L’Ucraina ottiene un grande sostegno dall’UE mentre la guerra infuria

  • La candidatura dell’Ucraina all’UE segna un importante cambiamento nella geopolitica europea
  • Putin cerca di sdrammatizzare la questione Ue
  • La battaglia continua per Sievierdonetsk
  • I media russi hanno detto che due americani sono stati sorpresi a combattere per l’Ucraina

BRUXELLES/Kiev (Kiev) (Reuters) – Mentre la guerra infuria nell’Ucraina orientale, Kiev ha ricevuto un grande impulso venerdì quando l’Unione Europea le ha raccomandato di diventare un candidato per entrare nel blocco, annunciando un drammatico cambiamento geopolitico sulla scia dell’invasione russa. .

In un vertice della prossima settimana, i leader dell’UE dovrebbero approvare le raccomandazioni del comitato esecutivo del blocco per le vicine Ucraina e Moldova. Leggi di più

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato su Twitter che il coraggio degli ucraini ha offerto all’Europa l’opportunità di “creare una nuova storia di libertà e rimuovere finalmente l’area grigia nell’Europa orientale tra l’UE e la Russia”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Con il progredire della diplomazia con Bruxelles, i pesanti combattimenti continuano nella regione orientale del Donbass, mentre la Russia cerca di consolidare ed estendere le recenti conquiste, mentre il primo ministro britannico Boris Johnson fa una visita a sorpresa nella capitale, Kiev.

In un discorso televisivo notturno, Zelensky ha affermato che la decisione degli Stati membri dell’UE non era ancora apparsa, ma ha aggiunto: “Puoi solo immaginare una potenza europea davvero forte, un’indipendenza europea e uno sviluppo europeo con l’Ucraina”.

Ad annunciare la decisione è stata la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che ha indossato i colori ucraini di una giacca gialla sopra una blusa blu.

READ  Fuggire al confine: circa 120.000 ucraini si sono rifugiati

“Gli ucraini sono pronti a morire per la prospettiva europea”, ha affermato. Vogliamo che vivano con noi il sogno europeo”.

Il presidente russo Vladimir Putin ha criticato l’Occidente, e gli Stati Uniti in particolare, in un discorso pieno di lamentele a San Pietroburgo, ma ha cercato di minimizzare la questione dell’UE.

“Non abbiamo nulla contro di esso”, ha detto. “Non è un blocco militare. È diritto di qualsiasi paese aderire a un’unione economica”.

Tuttavia, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che la Russia sta seguendo da vicino l’offerta dell’Ucraina di aderire all’Unione europea, soprattutto alla luce della maggiore cooperazione in materia di difesa tra il blocco delle 27 nazioni.

L’Ucraina ha presentato domanda di adesione all’Unione europea quattro giorni dopo che le truppe russe hanno attraversato il confine alla fine di febbraio. In pochi giorni si unirono alla Moldova e alla Georgia, anche gli stati ex sovietici più piccoli in competizione con le regioni separatiste sostenute dalla Russia.

Sebbene sia solo l’inizio di un processo che potrebbe trascinarsi per anni e richiedere riforme di ampio respiro, la mossa della Commissione europea mette Kiev sulla strada giusta per realizzare un’ambizione che solo pochi mesi fa era considerata sfuggente.

Uno degli obiettivi dichiarati da Putin era quello di lanciare quella che Mosca chiama una “operazione militare speciale” che uccise migliaia di persone, distrusse città, mandò milioni di persone a fuggire e fermò l’espansione verso est dell’ovest attraverso l’esercito della NATO.

Ma l’annuncio di venerdì ha sottolineato come la guerra abbia avuto l’effetto opposto: persuadere Finlandia e Svezia ad aderire alla NATO, e ora l’Unione Europea a intraprendere la sua espansione più ambiziosa da quando ha accolto le nazioni dell’Europa orientale dopo la Guerra Fredda.

READ  Nazanin Zaghari-Ratcliffe, operatore di beneficenza britannico, rilasciato dall'Iran, arriva nel Regno Unito

Aumentando la situazione di stallo globale, i media russi hanno trasmesso le immagini di quelli che hanno detto essere due americani che sono stati catturati mentre combattevano per l’Ucraina. “Sono contro la guerra”, hanno detto gli uomini in video separati pubblicati sui social media. Leggi di più

generazione post-sovietica

L’adesione all’UE non è garantita: i colloqui sono in stallo da anni con la Turchia, candidata dal 1999. Ma se accettata, l’Ucraina sarebbe il più grande paese dell’UE per area e il quinto per popolazione.

L’Ucraina e la Moldova sono molto più povere degli attuali membri dell’UE e hanno una storia recente di politica instabile e criminalità organizzata, così come le loro lotte con i separatisti sostenuti dalla Russia.

Ma in Zelensky, 44 anni, e Maya Sandhu, 50 anni, ci sono leader filo-occidentali che sono venuti fuori dall’Unione Sovietica.

Johnson, l’ultimo di una serie di leader stranieri a visitare Kiev, ha mostrato esercitazioni per le forze ucraine e ha detto che la Gran Bretagna sarebbe rimasta al fianco del popolo ucraino “finché alla fine non vinceremo”. Leggi di più

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha esortato l’Occidente a non “proporre iniziative di pace a condizioni inaccettabili”, un apparente riferimento ai commenti del presidente francese Emmanuel Macron di questo mese secondo cui trovare una soluzione diplomatica richiedeva che la Russia non fosse umiliata. Leggi di più

Invece, ha scritto Kuleba in un articolo online su Foreign Policy, l’Occidente dovrebbe aiutare l’Ucraina a vincere, non solo fornendo armi pesanti, ma mantenendo e aumentando le sanzioni contro Mosca.

“L’Occidente non può permettersi lo stress delle sanzioni, indipendentemente dai costi economici più ampi”, ha scritto. “È chiaro che il percorso di Putin al tavolo delle trattative passa solo attraverso le sconfitte sul campo di battaglia”.

READ  Taiwan e USA potrebbero avviare i colloqui su legami economici più stretti 'tra poche settimane'

Da quando l’Ucraina ha sconfitto il tentativo della Russia di prendere d’assalto Kiev a marzo, Mosca ha rifocalizzato la sua regione orientale del Donbass, che rivendica a nome dei delegati separatisti, e le sue forze hanno usato il loro vantaggio di artiglieria per farsi strada nelle città in una fase punitiva della guerra . .

Anche la Russia viene bombardata.

L’Istituto per lo studio della guerra con sede a Washington ha affermato che il suo esercito stava “subendo pesanti perdite” dopo aver concentrato la stragrande maggioranza delle sue forze combattenti disponibili per catturare Severodonetsk e la sua città gemella di Lysekhansk a spese di altri assi di progresso. In una nota di venerdì.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazioni aggiuntive di Abdelaziz Boumzar, Marinca e Reuters. Scritto da David Bronstrom e Clarence Fernandez; Montaggio di William Mallard

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.