L’UE si divide sulla rimozione della Russia da SWIFT, il più grande sistema di pagamento interbancario del mondo

Gli Stati membri dell’UE non hanno ancora concordato se interrompere o meno l’accesso di Mosca alla rete globale delle buste paga, che è vitale per l’economia russa. CNN. Paesi come Polonia e Lituania vogliono che la Russia venga rimossa dallo SWIFT, mentre Paesi come la Germania o l’Italia, che hanno stretti legami economici con i russi, vogliono sanzioni meno severe.

Poiché gli alleati occidentali agiscono in risposta concertata all’invasione russa dell’Ucraina, è probabile che l’Unione Europea prenda la controversa decisione di interrompere l’accesso della Russia a SWIFT, la rete bancaria più sicura che collega migliaia di istituzioni finanziarie in tutto il mondo. .

La rimozione della Russia da SWIFT rende quasi impossibile per le istituzioni finanziarie inviare denaro in Russia da tutto il mondo. Questa situazione avrà un forte impatto sul commercio russo con i clienti esteri e causerà un danno reale all’economia del Paese.

La Polonia e gli stati baltici vogliono rimuovere la Russia dallo SWIFT. Germania, Italia e Ungheria – n

Tuttavia, i paesi dell’UE sono divisi sull’opportunità o meno di fare questo passo. Le principali fonti dell’UE hanno detto alla CNN che ci sono differenze tra gli Stati membri dell’UE sulle sanzioni.

Paesi come Polonia, Estonia, Lettonia e Lituania vogliono che la rimozione della Russia dallo SWIFT faccia parte delle ultime sanzioni che saranno annunciate poco dopo giovedì, mentre paesi come Germania, Italia, Ungheria e Cipro si stanno avvicinando ai legami economici con la Russia. , Non farlo.

Un alto inviato dell’UE ha affermato che “è in corso una conversazione” al momento, ma crede che gli interessi economici dei paesi europei prevarranno, il che significa che le autorità di Bruxelles non interromperanno l’accesso della Russia allo SWIFT.

READ  Il governo di riforma di Grill Petkov estromesso dalla mozione di censura contro l'ex primo ministro Borisov, bersaglio della campagna anticorruzione

Autore: Raul Nesou

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.