della Warner Bros.-Seven Arts (dopo Warner Brothers Records e Atlantic Records) e i fondatori di Ostin, Holzman e Atlantic Ahmed E il consigliami ertegon Ha contribuito a formare WEA, il sistema di distribuzione globale che ha gestito i loro rilasci e ha portato la distribuzione all’interno dell’azienda.

Contemporary Austin, Direttore Creativo di Sony Music Entertainment Clive Davis, lo ricorda come un feroce concorrente, ma un caro amico. “Mo Austin era unica nel suo genere. L’azienda che dirigeva era completamente unica nella sua stessa gestione e, naturalmente, la profondità dell’arte che ha influenzato la musica e la cultura contemporanea in modo profondo e storico. “Sì, abbiamo gareggiato con ciascuno altri per molti anni, ma la mia amicizia con lui si è estesa alle nostre famiglie. Apprezzerò sempre il nostro rapporto molto stretto”.

I dirigenti lo ricordano una generazione dopo Austin come una forza influente. YouTube/Google Head of World Music Lior Cohenche è stato Presidente del Warner Music Group dal 2004 al 2012 la pittura“La grande notizia è che ha vissuto una vita meravigliosa. Era un marito e un padre meraviglioso e ha vissuto una vita musicale sana. Il mio cuore è con Michael e la famiglia. Celebriamo la sua vita ascoltando i tanti artisti che ha supportato. Noi tutti dovrebbero essere fortunati come Mo!!”

Il Presidente/CEO di Universal Music Group ha dichiarato: “Mo è stato un grande insegnante Lucien Grin nella situazione attuale. “Viveva secondo una serie di valori che mi hanno insegnato molto sugli affari, su come essere un leader e sulla vita. Il mio rispetto per lui come dirigente e la sua famiglia era totale. Il suo “naso” per il talento era un leggendario cosa, ma è stato anche un legame meraviglioso con le persone; qualcosa che manca terribilmente nel business. – E nel mondo – oggi. Le mie più sentite condoglianze a Michael e a tutta la famiglia”.

READ  BAFTA Film Awards 2022: Emma Watson sembra oscurare JK Rowling con un'attenta ricerca

“Ci sarà solo un Mo Ostin, e staremo tutti sulle sue spalle e approfitteremo delle sue incredibili imprese”, ha scritto su Instagram il co-fondatore di Hipgnosis di Merck Mercuriades. “È molto difficile non scegliere la sua Warner Records come la più grande etichetta di sempre Incorpora il tweet per me Incorpora il tweet Un uomo incredibile che ha influenzato le carriere di molte leggende. Nessuno di noi oggi può toccare il bordo del suo vestito. Amo Michael e la famiglia Austin”.

Max LosadaIl CEO di Warner Recorded Music ha aggiunto: “In un’epoca in cui gli imprenditori creativi sono venerati, celebriamo Mo Austin come un pioniere che ha scritto un regolamento che gli altri avrebbero dovuto seguire. Warner Music Group e Warner Records non esisterebbero senza la sua passione, visione e intelligenza. Non solo ha contribuito a costruire una delle più grandi compagnie musicali del mondo, ma ha ispirato una cultura guidata dal coraggio e dalla creatività. Mo ha visto gli artisti per quello che erano e ha dato loro lo spazio e il supporto per realizzare appieno la loro autenticità. [Mo’s son] Michael e l’intera famiglia Austin. Mo era una leggenda e ci mancherà profondamente”.

Dopo il ritiro dalla Warner Bros. Austin è rimasto impegnato, incluso il co-fondatore e la gestione del dipartimento di musica di DreamWorks SKG dal 1996 al 2004. Successivamente, è stato consulente e membro del consiglio per le scuole di musica della sua alma mater, l’Università della California, così come l’Università della California. Nel 2011, ha donato 10 milioni di dollari all’UCLA per una nuova struttura chiamata Evelyn and Moe Austin Center for Music.

La moglie di Austin, Evelyn, e i due figli Randy e Kenny lo hanno preceduto nella morte. Suo figlio Michael è sopravvissuto.

Forse il tributo più appropriato allo stile umile di Austin viene da Stan Cornyn, l’ex CEO della Warner Brothers, che ha elogiato Austin quando ha criticato la Rock Hall per essersi fidato delle persone che ha assunto per fare la loro magia sotto di lui: “Moe è stato fantastico. non ha detto a nessuno Non ti diciamo mai come fare il nostro lavoro.

Dan Reese ha fornito assistenza con questa storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.