L’Ucraina sfida l’ultimatum russo alla città orientale, gli Stati Uniti inviano più armi a Kiev

  • Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti esorta gli alleati della NATO a fornire maggiore aiuto
  • Sievierdonetsk rimane l’epicentro dei combattimenti nell’Ucraina orientale
  • Centinaia sono intrappolate nell’impianto chimico di Azot a Severodonetsk
  • Biden annuncia armi aggiuntive per un valore di un miliardo di dollari a Kiev

Kiev/NEW YORK, Ucraina, 15 giugno (Reuters) – L’Ucraina ha ignorato l’ultimatum della Russia di consegnare la città orientale di Severodonetsk mercoledì mentre gli Stati Uniti hanno annunciato più armi a Kiev e hanno anche esortato i suoi alleati a non “perdere forza” nel fornire militari sostegno.

Sievierdonetsk, ora in gran parte in rovina, è stato per settimane il principale punto focale della guerra. La Russia aveva detto alle forze ucraine rintanate in una fabbrica chimica lì di fermare “l’assurda resistenza e deporre le armi” a partire da mercoledì mattina, per sfruttare il loro vantaggio nella battaglia per il controllo dell’Ucraina orientale.

L’Ucraina afferma che più di 500 civili, inclusi 40 bambini, rimangono accanto ai soldati all’interno dell’impianto chimico di Azot, nascondendosi da settimane di bombardamenti russi quasi costanti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il sindaco di Severodonetsk, Oleksandr Stryuk, ha affermato che le forze russe stavano cercando di prendere d’assalto la città da diverse direzioni, ma che gli ucraini hanno continuato a difenderla e non sono rimasti completamente isolati, nonostante la distruzione di tutti i suoi ponti fluviali.

“La situazione è difficile, ma stabile”, ha detto alla televisione ucraina. “Le vie di fuga sono pericolose, ma ce ne sono alcune”. Non ha menzionato l’ultimatum russo.

Mosca ha detto che avrebbe consentito l’evacuazione dei civili dalla fabbrica mercoledì, ma i separatisti sostenuti dalla Russia hanno affermato che i bombardamenti ucraini hanno interrotto il piano, che avrebbe incluso il riportare le persone nel territorio che controllano.

READ  Un funzionario della difesa statunitense afferma che gli attacchi diretti e un ponte distrutto hanno rallentato l'avanzata del convoglio russo verso Kiev

Serhiy Gaidai, governatore della regione di Luhansk che contiene Severodonetsk, ha affermato che l’esercito ucraino ha continuato a difendere la città e ha impedito alle forze russe di catturare la sua città gemella di Lysichansk sulla sponda opposta del fiume Seversky Donets.

La Reuters non è stata immediatamente in grado di verificare i conti del campo di battaglia.

Luhansk è una delle due province orientali rivendicate da Mosca a nome dei delegati separatisti. Insieme formano la regione del Donbass, una regione industriale su cui la Russia ha concentrato il suo attacco dopo che non è riuscita a catturare la capitale ucraina, Kiev, a marzo.

‘momento cruciale’

Rivolgendosi a dozzine di ministri della Difesa della NATO riuniti a Bruxelles per discutere le loro prossime mosse, il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin ha affermato che l’invasione era in un “momento cruciale”. Leggi di più

“Non possiamo cedere e non possiamo perdere le nostre forze. La posta in gioco è molto alta”, ha detto all’inizio dei colloqui.

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che l’alleanza era “molto concentrata sull’aumento del sostegno” all’Ucraina. Leggi di più

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha successivamente annunciato 1 miliardo di dollari in nuovi aiuti in armi all’Ucraina che fonti che hanno familiarità con il pacchetto hanno affermato che includono sistemi missilistici antinave, razzi di artiglieria e obici. Leggi di più

Biden, che mercoledì ha parlato al telefono con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha anche annunciato ulteriori 225 milioni di dollari in aiuti umanitari all’Ucraina.

Il bombardamento dell’impianto di ammoniaca Azot a Severodonetsk ripete il precedente assedio delle acciaierie Azovstal nel porto meridionale di Mariupol, dove centinaia di combattenti e civili si sono rifugiati dai bombardamenti russi. Quelli all’interno si sono arresi a metà maggio e sono stati presi in custodia dai russi.

Il sindaco ha detto che quelli all’interno di Azot vivono grazie all’apporto di acqua di pozzo e cibo.

L’intelligence britannica ha affermato che i combattenti potrebbero sopravvivere sottoterra e che le forze russe probabilmente rimarranno concentrati su di loro, impedendo loro di attaccare altrove.

Ma il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha affermato che le forze ucraine sul fronte orientale erano sovraccariche e superate.

Kiev ha detto che tra i 100 e i 200 dei suoi soldati vengono uccisi ogni giorno, mentre centinaia di altri vengono feriti nella battaglia più sanguinosa dall’invasione russa del 24 febbraio.

La Russia non fornisce cifre regolari sulle sue perdite, ma i paesi occidentali affermano che è stato enorme poiché il presidente Vladimir Putin cerca il controllo completo del Donbass e di una fascia dell’Ucraina meridionale. Putin descrive la guerra come un’operazione militare speciale contro i nazionalisti ucraini.

Mercoledì, Zelensky ha sollecitato l’imposizione di ulteriori sanzioni europee alla Russia. Per saperne di più Ha anche affermato che le ambizioni territoriali di Mosca si estendevano oltre l’Ucraina in una fascia dell’Europa orientale dalla Polonia alla Bulgaria, senza fornire prove per le sue affermazioni.

Bruxelles, stiamo aspettando

Il conflitto ha fatto aumentare i prezzi del grano e le sanzioni occidentali contro la Russia hanno fatto aumentare i prezzi del petrolio. Il ministro dell’agricoltura ucraino ha detto a Reuters che l’invasione creerebbe una carenza globale di grano per almeno tre stagioni, tenendo fuori dal mercato molti raccolti ucraini. Leggi di più

READ  La turbolenza tropicale mostra una migliore organizzazione sui Caraibi; La tempesta tropicale Bonnie si aspetta presto - Orlando Sentinel

La Russia ha affermato di aver offerto un “passaggio sicuro” per le spedizioni di grano dell’Ucraina dai porti del Mar Nero del paese, ma ha affermato di non essere responsabile della creazione delle corsie, con la Turchia che suggerisce che le navi potrebbero essere in rotta intorno alle miniere offshore. Leggi di più

I paesi occidentali hanno promesso all’Ucraina armi che soddisfano gli standard della NATO, ma ci vuole tempo per dispiegarsi. Zelensky ha detto che non c’era giustificazione per il ritardo.

Il suo consigliere, Mikhailo Podolyak, ha detto che i difensori di Severodonetsk volevano sapere quando sarebbero arrivate le armi. “Bruxelles… stiamo aspettando una decisione”, ha scritto su Twitter.

Le forze russe stanno anche cercando di spostarsi a sud verso Slovinsk, ha detto alla televisione il membro del consiglio locale Maxim Strelnik, aggiungendo che l’esercito ucraino “mantiene la linea e lancia contrattacchi sui fianchi del nemico”.

Nel Donbass, si sono sentiti bombardamenti vicino alla città di New York, dove le forze ucraine hanno affermato che la Russia stava gettando tutto nella battaglia.

“Tre mesi e mezzo fa eravamo contro il paese più grande del mondo”, ha detto un soldato ucraino di 22 anni soprannominato “Vichingo”. Hanno causato enormi perdite ai veicoli e al personale, ma non si sono trattenuti”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Reporting da parte degli uffici Reuters. Scritto da Philippa Fletcher e Gareth Jones; Montaggio di Simon Cameron Moore, Frank Jack Daniel’s e Toby Chopra

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.