L’Unione Europea ha deciso di rescindere completamente l’accordo di facilitazione del visto per i cittadini russi

Dopo una riunione informale di due giorni a Praga, i ministri degli esteri europei hanno raggiunto un consenso politico sulla sospensione completa dell’accordo di facilitazione del visto tra l’Unione europea e la Russia. Lo ha riferito la CNN.

Dopo una riunione informale di due giorni a Praga, i ministri degli esteri europei hanno raggiunto un consenso politico per porre fine all’accordo sull’agevolazione dei visti tra l’UE e la Russia.

Il capo della diplomazia europea Joseph Borrell ha dichiarato in una conferenza stampa dopo l’incontro che la decisione “ridurrebbe significativamente il numero di nuovi visti rilasciati dagli Stati membri dell’UE”, rendendo il processo più difficile e dispendioso in termini di tempo.

Borel ha detto in una conferenza stampa a Praga che la decisione mirava a frenare la pratica del “visa shopping” utilizzata dai russi che cercano di entrare facilmente nell’UE attraverso Stati membri con regole più permissive.

I visti sono già stati rilasciati a un numero limitato di cittadini russi. Borrell ha detto che non era un testo legale, ma solo un accordo politico in questo momento. Il trattato deve essere ratificato da tutti gli Stati membri a livello di Consiglio d’Europa.

Borel ha anche osservato che da metà luglio “c’è stato un aumento significativo dei valichi di frontiera dalla Russia agli stati vicini”, che è diventato “un rischio per la sicurezza di questi stati”.

“Ho visto molti russi andare in vacanza e fare shopping come se in Ucraina non fosse scoppiata una guerra. Non è stato possibile mantenere le normali attività”, ha voluto ricordare il capo della diplomazia Ue.

Agerpres ha riferito che la mossa è arrivata dopo le pressioni dei paesi dell’UE confinanti con la Russia per impedire ai cittadini russi di entrare nel blocco dell’UE con visti Schengen rilasciati da alcuni Stati membri dell’UE.

READ  Germania: l'Ucraina non entrerà a far parte della NATO a breve

Leggi anche: Francia, Germania rifiutano il divieto ai russi nell’UE “Dovrebbero godersi la vita nelle istituzioni democratiche”

Autore: Marco Padea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.