Manifestazioni in Russia: “Non devi morire per Putin”. Le forze dell’ordine arrestano persone, i pubblici ministeri infliggono condanne a 15 anni di reclusione

In Russia, le proteste sono iniziate dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato una parziale smobilitazione militare. Putin ha già inviato unità delle forze dell’ordine per arrestare i manifestanti e quasi 110 sono stati arrestati. CAlexei Navalny, un nemico chiave del Cremlino che si trova in una prigione di massima sicurezza, ha nuovamente criticato l’offensiva russa in Ucraina definendola una “guerra criminale fallita”. Secondo AFP e Reuters.

Aggiornamento 19.21 Almeno 109 persone sono state arrestate mercoledì durante le proteste contro la mobilitazione in Russia. ok gruppoIU Indipendente OVD-InfUN.

Sistema di monitoraggio dimostrativo dire Ha informazioni sugli arrestati in almeno 15 città. Secondo Agerpres.

Aggiornamento 19.09 I russi sono scesi in piazza in diverse città dell’est del Paese: Irkutsk, Ulan-Ude, Khabarovsk, Yakutsk, Tomsk, Novosibirsk e Ekaterinburg. I manifestanti sono già stati arrestati.

Aggiornamento 18.04 Nuove immagini delle proteste nelle città di Ufa e Novosibirsk sono apparse sui social network.

Aggiornamento 17.51 Le forze dell’ordine russe hanno iniziato ad arrestare i manifestanti a Ekaterinburg.

Le tue impostazioni sui cookie potrebbero non consentire la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Le impostazioni del modulo cookie possono essere aggiornate direttamente dal tuo browser o da Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Aggiornamento 17.45 Le proteste sono state annunciate in 43 città.

Aggiornamento 17.30 L’ufficio del procuratore di Mosca ha messo in guardia le persone dal prendere parte alle manifestazioni di mercoledì Illegale” sarà punito secondo la legge russa applicabile, secondo l’agenzia di stampa russa Lanciare I pubblici ministeri chiedono fino a 15 anni di carcere.

Gli eventi di massa dichiarati non sono coordinati con le autorità amministrative secondo la procedura prevista dalla legge. La Procura di Mosca avverte che la distribuzione di tali materiali attraverso social network, forum e altri siti Internet, gli utenti di Internet, compresi i minori, si impegnano e partecipano ad attività illegali punibili ai sensi del diritto amministrativo e penale. La legge è in vigore”, si legge nel comunicato della procura.

READ  Video Come i soldati ucraini hanno modificato Humvee ricevuto dall'esercito degli Stati Uniti

Aggiornamento 17.00 In Siberia sono iniziate le proteste contro la guerra.

Le tue impostazioni sui cookie potrebbero non consentire la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Le impostazioni del modulo cookie possono essere aggiornate direttamente dal tuo browser o da Qui – Devi accettare i cookie dei social media

La polizia di Novosibirsk ha formato un cordone davanti alla folla di manifestanti.

Le tue impostazioni sui cookie potrebbero non consentire la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Le impostazioni del modulo cookie possono essere aggiornate direttamente dal tuo browser o da Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Aggiornamento 16.50 Il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato mercoledì una petizione su Change.org contro l’ordine di smobilitazione, che ha già raccolto quasi 250.000 firme, riporta il portale di notizie Medusa.

Noi cittadini russi, donne e uomini, ci opponiamo alla mobilitazione generale. Il presidente Vladimir Putin non ha basi legali e basi consolidate per dettare (mobilitazione, no). Nell’attuale stato di incertezza, non siamo disposti a esporre gli uomini del nostro Paese – fratelli, figli, mariti, padri e nonni – a pericoli morali o fisici.È menzionato nel testo della rispettiva petizione.

Aggiornamento 16.40 Putin ha già inviato le forze dell’ordine per arrestare i manifestanti.

Le tue impostazioni sui cookie potrebbero non consentire la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Le impostazioni del modulo cookie possono essere aggiornate direttamente dal tuo browser o da Qui – Devi accettare i cookie dei social media

Il movimento russo contro la guerra Vesna ha chiesto proteste nelle città di tutta la Russia. “Non devi morire per Putin”, si leggeva sui social.

Aggiornamento 15.55 In Russia sono già iniziate le proteste in risposta all’annuncio di Vladimir Putin di una parziale mobilitazione dei riservisti.

Le tue impostazioni sui cookie potrebbero non consentire la visualizzazione del contenuto di questa sezione. Le impostazioni del modulo cookie possono essere aggiornate direttamente dal tuo browser o da Qui – Devi accettare i cookie dei social media

READ  Nessuno di coloro che mi hanno invitato credeva che saremmo sopravvissuti

Messaggio iniziale

È chiaro che l’attuale guerra criminale sta peggiorando e Putin sta cercando di coinvolgere quante più persone possibile.Navalny lo ha denunciato, usando una parola bandita dal Cremlino che chiedeva la sua offensiva in Ucraina. Operazioni militari speciali.

Secondo lui, il presidente russo vuole impegnare altri 300.000 riservisti nella guerra per rafforzare le truppe di Mosca. E le mani di centinaia di migliaia di persone erano macchiate di sangue.

In un videomessaggio della detenzione registrato e rilasciato dai suoi avvocati, Navalny ha affermato che Putin avrebbe mandato a morire più russi per una guerra persa. Tutto è fatto affinché un uomo possa mantenere il suo potere e prolungarloCondannato come uno dei principali oppositori del Cremlino, è stato incarcerato dal gennaio 2021 per file completamente inventati.

Il presidente russo Vladimir Putin mercoledì ha ordinato la prima mobilitazione della Russia dalla seconda guerra mondiale.

Allo stesso tempo ha messo in guardia i paesi occidentali Non parolacceQuando dice di essere disposto a usare armi nucleari per difendere la Russia.

L’opposizione russa ha chiamato mercoledì sera alle 19.00 (Ora di Mosca), sui social network circolano inviti a proteste anti-Putin e manifestazioni diurne in diverse città russe.

Mobilitazione significa che migliaia di uomini russi – i nostri padri, fratelli e mariti – saranno gettati nel tritacarne della guerra. Per cosa moriranno? Perché mamme e bambini piangono? Per il governo di Putin?“, la coalizione contro la guerra ha inviato Vesna, che ha anche specificato”Ora la guerra è arrivata in ogni casa e in ogni famiglia“.

I funzionari hanno detto che solo i “professionisti” combattono e vinceranno. Si è scoperto che non ci sono riusciti e i prigionieri hanno iniziato a arruolarsi in anticipo. Ora è stata annunciata la mobilitazione.

Quindi la situazione è molto difficile. La guerra non è più “là fuori”. È venuto nel nostro paese, nelle nostre case, dai nostri parenti. Devono morire per correggere i torti del regime di Putin che ha fatto precipitare la Russia in un brutale massacro, isolamento e povertà.

I parlamentari e gli ufficiali che ogni giorno chiedono a gran voce che la gente si riunisca rimarranno nel posto di conforto dopo essersi protetti. Pensiamo che dovrebbero essere radunati e inviati in Ucraina. Lasciamoli morire per la loro immaginazione malata. Non mandare a morire bambini normali.

Vesna annuncia un’azione completa contro la mobilitazione: vi invitiamo a scendere nelle strade delle città russe oggi alle 19:00.

La lotta è appena iniziata. Siamo sicuri che la decisione di oggi sarà la decisione di questo governo. Ora il Paese deve scendere in piazza. Tutto è nelle nostre mani!“, Lo ha detto l’organizzazione in un annuncio su Telegram.

READ  Ursula von der Leyen: Ora diamo un'occhiata all'olio. La pressione su Putin deve aumentare ancora

Da quando ha lanciato l’invasione il 24 febbraio, Putin ha represso il dissenso e i media indipendenti, con migliaia di arrestati durante le proteste contro la guerra e una nuova legge che prevede fino a 15 anni di carcere per coloro che diffondono “notizie false” sui militari.

Nei giorni successivi all’inizio dei combattimenti, la polizia ha represso le proteste di piazza e arrestato almeno 16.000 manifestanti, secondo il gruppo per i diritti umani OVD-Info.

La televisione di stato russa ritrae i critici come traditori al soldo dell’Occidente. Putin afferma che il suo paese è in guerra con l’Occidente per l’Ucraina, che viene utilizzata dagli Stati Uniti e dai suoi alleati nel tentativo di distruggere la Russia.

Leggi anche: Gli uomini russi tra i 18 ei 65 anni non potranno lasciare il Paese. Alle compagnie aeree è stato vietato di vendere i biglietti

Autore: Marco Padea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.