Lettera dall’Ucraina. La testimonianza di un giovane di Pucha era nascosta nel seminterrato della casa, sopra la quale sono entrati i soldati russi: “Gli ho chiesto: mi ucciderai?”

Da qualche parte a Pucha, in una strada chic che fa da cornice a un film americano, il fotografo ucraino Nick Federko (25), nato e cresciuto in una città da sempre associata alle atrocità e ai crimini dell’esercito russo, guarda fuori dalle finestre. Le parti rotte della casa dei suoi genitori non capiscono perché i soldati russi abbiano cercato così tanto di distruggere la sua casa recentemente ristrutturata.

Il 16 aprile, Nick è tornato a casa dei suoi genitori a Pucha. Il primo giorno di guerra mandò i suoi genitori, moglie e figlio in Polonia, dove era solo in Ucraina.

Il caos e il dolore lasciati dai russi a Pucha

Cammina tra le cime dei suoi stivali, vestiti sparsi e imballaggi, la sua vista persa nel vuoto. Finora ha imballato dozzine di bidoni della spazzatura e la casa è ancora devastante.

Dopo il ritiro delle truppe russe, le strade di Pucha erano piene di cadaveri e sangue, grandi fosse contenenti centinaia di ucraini morti e l’agonia senza fine dei loro figli, madri e vicini che erano stati uccisi dai soldati russi.

Lettera dall'Ucraina.  La testimonianza di un giovane di Pucha è stata nascosta nel seminterrato della casa in cui sono entrati i soldati russi:
Nick è un fotografo freelance ed è venuto a documentare il resto di Pucha

Lentamente, tuttavia, la gente di Pucha sta cercando di ricostruire le proprie case distrutte e ricostruire una comunità che è stata scossa da molte morti.

Hanno rotto la finestra con le scarpe e si sono precipitati in casa.

Nick non pianse a lungo. Infatti, nel seminterrato della casa, sul terrazzo non poteva piangere dopo la prima notte trascorsa con i soldati russi. Al contrario, fuma molto. Sigaretta dopo sigaretta. Dall’inizio della guerra, lui ei suoi amici Anya e Vanya decisero di rimanere a casa dei genitori di Nick, sperando che il tranquillo sobborgo di Pucia sarebbe stato liberato dalla guerra.

Raccomandazione

“È doloroso vedere così tante giustificazioni moldave per ciò che la Russia sta facendo in Ucraina”. Intervista al Presidente IMAS Chisinau sull’indagine che fornisce il quadro del Paese limitrofo

“Ma come fa qualcuno a impossessarsi della tua casa in una zona di guerra? Devo venire a bussare alla porta?” gli chiedo quasi stupidamente. Nick sorride amaramente e mi dice che non è così. Spinto verso il prato. Dopodiché, i soldati hanno rotto la finestra con le scarpe e si sono semplicemente precipitati in casa “, ha ammesso il giovane.

Lettera dall'Ucraina.  La testimonianza di un giovane di Pucha è stata nascosta nel seminterrato della casa in cui sono entrati i soldati russi:
La casa della famiglia di Nick dopo l’occupazione russa

“Siamo venuti a salvarti. Non siamo barbari o ladri.”

Tutti e tre i ragazzi erano nascosti nel seminterrato. “Ho sentito molte persone entrare in casa, e poi stavo scendendo i gradini del seminterrato. La porta si è aperta”.

READ  Boris Johnson incontra Volodymyr Zhelensky a Kiev / Odessa assediata / Funzionario europeo afferma che un quarto delle truppe russe in Ucraina sono "quasi inattive"
Lettera dall'Ucraina.  La testimonianza di un giovane di Pucha è stata nascosta nel seminterrato della casa in cui sono entrati i soldati russi:
Nick si nascondeva nel seminterrato con due amici

Poi i soldati portarono tutti nel cortile, dove si trovavano gli altri soldati. Uno di loro ha detto loro: “Siamo venuti a salvarvi. Non siamo selvaggi o ladri. Questa volta hanno saccheggiato l’intera casa. Tutti e tre i ragazzi si sono tolti le mutande e hanno rotto i telefoni. Hanno preso solo le sue schede di memoria.

“Ho cercato di trovare il nostro pastore tedesco di 8 anni Luna. Ho chiesto ai soldati cosa le fosse successo e mi hanno detto: “Dobbiamo ucciderla”, dice il giovane.

Lettera dall'Ucraina.  La testimonianza di un giovane di Pucha è stata nascosta nel seminterrato della casa in cui sono entrati i soldati russi:
La casa dei genitori di Nick

“Sono andato nel panico quella notte”

Nick pensa che siano fortunati. I soldati russi li rimandarono in cantina con 15 uomini – donne e bambini – che li avevano portati dalle case vicine. “Ho avuto un attacco di panico quella notte”, dice Nick.

Uno dei soldati russi avrebbe aperto la porta del seminterrato e lanciato una granata, e avevo paura che saremmo morti tutti lì.

Nel seminterrato, i soldati russi hanno portato loro acqua e cibo e hanno dato loro un secchio da usare come gabinetto. “Le fondamenta erano così calde e umide perché c’erano così tante persone. È stata una notte molto difficile per me”, ha ricordato Nick.

Raccomandazione

“Il presidente russo è interessato a porre fine alla guerra”. Come l’ex presidente Haggard Schrder è diventato l’uomo di Putin in Germania – analizza il NY Times

È così che hanno vissuto con i russi per due giorni nelle stanze al piano di sopra, perlustrando gli armadi alla ricerca di oggetti di famiglia. Hanno rubato tutto ciò che doveva essere rubato, dice il giovane, e hanno distrutto ciò che non potevano trasportare. “Anche la bici di mio figlio. Questo è nuovo di zecca! ”

Lettera dall'Ucraina.  La testimonianza di un giovane di Pucha è stata nascosta nel seminterrato della casa in cui sono entrati i soldati russi:
Casa dopo l’occupazione dei soldati russi

“Il mio sogno è che i miei genitori, che ora sono rifugiati, tornino in una casa più bella che mai”.

La casa sembra un uragano. Non ha girato nessun angolo. Scatole aperte, cassetti rotti, disastro ovunque. Nick ha ancora il potere di ridere del modo in cui si sono comportati i russi. Divertito, ha ricordato di aver trovato avocado mezzo mangiato in cucina. “Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. Il soldato non sapeva cosa fosse l’avocado, è stato morso come una mela ed è rimasto un po’ deluso nel vedere il gusto culinario degli ucraini.

READ  L'uragano Eunice ha colpito la Gran Bretagna con la forza di un uragano. Immagini virali con tetti sferzati dal vento e alberi abbattuti

Questa è l’unica volta che ride. Altrimenti, la sua visione vaga per le stanze fatiscenti dei soldati di Putin. “Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. Ma li recupereremo “, ha detto Nick. “Il mio sogno è essere più bella dei miei genitori, che ora sono rifugiati in Polonia, torneranno a casa tra qualche mese e se ne andranno”.

“Hai intenzione di uccidermi?” Gli ho chiesto.

La sua ambizione è vanificata poiché l’intera comunità è in subbuglio. Gli orrori della guerra hanno inflitto ferite profonde alla maggior parte delle strade di Pucha. Le famiglie che hanno perso qualcuno, le case sono state completamente distrutte, le strade di accesso sono state demolite e c’era grande incertezza che la guerra fosse ancora lontana.

Nick è più precisamente ottimista perché la morte gli si è avvicinata così tanto. La mattina dopo la prima notte trascorsa nel seminterrato, sotto l’occupazione russa, un ufficiale è venuto e ha portato fuori Nick. Gli hanno legato le mani e lo hanno portato sulla strada della foresta a 15-20 metri da casa sua.

Lettera dall'Ucraina.  La testimonianza di un giovane di Pucha è stata nascosta nel seminterrato della casa in cui sono entrati i soldati russi:
Nel luogo in cui Nick è stato ammanettato, c’erano già tre corpi

“Hai intenzione di uccidermi?” Gli ho chiesto. Al che la loro risposta secca fu: “Dipende!” Mi hanno portato in un magazzino di mattoni dove c’erano tre corpi. Mi hanno chiesto se li conoscessi. Ho detto loro di no. Se dico di conoscerli, mi uccideranno subito”, ha detto Nick Federico.

Ne ha identificato uno e un vicino che conosceva aveva delle armi in casa e ha combattuto per protesta. “Avrei potuto facilmente interagire con loro e apparentemente uccidermi”, spiega il giovane fotografo. Da allora i sogni sono venuti a lui e ha dormito molto duramente.

Partenza per Kiev e rientro a casa

Tuttavia, i soldati russi gli hanno permesso di tornare nel seminterrato. Il giorno dopo raccolse il coraggio e salì al piano di sopra. I russi se ne sono andati, ma si sono lasciati tutto alle spalle. Nick ei suoi amici hanno raccolto oggetti utili in 15 minuti e sono andati al luogo dell’incontro dove gli autobus della Croce Rossa ucraina hanno evacuato il pubblico. Sono riusciti a raggiungere un parente a Kiev, non lontano dal massacro di Pucha.

La domenica di Pasqua smise di pulire, ma non potendo restare, comprò la Pasqua e la distribuì al suo vicino. Le persone escono una ad una dal cancello, la maggior parte delle quali anziane, riconoscono la sua voce prima ancora che lui veda il suo volto, e poi lo ringraziano per non averle dimenticate.

Nick-Federico-fotografo 25enne del Fuchsia-Kiev-1Icona fotoVedere Galleria FotoFoto 1/13

***

leggi di più:

Lettera dall’Ucraina nel villaggio dove i russi hanno ucciso il sindaco e tutta la sua famiglia. “Stavano sparando a tutte le macchine, anche con i bambini”.

La famiglia Radukanu non lo nega!  Emma ha reso pubblica la sezione:

GSP.RO

La famiglia Radukanu non lo nega! Emma ha reso pubblica la sezione: “Questa è la cosa migliore per la mia crescita”


Shock!  La Russia ha accusato la Romania di aver attaccato la Transnistria.  Gravi conseguenze per il nostro Paese

Playtech.ro

Shock! La Russia ha accusato la Romania di aver attaccato la Transnistria. Gravi conseguenze per il nostro Paese


Grande mistero nel caso di una bambina di 5 anni ricoverata in ospedale per epatite a Bucarest.  Qual è il suo stato?

Observatornews.ro

Grande mistero nel caso di una bambina di 5 anni ricoverata in ospedale per epatite a Bucarest. Qual è il suo stato?


Oroscopo 26 aprile 2022. I Pesci sono una specie di stella, ovunque vadano, per questo dovrebbero mostrarsi con rispetto

Oroscopo

Oroscopo 26 aprile 2022. I Pesci sono una specie di stella, ovunque vadano, per questo dovrebbero mostrarsi con rispetto


Il primo paese della NATO ad annunciare piani militari contro la Russia.  Ambasciatore:

stirileprotv.ro

Il primo paese della NATO ad annunciare piani militari contro la Russia. Ambasciatore: “Siamo piccoli”


Il bunker di Vladimir Putin scoperto dalle forze segrete.  Colpo di teatro.  Il presidente russo teme per la sua vita

Orangesport.ro

Il bunker di Vladimir Putin scoperto dalle forze segrete. Colpo di teatro. Il presidente russo teme per la sua vita


Nespresso Vertuo, il caffè come lo vuoi tu

Pubblicità

Nespresso Vertuo, il caffè come lo vuoi tu

Guarda l’ultimo video

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.