L’Ungheria dichiara l’emergenza energetica e intensifica l’addestramento delle forze armate

Il governo ungherese ha dichiarato l’emergenza energetica e approvato un piano energetico in sette fasi, che entrerà in vigore il 1° agosto, ha annunciato mercoledì il capo di gabinetto del primo ministro Viktor Orbán, secondo MTI.

Gergely Gulyas ha spiegato in una conferenza stampa che la lunga guerra in Ucraina e le sanzioni economiche imposte da Bruxelles alla Russia hanno portato a un drammatico aumento dei prezzi dell’energia in Europa, che ha causato una crisi energetica in gran parte del continente.

Allo stesso tempo, ha osservato che negli ultimi mesi l’Europa non avrà abbastanza gas per l’autunno e l’inverno.

Il capo di gabinetto del primo ministro ungherese ha sottolineato che la dichiarazione di emergenza energetica è nell’interesse delle famiglie ungheresi e nella tutela delle risorse energetiche del Paese, rilevando che il governo sta seguendo l’esempio di molti Paesi europei.

Il piano in sette misure, che entrerà in vigore ad agosto, include l’abolizione del tetto ai prezzi delle utenze per consumi superiori alla media, il divieto delle esportazioni di combustibili, compreso il gas, e l’aumento della produzione nazionale di gas da 1,5 a 2 miliardi di metri cubi.

Allo stesso tempo, il ministro della Difesa ungherese Kristof Szalay-Bobrovniczky ha annunciato mercoledì di aver ordinato un aumento della prontezza delle forze armate.

“Stiamo affrontando sfide alla sicurezza senza precedenti come la guerra nelle immediate vicinanze dell’Ungheria e i violenti immigrati illegali che assediano il confine”, ha scritto il ministro su Facebook.

Ha osservato che queste sono le sfide su cui sono intervenuti altri paesi europei, tra cui il Regno Unito, che ha annunciato la mobilitazione delle forze armate, la Slovacchia, che ha dichiarato lo stato di emergenza, e la Polonia, che sta alzando i suoi livelli militari. Pratica.

READ  VIDEO Tre persone sono state arrestate dopo essere state aggredite da agenti di polizia da diversi immigrati a Parigi

“Dobbiamo anche essere armati e pronti”, ha affermato Christoph Salle-Bobrovnikski, aggiungendo che nelle prossime settimane e mesi l’esercito ungherese si impegnerà in un gran numero di esercitazioni in tutto il paese, accelerando il processo di addestramento. Mobilitare più prenotazioni.

Leggi anche questo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.