Mickey Gilly, la star country che ha ispirato il suo club “Urban Cowboy”, è morto all’età di 86 anni

Mickey Leroy Gilly è nato il 9 marzo 1936 a Natchez, Mississippi, dai genitori Erin (Louis) e Arthur Gilly. Nato nella vicina Ferede, Los Angeles, è cresciuto cantando l’armonia gospel con i suoi cugini Mr. Swaggart e Mr. Lewis, e si è intrufolato nei locali di juke con loro per ascoltare blues e honky-tonk.

La madre del signor Jelli gli comprò un pianoforte quando aveva dieci anni, poco prima che passasse sotto la tutela del cugino Jerry, ispirato al coreografo. Il signor Geely non ha iniziato a suonare professionalmente, fino a quando non ha raggiunto i vent’anni, diversi anni dopo essersi trasferito a Houston per lavorare nel settore edile.

Ha pubblicato il suo primo singolo, “Ooh Wee Baby” nel 1957, e ha aspettato 55 anni per trovare un pubblico: è apparso in uno spot televisivo per Yoplait yogurt nel 2012. La sua prima registrazione ha raggiunto le classifiche, “Is It Wrong (For Loving You)” (1959), la futura star Kenny Rogers è apparso al basso.

Stabilitosi a Pasadena all’inizio degli anni ’60, il signor Gilly iniziò ad esibirsi regolarmente al Nesdale Club, il rozzo e burrascoso honky tonk di proprietà del suo futuro socio in affari, il signor Cryer. Tuttavia, la sua carriera discografica non ha avuto successo fino al 1974, quando “Playboy” di Hugh Hefner ha ribattezzato la sua versione di “Room Full of Roses”, che è stata la numero 2 al pop nel 1949 per Sammy Kay e l’orchestra. L’iterazione di Mr. Gilly è diventata la numero 1 nei singoli del paese.

Il signor Gilly si è goduto un decennio dopo in cima o vicino alla vetta delle classifiche nazionali. Al culmine del boom dei cowboy urbani, aveva sei gradi consecutivi n. 1.

READ  Guarda Psy e Suga dal video musicale "That That" dei BTS

Mentre il movimento generato da Gilly ha lasciato il posto alla nuova tradizione del ritorno alle origini della musica country a metà degli anni ’80, il signor Gilly ha rivolto sempre più la sua attenzione a una discoteca, dove un conflitto di lunga data con il signor Cryer, morto a 2009, aveva causato lo scioglimento della loro collaborazione tra gli ex uomini. Il signor Jelly Honky Tonk chiuse nel 1989, un anno prima che un incendio distruggesse la maggior parte dell’edificio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.