L’Europa parla di aderire all’embargo petrolifero russo

In una serie di incontri che inizieranno lunedì, i leader dell’UE discuteranno se eliminare gradualmente il più grande fornitore di petrolio della regione, essendosi già impegnato a Interrompere l’uso del gas naturale russo Del 66% quest’anno.

“Dobbiamo discutere come possiamo sostenere maggiormente l’Ucraina, politicamente ed economicamente, con aiuti umanitari e sicurezza, tutto è sul tavolo. In modo da poter garantire che faremo il possibile per fermare Putin e la sua aggressione contro l’Ucraina”, Il ministro degli Esteri danese Jeppe Kofod ha detto ai giornalisti: “È importante con sanzioni economiche continuare su questa strada”.

La Russia è il secondo esportatore di petrolio al mondo, dopo l’Arabia Saudita, e nonostante l’impatto scioccante senza precedenti Sanzioni finanziarie occidentali ed embargo annunciati da Stati Uniti e Regno Unito, che continuano a guadagnare Centinaia di milioni di dollari al giorno delle esportazioni di energia.

“Penso che sia inevitabile iniziare a parlare di settore energetico. Si può certamente parlare di petrolio, perché è la più grande entrata per il bilancio russo”, ha detto il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis al suo arrivo a Bruxelles per incontrare il suo omologo lituano . controparti nell’Unione Europea.

Altri paesi dell’Unione Europea sostengono l’idea di colpire con sanzioni il bene più prezioso della Russia.

“Data l’entità della devastazione in Ucraina in questo momento, è molto difficile – a mio parere – dimostrare che non dovremmo passare al settore energetico, in particolare petrolio e carbone, in termini di boicottaggio del normale commercio”, ha affermato Il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney.

L’Unione Europea attualmente dipende dalla Russia per circa il 40% del suo gas naturale. La Russia fornisce anche circa il 27% delle importazioni di petrolio e il 46% delle importazioni di carbone.

READ  Il primo paese della NATO a inviare potenti missili terra-aria in Ucraina per abbattere aerei russi e missili da crociera

Cosa farà la Germania?

All’inizio di questo mese, i leader dell’Unione Europea hanno affermato che il blocco non poteva ancora unirsi agli Stati Uniti nel bandire il petrolio russo, a causa dell’impatto sulle famiglie e sulle industrie già alle prese con prezzi record. Invece, hanno detto che avrebbero lavorato per a La scadenza è il 2027 per porre fine alla dipendenza del blocco sull’energia russa.

C’è anche il rischio che la Russia si vendichi limitando le esportazioni di gas naturale. Il vice primo ministro Alexander Novak ha dichiarato questo mese che Mosca potrebbe interrompere le forniture di gas alla Germania tramite il gasdotto Nord Stream 1 come punizione. Berlino sta bloccando il nuovo progetto del gasdotto Nord Stream 2.

Tuttavia, l’opinione politica potrebbe intensificarsi in Europa mentre la Russia intensifica i suoi attacchi alle città ucraine, uccidendo centinaia di civili e costringendo milioni di persone a fuggire dalle loro case.

Molto tornerà a paesi come la Germania, il più grande consumatore di energia della Russia in Europa, così come ad altri paesi che acquistano gran parte del suo gas, come l’Ungheria e l’Italia.

Il ministro degli Esteri tedesco Annalena Birbock ha affermato che il Paese sta “lavorando a pieno ritmo” per porre fine alla sua dipendenza dalla Russia, ma che, come alcuni altri Paesi dell’UE, non può smettere di acquistare petrolio russo ogni giorno.

“Se possiamo farlo spontaneamente”, ha detto.

Anche senza un divieto dell’UE – e qualsiasi potenziale contrattacco russo – il mondo affronta il più grande shock energetico degli ultimi decenni, Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia. La scorsa settimana ha affermato che la Russia potrebbe dover ridurre la produzione di petrolio greggio del 30% a partire dal prossimo mese a causa del calo della domanda.

Canada, Stati Uniti, Regno Unito e Australia hanno già vietato le importazioni di petrolio russo, colpendo quasi il 13% delle esportazioni russe. E le mosse delle principali compagnie petrolifere e delle banche internazionali di smettere di trattare con Mosca dopo l’invasione stanno costringendo la Russia a offrire il suo greggio a un enorme sconto.

READ  Talebani mettono in guardia contro l'uccisione di civili con missili pakistani | Notizia

L’Agenzia internazionale per l’energia con sede a Parigi, che monitora le forniture energetiche per le principali economie avanzate del mondo, ha affermato che la produzione russa potrebbe diminuire di 3 milioni di barili al giorno.

“Le implicazioni di una possibile perdita delle esportazioni petrolifere russe sui mercati mondiali non possono essere sottovalutate”, ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia nel suo rapporto mensile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.