Macron prevede di annunciare il ritiro della Francia dal Mali | Notizie militari

Il ritiro segnerebbe un importante cambiamento strategico per la Francia, che ha truppe in Mali per nove anni.

Il presidente Emmanuel Macron dovrebbe annunciare che la Francia ritirerà le sue forze dal Mali, a causa della rottura delle relazioni con i leader militari del Paese.

Macron dovrebbe annunciare la decisione questa settimana, hanno riferito le agenzie di stampa Reuters e AFP, citando fonti diplomatiche e di sicurezza. Reuters ha affermato che la decisione potrebbe essere annunciata mercoledì dopo un incontro ad alto livello sulla regione del Sahel africano a Parigi. È probabile che ciò sarà annunciato in concomitanza con il vertice dell’Unione europea e dell’Unione africana a Bruxelles giovedì e venerdì, ha affermato l’AFP.

Il ritiro dal Mali, con la ridistribuzione delle forze in altri paesi della regione, equivale a un importante cambiamento strategico da parte della Francia, ponendo fine a una missione di nove anni che i successivi presidenti francesi hanno ritenuto cruciale per la sicurezza regionale ed europea.

“Se le condizioni non saranno più favorevoli per poter operare in Mali – ed è chiaramente così – continueremo a combattere il terrorismo a fianco dei Paesi del Sahel che lo vogliono”, ha affermato il ministro degli Esteri francese Jean-Yves. Le Drian ha detto lunedì.

Ci sono stati due colpi di stato in Mali dal 2020 e le relazioni sono peggiorate da quando i militari hanno rinnegato un accordo per tenere le elezioni a febbraio e hanno proposto di mantenere il potere fino al 2025. Il regime ha anche sviluppato legami più stretti con la Russia, compreso il rivolgersi a sospetti mercenari dalla Russia. L’appaltatore militare privato di Wagner, questo mese ha espulso l’ambasciatore francese.

READ  La collaboratrice postale Kara Morza è stata incriminata in Russia per informazioni "false".

“Domani sera (mercoledì) ci sarà un incontro tra il presidente francese ei capi dei Paesi partner della nostra presenza nella regione del Sahel nella lotta al terrorismo”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del governo francese Gabriel Attal.

Ha rifiutato di dire se fosse stata presa una decisione sul ritiro delle truppe oltre a dire che sarebbe stata presa in consultazione con i partner europei e africani.

Le relazioni tra Francia e Mali sono crollate, con i governanti militari del paese che hanno espulso l’ambasciatore francese all’inizio di questo mese [File: Paul Lorgerie/Reuters]

Il ritiro francese significa il ritiro della divisione Takuba dalle forze speciali europee.

Una bozza di documento del piano vista da Reuters, diffusa nei paesi partecipanti in Mali, afferma che la Francia ei suoi partner Takoba “hanno deciso di iniziare il ritiro coordinato delle loro risorse militari dal territorio maliano”.

“Non si tratta più di partire, ma di cosa succede alle truppe, cosa succede alla forza di pace delle Nazioni Unite e cosa succede alle missioni dell’UE”, ha detto all’agenzia di stampa un alto diplomatico europeo.

spostare l’attenzione

Un funzionario presidenziale francese ha affermato che l’idea sarebbe quella di ridurre le truppe e cooperare esclusivamente con i paesi che vogliono aiuto.

La Francia ha già ritirato alcune delle sue forze dal Sahel con l’obiettivo di ridurne il numero da circa 5.000 a 2.500-3.000 entro il 2023. Circa la metà delle sue forze è di stanza in Mali.

La missione Takuba ha da 600 a 900 soldati, il 40% dei quali sono francesi, e comprende squadre mediche e logistiche.

La bozza di documento non richiede il ritiro dei paesi che partecipano alla missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite (MINUSMA), alla missione di formazione dell’Unione europea (EUTM) e alle missioni EUCAP, composta da 14.000 membri. Tuttavia, il loro futuro è in dubbio poiché le forze francesi forniscono supporto medico e aereo e rassicurazioni.

READ  Notizie sulla guerra russo-ucraina, Mariupol e embargo petrolifero: aggiornamenti in tempo reale

Il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Alparís, il cui paese rappresenta il contingente più numeroso nella delegazione dell’UE, ha affermato che le ragioni del coinvolgimento dell’Europa nella regione rimangono.

I governi europei temono che lo spostamento delle relazioni con i governanti della regione rischi di lasciare un vuoto per al-Qaeda e per i movimenti legati a ISIS/ISIS.

Oltre al Mali, il Burkina Faso e la Guinea-Bissau hanno recentemente subito colpi di stato militari.

“La Spagna farà sentire la sua voce nell’Unione Europea. Crediamo che le ragioni che ci hanno portato in Mali siano ancora lì: instabilità e jihad.

“È consigliabile che continuiamo in missione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.