L’FBI sequestra i dati sulla pressione del generale in pensione in Qatar

L’FBI ha confiscato i dati elettronici di un generale a quattro stelle in pensione che secondo le autorità ha rilasciato false dichiarazioni e ha nascosto documenti “incriminanti” sul suo ruolo in una campagna di pressione straniera illegale per conto del ricco stato del Qatar del Golfo Persico.

I nuovi documenti della corte federale ottenuti martedì hanno identificato un potenziale procedimento penale contro l’ex generale della marina John R. Allen, che comandava le forze statunitensi e NATO in Afghanistan prima di essere assunto nel 2017 per guidare l’influente think tank Brookings.

Fa parte di un’indagine estesa che ha catturato Richard J. Olson, l’ex ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti e in Pakistan, che si è dichiarato colpevole. alle accuse federali la scorsa settimana e Imad al-Zubayri, un prolifico donatore politico Ora sta scontando una pena detentiva di 12 anni con l’accusa di corruzione. Diversi membri del Congresso sono stati intervistati nell’ambito delle indagini.

I fascicoli della corte descrivono in dettaglio gli sforzi di Allen dietro le quinte per aiutare il Qatar a influenzare la politica statunitense nel 2017, quando è scoppiata una crisi diplomatica tra il regno ricco di gas nel Golfo Persico e i suoi vicini.

“Ci sono prove evidenti che le violazioni della FAA fossero intenzionali”, ha scritto l’agente dell’FBI Babak Adeeb in una richiesta di mandato di perquisizione, riferendosi alla FAA.

Adeeb ha scritto che Allen ha anche travisato il suo ruolo nella campagna di lobbying di fronte ai funzionari statunitensi, non rivelando “che stava cercando contemporaneamente accordi commerciali multimilionari con il governo del Qatar”.

L’FBI afferma che Allen ha fornito una “versione falsa degli eventi” sul suo lavoro per il Qatar durante un’intervista del 2020 con le forze dell’ordine e non è riuscito a produrre e-mail pertinenti in risposta a una precedente citazione del gran giurì.

READ  Allerta tsunami terremoto in Giappone: aggiornamenti in diretta

La richiesta di mandato di perquisizione di 77 pagine sembra essere stata presentata per errore ed è stata rimossa dall’ordine del giorno martedì dopo che l’Associated Press ha contattato le autorità federali in merito al suo contenuto.

Allen ha rifiutato di commentare i nuovi documenti. In precedenza aveva negato di lavorare come agente del Qatar e ha affermato che i suoi sforzi in Qatar nel 2017 erano motivati ​​​​a prevenire una guerra nel Golfo che avrebbe messo in pericolo le forze statunitensi.

Un portavoce di Allen Bo Phillips ha dichiarato all’Associated Press la scorsa settimana che Allen “ha collaborato volontariamente con le indagini del governo su questa questione”.

La dichiarazione giurata afferma che Allen, che era un senior fellow presso la Brookings Institution prima di diventare presidente, ha utilizzato il suo account di posta elettronica ufficiale del think tank per alcune delle sue comunicazioni relative al Qatar.

La Brookings Institution non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Il Qatar è stato a lungo uno dei maggiori finanziatori della Brookings Institution, anche se l’istituto afferma di aver recentemente smesso di ricevere finanziamenti dal Qatar.

Olson stava lavorando con Zubairy su un’altra questione del Qatar a metà del 2017, quando Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e altri stati del Golfo hanno annunciato un blocco del Qatar per i suoi presunti legami con gruppi terroristici e altre questioni.

Subito dopo l’annuncio del blocco, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump sembrava essere prevenuto nei confronti del Qatar.

I documenti del tribunale affermano che Allen ha svolto un ruolo significativo nel cambiare la risposta degli Stati Uniti. In particolare, le autorità affermano che Allen fece pressioni sull’allora consigliere per la sicurezza nazionale HR McMaster affinché l’amministrazione Trump adottasse un tono più favorevole al Qatar.

READ  La Cina vuole evitare le sanzioni statunitensi a causa della guerra russa

In un’e-mail a McMaster, Allen ha affermato che i qatarini vogliono che la Casa Bianca o il Dipartimento di Stato rilascino una dichiarazione in cui inviti tutte le parti coinvolte nella crisi diplomatica del Golfo a “esercitare moderazione”.

Funzionari delle forze dell’ordine federali affermano che l’allora Segretario di Stato Rex Tillerson lo fece solo due giorni dopo, rilasciando una dichiarazione in cui invitava altri stati del Golfo a “rilassare il blocco del Qatar” e chiedere che “non ci dovrebbe essere un’ulteriore escalation da parte delle parti nella regione. “

Come parte della campagna di lobbying, affermano le forze dell’ordine federali, Olson e Allen si sono recati in Qatar per incontrare l’emiro al potere del paese e altri alti funzionari.

Durante l’incontro, Allen ha offerto consigli su come influenzare la politica statunitense e ha affermato che i qatarini dovrebbero “utilizzare l’intera portata” delle operazioni di informazione, comprese le operazioni “in bianco e nero”, come affermato nella dichiarazione giurata. Di solito le operazioni “nere” sono clandestine e talvolta illegali. Il Qatar è stato accusato di aver orchestrato hack e fughe di notizie ai suoi critici e oppositori durante la crisi diplomatica, incluso uno che prendeva di mira un ambasciatore negli Emirati Arabi Uniti. Il Qatar ha negato ogni addebito.

La dichiarazione giurata diceva che prima di andare a Doha, Allen voleva “conversare” con Olson e Zuberi sul suo compenso. Allen ha suggerito in un’e-mail che avrebbe addebitato una “tariffa per l’altoparlante” di $ 20.000 per il viaggio del fine settimana – anche se non stava tenendo un discorso – e quindi “prendere un accordo completo per una relazione a lungo termine”, secondo la dichiarazione giurata. .

READ  Il presidente del Messico minaccia di saltare il Summit delle Americhe a meno che gli Stati Uniti non invitino tutti i paesi

La dichiarazione giurata affermava che Al-Zubayri aveva pagato il biglietto di prima classe di Allen per il Qatar, ma non c’era alcuna indicazione che la quota dell’oratore fosse stata pagata. Il portavoce di Allen ha detto che il generale non gli aveva pagato alcun compenso in passato. Non è chiaro il perché. Alcuni degli ex soci in affari di Zubairy lo hanno accusato di non onorare i suoi obblighi finanziari.

L’FBI ha affermato che Allen aveva anche altri incentivi finanziari per aiutare i qatarioti e mantenere forti relazioni con i suoi massimi leader.

“Nello stesso momento in cui stava facendo pressioni sui funzionari del governo degli Stati Uniti per conto del Qatar, Allen ha condotto almeno un accordo commerciale multimilionario con il governo del Qatar per conto di una società che ha servito nel suo consiglio di amministrazione”, afferma la dichiarazione giurata.

Di ritorno dal loro viaggio in Qatar, ha detto l’FBI, Allen e Olson hanno fatto pressioni sui membri del Congresso, in particolare su coloro che hanno sostenuto una risoluzione della Camera che collega il Qatar al finanziamento del terrorismo.

Tra loro c’era il rappresentante Ted Liu, un democratico della California, che ha detto alle forze dell’ordine che non ricordava esattamente cosa avesse detto Allen, ma la sua impressione era che fosse lì per “sostenere i funzionari del paese e la loro posizione”.

__

Contatta il team investigativo globale dell’Associated Press all’indirizzo [email protected] o https://www.ap.org/tips/

__

Sudirman ha riferito da Richmond, Virginia, e Mustian da New Orleans.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.